BRIATORE, INVECE DI PONTIFICARE RIASSUMI I MILLE LAVORATORI CHE HAI LICENZIATO! - IL “BULLONAIRE” PONTIFICA A “NON E’ L’ARENA” PRENDENDOSELA CON IL GOVERNO E POI SPROLOQUIA:C'È GENTE DA DENUNCIARE, PERCHÉ HANNO TACIUTO DEL VIRUS E LO HANNO DIFFUSO. QUESTO NON È REATO?” - VAURO LO INCALZA: “IL SISTEMA SANITARIO E’ IN CRISI DI FINANZIAMENTO ANCHE PER UN REATO CHE E’ L’EVASIONE FISCALE” - BRIATORE, CHE FU SOTTO INCHIESTA PROPRIO PER EVASIONE FISCALE, SBOTTA: “TESTA DI CAZZO, SONO STATO ASSOLTO IN CASSAZIONE”

-

Condividi questo articolo

1 - CORONAVIRUS, VOLANO INSULTI TRA BRIATORE E VAURO

Da https://www.adnkronos.com/

 

Volano insulti tra Flavio Briatore e Vauro Senesi a 'Non è l'Arena' su La7. La discussione tra i due, durante la trasmissione di Massimo Giletti, si è accesa quando Briatore ha lanciato pesanti accuse al governo sulla gestione dell'emergenza Coronavirus.

FLAVIO BRIATORE FLAVIO BRIATORE

 

"Gli ospedali normali hanno saputo del virus il 21 febbraio, prima si sono infettati tutti. C'è gente da denunciare, perché hanno taciuto e lo hanno diffuso. Prima del 21 febbraio gli ospedali in Italia trattavano i casi come se fosse polmonite, nessuno gli ha fatto una comunicazione. Questo non è reato? Perché il governo non li ha informati? Dobbiamo dire le cose come stanno: sono morte 11mila persone, ne potevano morire 2mila come è stato in Corea", ha detto Briatore, secondo il quale "serve una manovra come la Germania e i soldi vanno dati alle aziende, non alle banche".

 

vauro vauro

Immediata la replica di Vauro. "Ho sentito citare una parola pesante come reato, ma uno dei problemi che affligge il nostro sistema sanitario è la carenza di finanziamento. E questo da cosa viene? Anche da chi non paga le tasse e da chi compie il reato, quello sì signor Briatore, di evasione fiscale. Ora sventoliamo i tricolori e siamo tutti italiani, benissimo, ma ci sono delle responsabilità pregresse e attuali. La piaga dell'evasione c'è anche adesso. Quando sento accusare il presidente del consiglio di reati mi stride qualcosa, e non sono un fan di Conte. A mio parere, ma anche del codice penale, l'evasione fiscale è un reato ben più grave", ha puntualizzato il vignettista.

 

Alla controreplica di Briatore, che ha sottolineato di essere stato "assolto in Cassazione", Vauro ha risposto: "Io non ho parlato di lei, che ha la coda di paglia?". Da qui, la risposta stizzita di Briatore: "Testa di c..., io non ho la coda di paglia".

 

2 - NON È L’ARENA, SCONTRO VAURO-BRIATORE: ‘EVASIONE FISCALE È GRAVE’, ‘MI HANNO ASSOLTO’

Domenico Camodeca per https://it.blastingnews.com/

 

briatore briatore

Flavio Briatore è stato uno degli ospiti della puntata di Non è l’Arena, andata in onda su La7 domenica 29 marzo. Il conduttore del talk show della tv di Cairo, Massimo Giletti, ha chiesto il suo parere in merito alla gravissima crisi economica in atto e al modo più rapido ed efficace per uscirne. La tesi di Briatore è che il Governo guidato da Giuseppe Conte abbia commesso diversi errori, al limite della denuncia, tra i quali quello di non fornire immediata liquidità alle imprese per farle ripartire al più presto.

 

L’imprenditore piemontese si è mostrato in gran forma, collegato in video dalla sua abitazione, ma ad un certo punto ha perso la pazienza di fronte alle accuse del vignettista Vauro che, senza fare il suo nome, si è scagliato contro gli evasori fiscali, colpevoli a suo dire delle carenze del sistema sanitario italiano. “Mi hanno assolto, testa di c...”, è stata la veemente reazione di Briatore.

vauro vauro

 

FLAVIO BRIATORE A NON È L'ARENA: ‘CHI LAVORAVA IN NERO NON HA PIÙ SOLDI’

“Avevo 18 ristoranti, non ho mai licenziato nessuno, ho tutta la gente in cassa integrazione - dichiara Flavio Briatore a Non è l’Arena - quando devo ricominciare per far ripartire la macchina ho bisogno di cassa e di tempo, almeno 50 o 60 giorni.

 

L’unica cosa da fare è dare i soldi adesso alle aziende, fare debito e inflazione”. Giletti gli domanda come farebbe concretamente a fare arrivare liquidità alle aziende. “Adesso ho visto che Conte alla gente ha dato 3-400 milioni - risponde deciso - ma bisogna darglieli con il telefonino (mostra il suo smartphone con l’elegante sigla F.B. stampata sul retro ndr), non mandarli prima al Sindaco. Chi lavorava in nero sono sempre esseri umani, non hanno più soldi perché non fanno più niente da mesi.

 

flavio briatore(2) flavio briatore(2)

È uno scandalo, 400 milioni per 8mila Comuni sono niente. Ma quanto tempo sfamiamo la gente con questi soldi qui? - si chiede polemicamente - noi obblighiamo la gente a stare a casa, va bene, è giusto. Ma le persone devono almeno avere la possibilità di fare la spesa e di mangiare. 25 miliardi non bastano, non servono a niente. Dobbiamo fare una manovra come la Germania e lo Stato deve dare i soldi alle aziende, non alle banche”.

 

LA REPLICA DI VAURO: ‘SISTEMA SANITARIO CARENTE, COLPA DI CHI NON PAGA LE TASSE’

vauro vauro

“Io ho sentito citare questa parola piuttosto pesante ‘reato’ - interviene allora Vauro facendo riferimento alle accuse pronunciate poco prima da Briatore nei confronti dei membri del Governo - e allora pensavo alle condizioni del nostro sistema sanitario, nel bene e nel male. Nel bene lo stiamo vedendo. Per il resto ci sono molti problemi, ma uno dei problemi che sicuramente lo affligge è la carenza di finanziamenti. E da cosa viene questo problema? Viene anche da chi non paga le tasse, viene da chi compie il reato, quello sì signor Briatore, di evasione fiscale.

 

Io questo ci tengo a sottolinearlo, perché adesso sventoliamo i tricolori, siamo tutti italiani, siamo tutti nella stessa barca, l’operaio e l’imprenditore, il disoccupato e la casalinga. Però ci sono delle responsabilità che sono pregresse e anche attuali, perché la piaga dell’evasione c’è anche adesso”.

 

LO SCONTRO TRA BRIATORE E VAURO: L’IMPRENDITORE MANDA A QUEL PAESE IL VIGNETTISTA

Ma Vauro non si placa. “Allora mi stride qualcosa, e non sono un fan di Conte, quando sento accusare il Presidente del Consiglio di reati - attacca ancora - perché a mio parere, ma anche di quello del codice penale, l’evasione fiscale è un reato ben più grave”.

 

flavio briatore (6) flavio briatore (6)

Una chiara frecciatina ai trascorsi giudiziari del suo interlocutore. “Io sono stato assolto in Cassazione”, replica stizzito Flavio Briatore, subito però interrotto da Vauro che lo incalza: “E prescrizione, diciamola tutta. E poi non ho parlato di lei signor Briatore. Non è che ha la coda di paglia?”. Atteggiamento che manda su tutte le furie l’imprenditore. “Io ero stato condannato ad un anno e otto mesi, sono stato assolto. La Cassazione ha detto al Tribunale di Genova di rifare il mio processo”, prova a spiegare Briatore. “Questa si chiama excusatio non petita a casa mia, io ho citato l’evasione fiscale”, lo interrompe ancora Vauro innescando a quel punto una violenta reazione verbale: “Io la coda di paglia non ce l’ho, testa di c...”.

 

Condividi questo articolo

media e tv

DIO È MORTO E GUCCINI VOTAVA PSI - ''MAI STATO COMUNISTA, HO SCRITTO UNA CANZONE PER CHE GUEVARA MA NON CI SAREI ANDATO D'ACCORDO - CONTE NON MI DISPIACE - MIO PADRE NON MI HA MAI ABBRACCIATO IN VITA SUA. IN TV VEDO GENTE CHE SI LAMENTA DI FAMIGLIE ANAFFETTIVE. IO NON HO MAI AVUTO REGALI. MAI FESTEGGIATO IL COMPLEANNO. GUAI SE LASCIAVO QUALCOSA NEL PIATTO: IL BABBO ERA STATO IN CAMPO DI CONCENTRAMENTO'' - LA FANTASTICA BARZELLETTA DI BAGLIONI, IL PAPA, LE DELUSIONI D'AMORE E LA MORTE: ''A 80 ANNI INIZI AD AVERE DUBBI DELLA TUA IMMORTALITÀ''

politica

IL CASO BONAFEDE-DI MATTEO NON È AFFATTO CHIUSO: STASERA SANDRA AMURRI, GIORNALISTA CHE DA SEMPRE SEGUE L'ANTIMAFIA SICILIANA, SARÀ A ''NON È L'ARENA'' DI GILETTI. MA TRAVAGLIO, DIRETTORE DEL QUOTIDIANO PER CUI LAVORA, NON L'HA AUTORIZZATA A PARTECIPARE - MIELI: IL ''MARE DI MELMA'' CHE HA INVESTITO LA MAGISTRATURA: ''UN CAMBIAMENTO VIRTUOSO SI AVRÀ SOLO QUANDO UN MAGISTRATO DARÀ BATTAGLIA AL SISTEMA DEGENERATO DELLE CORRENTI. A TESTA ALTA, MENTRE È ANCORA IN SERVIZIO. METTENDO NEL CONTO CHE SUBIRÀ L' OSTRACISMO DEI COLLEGHI. TUTTI. O QUASI''

business

cronache

DIETRO A UNA DONNA CHE SBAGLIA CI PUÒ ESSERE UN GRANDE UOMO - PARLA IL PADRE DI PRATO, IL MARITO TRADITO DALLA MOGLIE CON UN RAGAZZINO DI 13 ANNI DA CUI HA POI AVUTO UN FIGLIO, E CHE SI È PRESO UNA CONDANNA PERCHÉ LO HA RICONOSCIUTO COME SUO, MENTENDO PER SALVARE LA FAMIGLIA E CRESCERLO SENZA TRAUMI: ''NON LO AVREI MAI ABBANDONATO SOLO PERCHÉ NON ERA MIO. MIA MOGLIE? È UNA GRANDE MAMMA. MI SONO INNAMORATO DI LEI DA RAGAZZO, ERA COSÌ BELLA E SOLARE. ORA SI FA SEGUIRE DA UNO PSICHIATRA. IL PERDONO? BEH…''

sport

cafonal

CAFONALINO DELL'ITALIA MORENTE – DOPO AVER PERSO IL BIGLIETTO DELLA LOTTERIA PER MANIFESTA ARROGANZA, NON AVENDO PIU' UNA CAZZO DI QUERELA DA FARE, RENZI SCRIVE (SI FA PER DIRE) UN LIBRO DI FOSFORESCENTE INUTILITA' E LO PRESENTA PURE ALLA GALLERIA BORGHESE – TRA UN TRULLALERO E UN TRALLALA', TRA LA BOSCHI CAMUFFATA DA PRATO E NOBILI CON LA MASCHERINA DELLA ROMA, IL SENATORE SEMPLICIOTTO DI RIGNANO HA SPARATO UN PAIO DI CAZZATE: “QUELLA DI DAVIGO È UNA BESTIALITÀ GIURIDICA. AUTOSTRADE? SI È FATTO PRIMA A FARE IL PONTE CHE A FARE LA REVOCA. SI VOTA NEL 2023, ALLORA MEGLIO METTERE MANO ALLE REGOLE” (INSOMMA, PER RIMANDARLO A GIOCARE A FLIPPER, TOCCA ASPETTARE TRE ANNI. 'NA TRAGEDIA) – VIDEO

viaggi

salute