“OGNI MATTINA SQUILLAVA IL TELEFONO: ‘TI PASSO FASSINO’” – ANTONIO PADELLARO RICORDA QUANDO, DA CONDIRETTORE DE “L’UNITÀ”, RICEVEVA I RIMBROTTI DEL SEGRETARIO DEI DS "OGNI QUALVOLTA TRAVAGLIO SCRIVEVA CONTRO BERLUSCONI": “MI SOTTOPONEVO A PENOSE CONVERSAZIONI IN CUI IL LEADER DELLA SINISTRA ITALIANA DICEVA LE COSE PIÙ SGRADEVOLI SULLA MIA DIREZIONE. POI, APPRESI CHE FASSINO SOFFRIVA DI PRESSIONE BASSA” – “IL GIOCHINO NON HA RETTO PIÙ FINCHÉ UN FASSINO CON LA PRESSIONE REGOLARE MI ORDINÒ SENZA TANTI PREAMBOLI: ‘DEVI CACCIARE TRAVAGLIO’. REPLICAI CON…” - IL CONGEDO "TRAMITE INTERVISTA AL CORRIERE" DI VELTRONI, CHE AVEVA GIÀ SCELTO CONCITA DE GREGORIO

Condividi questo articolo


Estratto da “Solo la verità, lo giuro – giornalisti artisti pagliacci”, di Antonio Padellaro (ed. Piemme)

 

ANTONIO PADELLARO - SOLO LA VERITA LO GIURO ANTONIO PADELLARO - SOLO LA VERITA LO GIURO

[…] All'Unità, i miei contrasti con la dirigenza dei Ds, o meglio, con Piero Fassino, che era il segretario del tempo, nascevano inevitabilmente dalla rubrica quotidiana di Marco Travaglio, «Bananas», dedicata alle gesta dell'arrembante Silvio Berlusconi.

 

Ogni qualvolta Travaglio scriveva qualcosa contro Berlusconi, non in linea con qualche inciucio della sinistra, il mattino successivo, cascasse il mondo, squillava il telefono e un'apprensiva voce femminile scandiva il mio incombente destino: «Ti passo Fassino».

 

All'inizio, non conoscendo il metabolismo fassiniano, mi sottoponevo a penose conversazioni nel corso delle quali il leader della sinistra italiana diceva le cose più sgradevoli sulla mia direzione.

 

Schiacciato dal peso della colpa che mi ero assunto nei confronti delle masse lavoratrici e dei ceti più deboli, non proferivo parola. Poi, appresi che Fassino soffriva di pressione bassa. Quindi, appena risvegliatosi dal sonno del giusto, egli univa all'umor nero da ipotensione mattutina l'incazzatura per le ribalderie di Marco. Miscela esplosiva di cui facevo io le spese.

 

PIERO FASSINO - MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA PIERO FASSINO - MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA

Escogitai un banale stratagemma. Ogni qualvolta il Fassino furioso si appalesava, comunicavo che al momento non potevo rispondere e che lo avrei richiamato. Infatti, era ciò che facevo nel pomeriggio inoltrato quando ero sicuro che la pressione si fosse ristabilita su valori accettabili.

 

In genere, Piero rispondeva dimentico del motivo che lo aveva scatenato di buon mattino. Manifestava, anzi, una certa cordialità e alle volte si informava perfino sul mio stato di salute. Ricordava il milionario di Luci della città che di notte, ubriaco, abbracciava il vagabondo Charlot e di giorno, ritornato sobrio, lo maltrattava.

 

ANTONIO PADELLARO MARCO TRAVAGLIO FURIO COLOMBO ANTONIO PADELLARO MARCO TRAVAGLIO FURIO COLOMBO

Dai e dai, però, il giochino non ha retto più finché un Fassino con la pressione regolare mi ordinò senza tanti preamboli: «Devi cacciare Travaglio». Replicai con una delle poche frasi di cui vado orgoglioso: «Fai una cosa più semplice, caccia me, così nomini un altro direttore che poi caccia Travaglio».

 

E nel mentre lo dicevo sogghignavo: col cavolo che ti faccio 'sto favore. Infatti, consapevole del casino che ne sarebbe nato non ci provò più.

 

Sono stato allevato, come papa Bergoglio e Mario Draghi, da quei figli di buona donna dei padri gesuiti. Che in materia battono tre a zero i salesiani da cui Fassino era stato allevato (ma pure Travaglio). Del resto, non sono pochi quelli di sinistra che sono andati a scuola dai preti. La sinistra è stata incubata dai preti (ho detto incubata, eh).

 

massimo d alema - forum internazionale della democrazia a pechino massimo d alema - forum internazionale della democrazia a pechino

A eccezione di Massimo D'Alema, cresciuto in qualche gulag siberiano. Pure lui detestava Travaglio ma non ha mai telefonato per protestare. Forse perché quando Marco era invitato alle feste dell'Unità riscuoteva grande successo e riempiva i tendoni. I militanti lo adoravano proprio per i suoi interventi caustici, irriverenti. Al contrario del ceto politico che non ne voleva sapere. Smisero di chiamarlo quando scrisse che la sinistra era entrata a Palazzo Chigi con le pezze al culo e ne era uscita indossando calzature di pregio.

 

Nel mio caso era diverso. Come direttore dell'Unità invito alle feste era quasi obbligatorio. Poi, un giorno, in un'intervista confessai che non avevo mai Votato per gli eredi del Pci. La cosa creò un certo scompiglio ma per fortuna nessuno approfondi, altrimenti sarebbe uscito fuori che il mio voto lo avevo dato a quel semolino sciapo del fronte laico.

 

FURIO COLOMBO ANTONIO PADELLARO FURIO COLOMBO ANTONIO PADELLARO

Ai repubblicani e, una volta, perfino al Garofano di Betti no Craxi. Questo me lo tenni per me altrimenti mi avrebbero cacciato su due piedi.

 

Mi cacciarono lo stesso, tempo un annetto. Dopo aver cacciato Furio Colombo che aveva risollevato le sorti di un giornale fallito e senza più lettori. […] Fu cacciato da una proprietà insofferente per la troppa libertà che si era preso rispetto a una sinistra bigotta e trinariciuta. Presi il suo posto ma dopo nemmeno un paio d'anni arrivò un nuovo editore: Renato Soru, il creatore di Tiscali, l'uomo che aveva portato internet in Italia in una dimensione industriale, colui che aveva sbancato la Borsa.

 

concita de gregorio l'unita' concita de gregorio l'unita'

Era stato Walter Veltroni, all'apice del successo come demiurgo del Pd, a chiedergli di mettere un bel po' di quattrini per sanare i bilanci della testata che, malgrado il successo nelle edicole, erano appesantiti dal debito pregresso. Sarà l'ex sindaco di Roma a congedarmi tramite intervista al Corriere della Sera: annunciava che avrebbe visto di buon occhio alla direzione dell'Unità una donna (casualmente aveva già scelto Concita De Gregorio).

 

walter veltroni foto di bacco (3) walter veltroni foto di bacco (3)

Poiché non avevo intenzione di cambiare sesso, preparai gli scatoloni. Soru venne a trovarmi perché, così disse, voleva conoscermi di persona. In realtà per cacciarmi meglio. Lui è il classico sardo muto che alterna lunghe pause a profondi silenzi. Voleva accompagnarmi alla porta ma non trovava le parole giuste per farlo. Tergiversava illustrando faraonici progetti di rilancio nei quali, giurava, avrei avuto un ruolo strategico fondamentale. Andammo a prendere un caffè al bar di fronte, seduti a un tavolino tutto diventò più semplice. Gli dissi che consideravo concluso il mio tempo all'Unità e che stavo lavorando a un nuovo progetto. Ritrovò miracolosamente la favella e, come sollevato dal nuraghe che gli pesava sullo stomaco, mancò poco che mi stringesse in un abbraccio riconoscente. […]

antonio padellaro foto di bacco antonio padellaro foto di bacco

Arturo Parisi con Pierluigi Castagnetti Romano Prodi Walter Veltroni Mauro Zani Arturo Parisi con Pierluigi Castagnetti Romano Prodi Walter Veltroni Mauro Zani

j'odore meme su piero fassino by rolli il giornalone la stampa j'odore meme su piero fassino by rolli il giornalone la stampa

concita de gregorio l'unita' 3 concita de gregorio l'unita' 3 concita de gregorio l'unita' 1 concita de gregorio l'unita' 1

GUARDIE E LADRI - MEME SU PIERO FASSINO BY MACONDO GUARDIE E LADRI - MEME SU PIERO FASSINO BY MACONDO PIERO FASSINO MEME PIERO FASSINO MEME profumo di danno meme by carli il giornalone la stampa profumo di danno meme by carli il giornalone la stampa meme su piero fassino e il profumo al duty free di fiumicino 3 meme su piero fassino e il profumo al duty free di fiumicino 3 meme su piero fassino e il profumo al duty free di fiumicino meme su piero fassino e il profumo al duty free di fiumicino meme su piero fassino e il profumo al duty free di fiumicino 2 meme su piero fassino e il profumo al duty free di fiumicino 2 PIERO FASSINO E GIANFRANCO FINI - MEME BY OSHO PIERO FASSINO E GIANFRANCO FINI - MEME BY OSHO fragranza di reato - meme fragranza di reato - meme MEME SU PIERO FASSINO MEME SU PIERO FASSINO call of duty free - meme su piero fassino call of duty free - meme su piero fassino IL SERVIZIO DI STRISCIA LA NOTIZIA SU PIERO FASSINO IL SERVIZIO DI STRISCIA LA NOTIZIA SU PIERO FASSINO LA CARD DELLA PAGINA DI ATREJU SU PIERO FASSINO LA CARD DELLA PAGINA DI ATREJU SU PIERO FASSINO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA