“TU, PIUTTOSTO, GIORNALISTA: NON HAI CALDO ANCORA TUTTO VESTITO?” – LO STREPITOSO REPORTAGE DI RONCONE DA CAP D’AGDE, IL "PIÙ GRANDIOSO LUNAPARK DEL SESSO ESISTENTE SUL PIANETA, UN GIGANTESCO VILLAGGIO VACANZE NEL QUALE IL NATURISMO È DIVENTATO SCAMBISMO DI MASSA, PER ETERO/GAY/BISEX, INSOMMA PROPRIO PER TUTTI, BELLI E BRUTTI, GIOVANI, MILF E SIGNORE COMPLETE DI DENTIERA” – “OMBRELLONI E ASCIUGAMANI E CENTINAIA DI GENITALI D'OGNI ETÀ, CETO SOCIALE, GRADAZIONE DI BELLEZZA. UN MISCHIONE PAZZESCO. ORA: SPIEGARVI COSA SUCCEDE NON SI PUÒ. PERÒ, INSOMMA: CI SIAMO CAPITI" - "IL FAMOSO GIOCO DELL'OROLOGIO PARTE NON APPENA UNA COPPIA INIZIA A DARSI DA FARE. ALLORA, DALLE DUNE, CALANO DECINE DI UOMINI FAMELICI, ZAINETTO E OCCHIALI DA SOLE, E SI METTONO…”


“MA CHE VUOI?” ANTONIO CONTE CONTRO THOMAS TUCHEL: È RISSA DA FAR WEST IN CHELSEA-TOTTENHAM - INCREDIBILE A STAMFORD BRIDGE: PER DUE VOLTE I TECNICI DELLE DUE SQUADRE VENGONO QUASI ALLE MANI. ALLA FINE SONO ESPULSI ENTRAMBI ED È PROBABILE CHE VENGANO SQUALIFICATI PER PIÙ DI UNA GIORNATA. LA BATTAGLIA TRA TUCHEL E CONTE ERA INIZIATA A METÀ SECONDO TEMPO DOPO IL PARI DEGLI SPURS. CONTE ESULTA IN FACCIA A TUCHEL CHE A SUA VOLTA LO SPINGE VIA. IL SECONDO ROUND AL TERMINE DELLA GARA QUANDO… - VIDEO

“MEGLIO I CROLLI FINANZIARI CHE UN TONI NEGRI CON IL PASSAMONTAGNA E LA P38. FANCULO TE E LA P38” – DAGO ON FIRE: “GLI ANNI OTTANTA SONO STATI ANNI DI STRAORDINARIA INNOVAZIONE. SONO STATI ANNI FELICI. SI DICEVA ‘IL PRIVATO È POLITICO’, ‘VOGLIAMO TUTTO’, MA L'EROINA ERA OVUNQUE. UN MONDO CHE TERMINA NEL '78” – “2400 MORTI PER QUESTIONI POLITICHE. MEGLIO IL FRIVOLO, LA DISCOTECA, PERSINO LA COCAINA È MEGLIO DELLA P38. PER PASOLINI AVREMMO AVUTO UN MONDO OMOGENIZZATO, MA DI CHE? LA VERITÀ È CHE AI NOSTRI SOLONI GLI RODEVA IL CULO PERCHÉ NON DAVANO PIÙ LORO LA LINEA POLITICA AL POPOLO BUE. HANNO ROTTO LE SCATOLE A QUEL POVERO DE MICHELIS PERCHÉ VOLEVA BALLARE. ERANO MEGLIO PIPERNO, FARANDA, MORETTI CHE VOLEVANO SOLO AMMAZZARE GLI ALTRI?”

“IL SOTTOSCRITTO MANDA A FARE IN CULO TUTTI GLI STRONZI CHE GLI HANNO ROTTO I COGLIONI IN QUESTA CAZZO DI VITA” - BARBARA COSTA: “E’ IL BIGLIETTO LASCIATO DAL FOTOGRAFO SADOMASO E TRAV, INCESTUOSO E AMORALE PIERRE MOLINIER CHE SI È SPARATO IN BOCCA A 45 ANNI. SULLA PORTA DI CASA HA POSTO QUESTO AVVISO: “IO MI AMMAZZO. LA CHIAVE È DAL PORTIERE” - NEL LIBRO “OUTSID3RS” E’ RACCONTATA LA SUA STORIA E QUELLA DI ALTRI GENI INCOMPRESI COME TANCREDI PARMEGGIANI, BELLOCCIO UN PO’ SVALVOLATO, CHE PER DI ARTE CAMPARE SI FA TOY BOY DI PEGGY GUGGENHEIM, E PERÒ SI SCOPAVA AL CONTEMPO LA DI LEI FIGLIA PEGEEN…

“NON HO MAI DETTO TI AMO A MIA MOGLIE" – LA RELAZIONE TRA PIERO ANGELA E MARGHERITA PASTORE, SEMBRA UN CLAMOROSO SPOT AL PATRIARCATO: TRA LORO FU UN COLPO DI FULMINE. SPOSATI DA 66 ANNI, LEI LO HA SEGUITO OVUNQUE: “È PIÙ METÀ DEL MIO SUCCESSO. HA RINUNCIATO ALLA CARRIERA E HA TIRATO SU DUE FIGLI MAGNIFICI” – LUI IN UN’INTERVISTA A “OGGI” CONFESSÒ DI NON AVERLE MAI DETTO TI AMO: “SONO PIEMONTESE. NEL NOSTRO DIALETTO NON ESISTE IL VERBO AMARE: USIAMO IL PIÙ CONTEGNOSO BOREJ BEN. E NON ESISTE NEPPURE LA PAROLA BACIO. DICIAMO…”

“PER FORTUNA NON MI HANNO STUPRATO. SOLO DERUBATO” – MASSIMILIANO MINNOCCI, CONOSCIUTO SUI SOCIAL COME “IL BRASILIANO”, È STATO DROGATO (CON IL GHB) E RAPINATO A FORMENTERA: “MI HANNO FREGATO IL PORTAFOGLIO. DENTRO C’ERA 8MILA EURO”. MA CHE CI FACEVA CON TUTTI QUEI CONTANTI? NON CI SONO POS NELL’ISOLA?– “QUI GIRA TANTA COCAINA ED È PIENA DI PROFESSIONISTI DEL FURTO. LA MATTINA MI SONO RITROVATO DISTESO A TERRA. MI HANNO PICCHIATO? NO, ANCHE PERCHÉ SE MI DAVANO QUALCHE CALCIO, RIMBALZAVO. PER FORTUNA AVEVO LASCIATO IN STANZAIL MIO OROLOGIO, DAL VALORE DI 100MILA EURO, E IL…”

“MIKE MI FERMÒ E PENSAI CHE VOLESSE FARMI LA CORTE. MA MI DISSE: ‘COS' HA CAPITO? SIGNORINA, LE STO OFFRENDO UNO STIPENDIO!’. AVEVO 17 ANNI E MEZZO’” – VITA, POSE E COPERTINE DI SABINA CIUFFINI, LA STORICA VALLETTA DI “RISCHIATUTTO”: “AGNELLI MI CHIAMÒ ALLE 6 DEL MATTINO: ‘BUONGIORNO SIGNORINA, MI DICA DI MIKE’. ALL'INCONTRO MI AIUTÒ A CERCARE LA BIRO NELLA BORSETTA” – “LA COPERTINA SU PLAYBOY? GLI AMERICANI MINACCIARONO IL DIRETTORE DI LICENZIAMENTO, PERCHÉ NON ERO NUDA. MIKE ANDÒ SU TUTTE LE FURIE E CI RIMASI DI MERDA. ADESSO MI VIEN DA RIDERE. BERNABEI SI SECCÒ DA MORIRE”

COME GRAFFIA GAD! -  LERNER ALL’ATTACCO: “LA RUSSA CHE RINFACCIA A LILIANA SEGRE LE SIMPATIE DI DESTRA DEL DEFUNTO MARITO, DA LEI MOLTO AMATO, È IL TIPICO COLPO BASSO. C'È SEMPRE UN INCARICATO PER I MESTIERI SPORCHI IN QUEL GENERE DI GRUPPI DIRIGENTI, E IGNAZIO LA RUSSA VI SI PRESTA BENISSIMO” – RISPOSTA: “NON MI SEMBRA UN COLPO BASSO. BASSISSIMO, INVECE, È L'ELOGIO CHE GAD LERNER CONTINUA A FARE NEI CONFRONTI DI ADRIANO SOFRI, CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA COME MANDANTE DELL'OMICIDIO CALABRESI”

 

IL DIVANO DEI GIUSTI/2 – MA CHE DAVVERO!? STASERA NON CI RIVEDIAMO “UN SACCO BELLO”, IL PRIMO FILM DI CARLO VERDONE, PRODOTTO DA SERGIO LEONE, CON MARIO BREGA? POI, DOMANI C’È PURE IL MITICO APPUNTAMENTO DEI FAN AL PALO DELLA MORTE… – OCCHIO ALL’EROTICO “LE MALIZIE DI VENERE” DI MASSIMO DALLAMANO CON LAURA ANTONELLI ANCORA GIOVANISSIMA E PARECCHIO SPREGIUDICATA, FENOMENALE IN VERSIONE DOMINATRIX – PASSA ANCHE “FERIE D’AGOSTO” DI PAOLO VIRZÌ, LOTTA DI CLASSE TRA DESTRA ROMANA COATTA E SINISTRA SNOB CON MOLTI SEGRETI - VIDEO

“MIO PADRE NON È MAI STATO MISSINO. E SE LO FOSSE DIVENTATO, DIFFICILMENTE SAREBBE STATO ANCORA IL MARITO DI LILIANA" – LUCIANO BELLI PACI, FIGLIO DI ALFREDO E DI LILIANA SEGRE, SMENTISCE LA STORIA DELLA CANDIDATURA DEL PADRE CON L’MSI: “QUESTA STORIA FA RIDERE, LA TIRANO FUORI CICLICAMENTE PER COLPIRE MIA MADRE, MA NON REGGE A LIVELLO DI LOGICA. FU PROPRIO LEI A RACCONTARE CHE QUEL FATTO MISE IN CRISI IL MATRIMONIO E LUI ABBANDONÒ LA POLITICA” – MA “IL SECOLO D’ITALIA” PUBBLICA LE LISTE ELETTORALI DELL’EPOCA…

“C’È IL RISCHIO CHE CERTI DOCUMENTI POSSANO ESSERE VENDUTI A RUSSIA, CINA O COREA DEL NORD” – L’EX FUNZIONARIO DELL’INTELLIGENCE USA, DAN MEYER: “TRUMP POTREBBE AVER VIOLATO INTENZIONALMENTE LE REGOLE SULLA DECLASSIFICAZIONE. CERTI DOSSIER NON POSSONO MAI ESSERE RESI PUBBLICI” – “GLI STANDARD SONO CHIARI E NON AMMETTONO CHE UN PRESIDENTE IN USCITA ABBIA IL DIRITTO DI METTERE I DOCUMENTI IN UNO SCATOLONE E PORTARLI VIA. ERA SUCCESSO AI TEMPI DI RICHARD NIXON. È UN REATO PENALMENTE PERSEGUIBILE SOTTRARRE DOCUMENTI LA CUI TITOLARITÀ È DEL GOVERNO FEDERALE…”