I GIORNALI PIACCIONO QUANDO NON ROMPONO I COGLIONI – E INFATTI IL GOVERNO VUOLE DARE I SOLDI SOLO AI GIORNALI "BUONI", QUELLI CHE “CONTRASTANO LE FAKE NEWS E LE AZIONI DI DISINFORMAZIONE E DI DOPING DELLE NOTIZIE CON INTENTI SCANDALISTICI” – PICCOLO PROBLEMA DA TESTE DI COCCO: CHI LO DECIDE COSA È UNA FAKE NEWS O IL "DOPING DELLE NOTIZIE CON INTENTI SCANDALISTICI"? - IL “FATTO”: “IL SOTTOSEGRETARIO DELEGATO ALBERTO BARACHINI È DI FORZA ITALIA. PER CAPIRE I CRITERI CON CUI INTENDE MUOVERSI, MA "RUBY NIPOTE DI MUBARAK" È FAKE NEWS O DOPING DELLE NOTIZIE?”

-

Condividi questo articolo


Marco Palombi per “il Fatto quotidiano”

 

alberto barachini giorgia meloni alberto barachini giorgia meloni

Quando abbiamo letto il titolo del Messaggero pensavamo fosse uno scherzo, al massimo un errore dovuto alla troppa sintesi: "Giornali, arrivano gli aiuti. Contrasto alle fake news". A nessuno, pensavamo, potrebbe venire in mente di legare interventi pubblici di politica industriale nell'editoria a una cosa fumosa come il "contrasto alle fake news". E invece sì.

 

Leggendo il testo ufficiale dell'audizione alla Camera del sottosegretario delegato, Alberto Barachini, ex giornalista Mediaset prestato a Forza Italia, s'è capito che a qualcuno è venuto in mente: al governo.

 

fake news 2 fake news 2

Ha spiegato Barachini che il "doveroso finanziamento pubblico all'informazione e all'editoria si deve sostanziare su due principali direttrici": una è finanziare solo cose che servano davvero (Grazia e Graziella ne convengono), l'altra è "la difesa del pluralismo informativo attraverso un sostegno alle realtà che collaborino al recupero dell'affidabilità, della credibilità e della reputazione del settore editoriale e giornalistico, anche sul fronte digitale, contrastando le fake news e le azioni di disinformazione e di doping delle notizie con intenti scandalistici" (corsivi nostri, nda). Problema: chi lo decide cosa è una fake news o il "doping delle notizie con intenti scandalistici"?

alberto barachini1 alberto barachini1

 

Un organo politico? La maggioranza parlamentare? Preoccupante che Barachini citi subito dopo "i principi generali pienamente condivisibili" dello European Media Freedom Act (Emfa), ribattezzato "Unfreedom act" dall'associazione degli editori europei perché, insieme a molte belle cose che servono a poco, propone la creazione di un Consiglio europeo per i servizi di media, tramite cui la Commissione Ue eserciterà la supervisione normativa sull'intero continente.

 

RUBY COL PASSAPORTO CON SCRITTO MUBARAK RUBY COL PASSAPORTO CON SCRITTO MUBARAK

È appena il caso di ricordare che il governo e il sottosegretario nel 2023 hanno da distribuire i 140 milioni del "Fondo straordinario per il sostegno all'editoria" voluto dal governo Draghi e pure i circa 190 milioni (grazie pure ai 75 milioni appena aggiunti in manovra) del normale "Fondo per il pluralismo" istituito nel 2016. Ecco, visto che Barachini è di Forza Italia e solo per capire i criteri con cui si intende muoversi, ma "Ruby nipote di Mubarak" è fake news o doping delle notizie con intenti scandalistici?

RUBY COL PASSAPORTO CON SCRITTO MUBARAK RUBY COL PASSAPORTO CON SCRITTO MUBARAK

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAGO-RETROSCENA: COME BENIGNI E SERGIO MATTARELLA HANNO "CONCORDATO" L'INTERVENTO SULLA COSTITUZIONE DEL COMICO A SANREMO – QUANDO È STATO INVITATO DA AMADEUS, ROBERTACCIO HA CONTATTATO L’ENTOURAGE DEL QUIRINALE PER INFORMARE IL COLLE (I RAPPORTI PERSONALI TRA BENIGNI E MATTARELLA SONO OTTIMI) - A QUEL PUNTO FUORTES HA COLTO LA PALLA AL BALZO E HA INVITATO IL CAPO DELLO STATO – IL COMICO HA "INTERPRETATO" MOLTO BENE LE INQUIETUDINI QUIRINALIZIE SUL PRESIDENZIALISMO TANTO CARO ALLA MELONI - LA LEZIONE PER VESPA E LA CRISI DIPLOMATICA SFIORATA CON ZELENSKY  

politica

DAGONEWS! - GIORGIA MELONI DOMANI PARTIRÀ ALLA VOLTA DI BRUXELLES PER IL CONSIGLIO EUROPEO, A CUI PARTECIPERÀ ANCHE ZELENSKY - GIORGIA SI RITROVERA' IN POSIZIONE ISOLATA AL TAVOLO DELLE TRATTATIVE, DOVE A CAPOTAVOLA CI SONO MACRON E SCHOLZ, E HA CERCATO UNA SPONDA NEL PREMIER SPAGNOLO SANCHEZ CHE HA RISPOSTO CON FREDDEZZA: NON HA DIMENTICATO L’INTERVENTO DELLA PREMIER ALL’EVENTO ELETTORALE DELL’ULTRADESTRA DI VOX - DAI MIGRANTI ALL'HUB DEL GAS, PASSANDO PER IL FONDO SOVRANO, I TEMI CALDI SU CUI GIORGIA FINIRA' IMPANATA E FRITTA...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute