''CARO DAGO, TI RACCONTO COM'È ANDATA IERI SERA. PENSO CHE LE RISSE TELEVISIVE SIANO LE PIÙ SQUALLIDE DI TUTTE. MA QUANDO UN ALTRO OSPITE DELLA TRASMISSIONE HA DETTO CHE L'INCHIESTA SUI SOLDI RUSSI ALLA LEGA È UN'INCHIESTA CRIMINALE, IO HO DOVUTO…''- VIDEO

Condividi questo articolo


 

 

Lettera di Giampiero Mughini a Dagospia

 

sgarbi vs mughini sgarbi vs mughini

Caro Dago, premesso che non c’è nulla di più lontano dal mio gusto delle risse televisive – le più squallide di tutte le risse –, voglio mettere i puntini sugli i su quel che è successo ieri a Rete4 poco dopo le 20.30. Vengo a parlartene perché sono stupito dal mare di idiozie che circola sui social a commento dell’episodio, che in sé è di una semplicità straordinaria tranne che per i beoti e gli analfabeti che cliccano sui social.

 

Vado all’essenziale. E’ una trasmissione connessa all’attualità politica. Il punto di partenza ne è il fatto che Matteo Salvini si rifiuta di andare in Parlamento a spiegare meglio chi erano e che cosa hanno fatto e detto quei suoi compari che in Urss cercavano denari e tangenti. Per carità, non c’è nulla di cogente contro Salvini. Però è il suo dovere istituzionale andare e rispondere alle domande, e tanto più che c’è un’inchiesta in corso da parte della magistratura: un’inchiesta in cui esploreranno il telefonino di uno di quei suoi sodali.

 

maria giovanna maglie tra sgarbi e mughini maria giovanna maglie tra sgarbi e mughini

E’ quel che sto dicendo in trasmissione, nel mondo più sereno e garbato possibile. Quand’ecco che un altro ospite della trasmissione, uno seduto alla mia destra che in passato ha pagato (o meglio ha pagato Mediaset che ospitava le sue dicerie) qualcosa di vicino a 700 milioni a magistrati che lo avevano querelato, mi interrompe a dirmi che quella non è un’indagine ma “un crimine” apprestato dalla magistratura.

 

Reggo e dico che quel termine (ossia quella indecente porcata) né lo condivido né mi appartiene. L’ospite insiste a voce alta. Ribatto che non mi rompa i coglioni. A quel punto l’ospite comincia a schiamazzare ripetutamente che sono “una testa di cazzo”. I due conduttori – i due padroni di casa – hanno perso la voce, non so come e perché.

maria giovanna maglie tra mughini e sgarbi maria giovanna maglie tra mughini e sgarbi

 

L’ospite continua a schiamazzare. A questo punto dico che lo prenderò a calci in culo. Lui insiste. Mi avvio a prenderlo a calci in culo. Lui si è armato dello sgabello su cui era seduto e me lo agita in faccia. Ci separano. Io vado via dalla trasmissione. In tutta tranquillità.

 

Tutto qui. Di una semplicità elementare e fermo restando che non ci sono parole a esprimere il mio disprezzo intellettuale per i protagonisti dell’orrenda vicenda.

Un abbraccio, caro Dago

 

 

sgarbi mughini sgarbi mughini

Giampiero Mughini

mughini sgarbi 1 mughini sgarbi 1 sgarbi mughini 3 sgarbi mughini 3

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA