IL VATICANO DEI CARINI - DOPO SUOR CRISTINA UN ALTRO RELIGIOSO “BUCA” IL VIDEO: È DON DAVIDE BANZATO, IL SEXY PRETE OSPITE DI “MIRACOLI” - ENTRATO IN SEMINARIO A 14 ANNI HA POI MOLLATO, HA FATTO VITA DA VITELLONE E POI S’È REDENTO

Nel 2005 diventa diacono. Nel 2006 sacerdote. E se gli domandi come mai un ragazzo bello come lui faccia il prete, lui risponde: “Non ho scelto io, sono stato scelto” - Lavora nella comunità “Nuovi Orizzonti” fondata da Chiara Amirante, in provincia di Frosinone, dove si prende cura di chi ha avuto esperienze difficili…

Condividi questo articolo


Alessandra Menzani per http://tremenza.it/

 

DON DAVIDE BANZATO DON DAVIDE BANZATO

È bello, giovane e buca lo schermo. Caratteristiche che non ti aspetti da un prete, ma Don Davide è un tipo speciale. Da qualche settimana è diventato un volto popolare dato che è l’ospite fisso di La strada dei miracoli, il programma giornalistico-religioso condotto da Safiria Leccese su Rete 4 il martedì sera. Una trasmissione che sta avendo buon seguito tanto che i personaggi che la popolano sono diventati cult. Il potere della televisione…

 

Addirittura c’è chi lo chiama «sex symbol», con quello sguardo ispirato e la barba che è tanto di moda: né troppo lunga né troppo corta. Don Davide Banzato, 34 anni, padovano, è empatico a prima vista, un bravo comunicatore. Lavora nella comunità «Nuovi Orizzonti» fondata da Chiara Amirante, in provincia di Frosinone, dove si prende cura di chi ha avuto esperienze difficili e vive con 120 ragazzi accolti dalle strade e dalle carceri.

DON DAVIDE BANZATO DON DAVIDE BANZATO

 

Moderno e alla mano, è attivo sui social: sia su Facebook che su Twitter. Qui ha una nutrita schiera di apostoli (oltre seimila) e scrive: «Anche su Twitter cerco di seguire Gesù». Don Davide frequenta la tv ma forse non tutti conoscono la sua storia, un percorso che rende ancora più umano questo sacerdote che anni fa aveva giurato: «Tutto ma mai prete».


Entra in seminario a 14 anni, ma «alla fine della prima superiore arrivo a non sopportare più quella vita e ne uscii. Inizio un periodo d’inferno. Esco urlando a Dio: adesso voglio vedere se esisti. Faccio tutto il contrario di quello che mi hai insegnato. Se ci sei, sentirò la tua mancanza». Una sfida, dunque. Una lotta interiore. Per un anno il religioso ha vissuto nella sofferenza. «Ho sperimentato il vuoto, le tenebre dell’anima e credevo non ci fosse più speranza né via d’uscita.

DON DAVIDE BANZATO DON DAVIDE BANZATO


Don Davide è stato innamorato. Ha avuto due donne importanti: «Il primo fidanzamento, dai 17 ai 19 anni, è coinciso con la mia conversione. Pensavo di sposarmi, ma ho avuto la vocazione, che ho tentato di rifiutare». Ma il destino è qualcosa a cui non ti puoi opporre, o almeno non per sempre. «Alla fine ha vinto il nuovo Dio», racconta Banzato. «Ci ho messo sei anni per predere i voti, rifiutavo quell’idea, pensavo che sarei stato infelice». E adesso è felice? «Sì».

 

DON DAVIDE BANZATO DON DAVIDE BANZATO

Nel 2005 diventa diacono. Nel 2006 sacerdote. E se gli domandi come mai un ragazzo bello come lui faccia il prete, lui risponde: «Non ho scelto io, sono stato scelto».
La tv crea personaggi. Regala fama e popolarità. Non sono concetti che fanno a pugni con la sobrietà della religione? «Non mi fermano per strada», spiega, «e se lo fanno non è per un autografo ma per una preghiera o un consiglio. Lavoro in comunità per il 99% del mio tempo, la questione della fama è qualcosa che non mi tocca».


Non gli piace, come è ovvio che sia, la definizione di sex symbol. «La bellezza esteriore prima o poi sparisce, non è importante». Don Davide lavora anche a Radio Maria e su Raidue a Sulla Via di Damasco. Ma guarda poca tv. «Per dieci anni, fino al 2010, non ho avuto il televisore. Oggi in comunità vediamo solo i tg, approfondimenti…e qualche partita di calcio. Però Suor Cristina a The Voice l’ho seguita, per ovvie ragioni».
Il suo motto è «per aspera ad astra», «attraverso le difficoltà verso le stelle, alle grandi vette si arriva solo attraverso i dolori, le prove nella vita capitano a tutti. Nessuno escluso». Altro suo motto: «E gioia sia».

DON DAVIDE BANZATO DON DAVIDE BANZATO DON DAVIDE BANZATO DON DAVIDE BANZATO

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute