Cinema Dei Giusti

VITTORIO SGARBI ABBRACCIA LA GIORNALISTA

IL NECROLOGIO DEI GIUSTI - IL CINEMA HORROR PERDE UNO DEI SUOI PIÙ GRANDI MITI, ZÉ DO CAIXÃO, ALIAS JOSÉ MOJICA MARINS, 89 ANNI, L’UOMO CHE HA INVENTATO IL CINEMA DEL TERRORE IN BRASILE CON IL PERSONAGGIO, APPUNTO DI ZÉ DO CAIXÃO, AUTORE E INTERPRETE DI FILM MISERABILI MA FONDAMENTALI – ZÉ ERA UNA SORTA DI DRACULA CONTADINO MA CON CILINDRO, ANARCHICO, EROTOMANE BLASFEMO. CERCA LA DONNA PER FARE IL FIGLIO PERFETTO, MA NON SEMPRE LA TROVA. E INTANTO LE DONNE MUOIONO… – VIDEO

I DAVID DEI GIUSTI – QUEST’ANNO SE LA VEDRANNO “IL TRADITORE” DI BELLOCCHIO (18 NOMINATION), “PINOCCHIO” DI GARRONE E “IL PRIMO RE” DI MATTEO ROVERE (15 CIASCUNO) - NULLA O QUASI A “SUSPIRIA DI GUADAGNINO, NOMINATO SOLO PER LE MUSICHE E LA CANZONE, AL PUNTO CHE ASSISTEREMO ALLO SCONTRO EPOCALE DIODATO CONTRO THOM YORKE – NELLA PIÙ PURA TRADIZIONE, NON TROVIAMO UN SOLO FILM COMICO TRA I TITOLI SELEZIONATI – CHI VINCE? FAVINO, È IL SUO ANNO, E SARÀ IL SUO ANNO ANCHE IL PROSSIMO – VIDEO

GLI OSCAR DEI GIUSTI - CHE BOMBA! ''PARASITE'' DI BONG JOON-HO, ARRIVATO PIANO PIANO ALLA SERATA FINALE, ESATTAMENTE COME I SUOI PROTAGONISTI, SI È PORTATO A CASA TUTTO QUELLO CHE POTEVA: MIGLIOR FILM, REGIA, SCENEGGIATURA E FILM STRANIERO. JOAQUIN PHOENIX, RENEE ZELLWEGER MIGLIORI ATTORI PROTAGONISTI, BRAD PITT E LAURA DERN NON PROTAGONISTI - UNA DOCCIA FREDDA COREANA SU HOLLYWOOD, SIA VECCHIO STILE SIA NETFLIX. MALE IL GRANDE FAVORITO ''1917'', NIENTE PER SCORSESE, QUALCOSINA PER 'JOJO RABBIT'

IL NECROLOGIO DEI GIUSTI – IL CINEMA ITALIANO PERDE UNO DEI SUOI PIÙ STORICI E COMBATTIVI PRODUTTORI, GIANNI MINERVINI, VINCITORE DI BEN TRE DAVID E PREMIO OSCAR GRAZIE A “MEDITERRANEO” DI SALVATORE, ANCHE SE LA SCENA SUL PALCO GLIELA RUBÒ VITTORIO CECCHI GORI, CHE LO AVEVA RELEGATO IN GALLERIA PROVOCANDO UN CERTO TRAMBUSTO AL MOMENTO DELLA VITTORIA – È SEMPRE STATO MOLTO COSTANTE SEGUENDO CON PASSIONE LA CARRIERA DI GIOVANI REGISTI, SPESSO LANCIANDOLI CORAGGIOSAMENTE CON LE LORO OPERE PRIME – VIDEO

IL CINEMA DEI GIUSTI - CICCIONE BAFFUTO, SFIGATO, MAMMONE, SOGGETTONE CON VOGLIE DI FARE IL POLIZIOTTO ALLA ALBERTO SORDI, ARMATO DI FUCILI, BOMBE E PISTOLE COME FOSSE BIN LADEN, È CHIARO CHE L'EROE DEL NUOVO OMONIMO FILM DI CLINT EASTWOOD, “RICHARD JEWELL”, INTERPRETATO DA PAUL WALTER HAUSER, SI PRESTA PIÙ A FARE IL COLPEVOLE DI UN ATTENTATO BOMBAROLO CHE IL PATRIOTA CHE SALVA VITE UMANE - E’ UNA SORTA DI DIFESA DEL MASCHIO BIANCO AMERICANO TUTTO ARMI E PATRIOTTISMO - VIDEO

ARIDANGHETE! “TOLO TOLO” DI CHECCO ZALONE IN ITALIA SEGUITA LA SUA CORSA IN TESTA, IERI ALTRI 1,9 MILIONI PER UN TOTALE DI 41 MILIONI, GRAZIE ANCHE ALL'OCCUPAZIONE DI 1000 SALE, LASCIANDO AL SECONDO POSTO “HAMMAMET” DI GIANNI AMELIO, ARRIVATO A 2,2 MILIONI QUESTO WEEKEND, E AL TERZO “PICCOLE DONNE” DI GRETA GERWIG, 1,6 MILIONI. IN AMERICA SIAMO GIÀ IN ODORE DI OSCAR. E LI' STRAVINCE IL WEEKEND IL POTENTE FILM DI GUERRA DI SAM MENDES “1917”, TUTTO GIRATO IN PIANO SEQUENZA…

STRABOOM! AL SUO SECONDO GIORNO IN SALA “TOLO TOLO” DI CHECCO ZALONE AGGUANTA ALTRI 4,9 MILIONI DI EURO PER UN TOTALUCCIO DI 13,7 MILIONI DI EURO - MARCO GIUSTI: “DIFFICILE DIRE SE SI FERMERÀ LA CORSA DEL FILM. IL NUMERO DELLE SALE È IMPRESSIONANTE MA I COMMENTI SU TWITTER DEL PUBBLICO, DICIAMO DI DESTRA, SONO DA VERI HATERS, CON UN LIVORE CHE DIMOSTRA LO STATO MENTALE DI PARTE DEL PAESE, ANCHE PERCHÉ PARTONO TUTTI DALLA VISIONE DEL TRAILER CHE AVEVANO LETTO COME ANTI-IMMIGRAZIONE…”

IL CINEMA DEI GIUSTI - ‘’TOLO TOLO’’ È MENO DIVERTENTE DEI SUOI PRIMI FILM, SI SORRIDE PIÙ CHE RIDERE, MA È PIÙ AMBIZIOSO E DIFFICILE - QUANDO GIOCA SULLE MANIE E SUI GUSTI DELL’ITALIANO DI PROVINCIA, CHECCO È IMBATTILE, COME LO ERANO SORDI E MANFREDI AI TEMPI DELLA COMMEDIA ALL’ITALIANA. QUALCOSA NON FUNZIONA QUANDO CI SI SPOSTA DALLA COMMEDIA A TEMI PIÙ DRAMMATICI - C’È PURE UN PERSONAGGETTO CHE DA GALOPPINO LOCALE ALLA DI MAIO DIVENTERÀ, IN BREVE, ASSESSORE, SINDACO, PREFETTO, MINISTRO DEGLI ESTERI, PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ALLA CONTE. UNA DELLE INVENZIONI MIGLIORI DEL FILM

IL NECROLOGIO DEI GIUSTI - ANNA KARINA, CHE CI HA LASCIATI A 79 ANNI, DEVE MOLTO ALLA NOUVELLE VAGUE E AL SUO PRIMO MARITO E REGISTA JEAN-LUC GODARD, CHE L’HA IMMORTALATA IN CAPOLAVORI COME “VIVRE SA VIE”, “PIERROT LE FOU”, “LA DONNA È DONNA”, “BANDE À PART”, MA AVEVA LEI STESSA UNA PRESENZA CHE HA RESO QUEI FILM STRAORDINARI - ANNA TRADI' GODARD CON IL GIOVANE ATTORE FRANCESE JACQUES PERRIN. LO VOLEVA SPOSARE. E PER LUI CERCO' DI UCCIDERSI CON I BARBITURICI… - VIDEO

IL CINEMA DEI GIUSTI - ''PINOCCHIO'' DI GARRONE E’ UN FILM MOLTO PIÙ COMPLESSO E DIFFICILE DI QUELLO CHE PUÒ APPARIRE CHE HA IL GRANDE PREGIO DI NON NASCONDERSI DI FRONTE ALLE DIFFICOLTÀ, MA DI FARCELE VEDERE CON ESTREMO CANDORE, AL PUNTO DA ALTERNARE EPISODI PIÙ RIUSCITI A ALTRI MENO RIUSCITI. IL FILM NON E' COMPATTO E PERFETTO COME ''DOGMAN'', MA HA PUNTE DI MESSA IN SCENA E DI RECITAZIONE ASSOLUTAMENTE STREPITOSE. DAVVERO NON CAPISCO LE ACCUSE CHE HO SENTITO ALLA VISIONE DEI CRITICI DI FREDDEZZA, DI INUTILITÀ, DI MALFUNZIONAMENTO''

IL CINEMA DEI GIUSTI - DAL CINEPANETTONE AL CINECANNOLO: ARRIVA IL FILM NATALIZIO DI FICARRA E PICONE (CON GUAGLIANONE E TESTINI) - PER IL PUBBLICO ITALIANO, DOPO ANNI E ANNI DI CINEPANETTONI È UNA BELLA SVOLTA. NON RINNEGO CERTO IL MIO AMORE PER LA VOLGARITÀ DEI CINEPANETTONI DI BOLDI E DE SICA, NON SIA MAI, MA FICARRA E PICONE CI PORTANO VERSO UN TIPO DI COMICITÀ ASSOLUTAMENTE CLASSICA, PENSO AI TROISI E BENIGNI DI ''NON CI RESTA CHE PIANGERE'', MA ANCHE A FRANCO E CICCIO DIRETTI DA FULCI…