ALLORA NON ERA UNA FAKE NEWS DEI RUSSI: BORIS JOHNSON È GRAVE, RICOVERATO IN TERAPIA INTENSIVA ALL'OSPEDALE ST THOMAS DI LONDRA – IL PEGGIORAMENTO DELLE CONDIZIONI DEL PREMIER BRITANNICO E' STATO CONFERMATO PURE DALLA BBC E DOWNING STREET - BORIS LASCIA LE DELEGHE DI PREMIER AD INTERIM AL MINISTRO DEGLI ESTERI, DOMINIC RAAB: MA GIRANO LE VOCI SECONDO CUI LE REDINI DEL PAESE SAREBBERO STATE PRESE IN MANO UFFICIOSAMENTE DA DOMINIC CUMMINGS, L’ONNIPOTENTE SUPER-CONSIGLIERE DI JOHNSON

Condividi questo articolo

Corriere.it

 

BORIS JOHNSON IN TERAPIA INTENSIVA - ARTICOLO DELLA BBC BORIS JOHNSON IN TERAPIA INTENSIVA - ARTICOLO DELLA BBC

Boris Johnson è grave: è in terapia intensiva all’ospedale St Thomas di Londra, dove era stato ricoverato domenica sera per coronavirus. Il suo posto alla testa del governo britannico è stato preso dal ministro degli esteri Dominic Raab.

 

È un precipitare della situazione che ha colto tutti di sorpresa, anche se gli interrogativi sulle sue reali condizioni di salute crescevano di ora in ora. Ieri mattina il premier ha fatto sentire la sua voce, via Twitter, dall’ospedale: ma i suoi portavoce non erano riusciti riescono a fugare i dubbi e le preoccupazioni sul suo stato reale. «La scorsa notte, su consiglio del mio dottore — aveva fatto sapere lo stesso Boris - sono andato in ospedale per alcuni esami di routine, poiché ho ancora i sintomi del coronavirus. Sono di buon umore e resto in contatto col mio team».

Dominic Cummings Dominic Cummings

 

boris johnson boris johnson

Downing Street insisteva a dire che non si trattava di un ricovero di emergenza, ma intanto Boris si accingeva a trascorrere una seconda notte in ospedale. I portavoce del governo avevano bollato come «disinformazione» le voci rimbalzate dalla Russia, secondo cui Johnson sarebbe attaccato a un ventilatore polmonare: ma non avevano escluso un rischio di polmonite e neppure hanno più definito i suoi sintomi come «lievi», bensì «persistenti», inclusi «febbre e tosse».

 

boris johnson boris johnson

Gli esperti medici britannici ritengono che Boris in un primo momento sia stato probabilmente sottoposto a una radiografia al torace, se non a una Tac, per verificare lo stato dei suoi polmoni, mentre vengono monitorate le condizioni cardiache, il livello di ossigeno nel sangue e quello dei globuli bianchi, oltre che lo situazione degli altri organi vitali. Ma poi la situazione è precipitata.

 

DOMINIC RAAB DOMINIC RAAB

I portavoce del governo assicuravano di essere «del tutto trasparenti» sulle condizioni del premier: una finzione, con ogni probabilità. In mattinata un ministro aveva specificato che Boris restava nel pieno delle sue funzioni, anche dal letto di ospedale, dove continuava a ricevere documenti. Pure il ministro degli Esteri Dominic Raab, che è la seconda autorità nell’esecutivo e ieri mattina ha presieduto al posto di Johnson la riunione del comitato di emergenza sull’epidemia, aveva sottolineato che Boris «continua a guidare il governo»: ma aveva suscitato sconcerto quando aveva ammesso di non aver più parlato col premier da sabato scorso.

 

DOMINIC CUMMINGS DOMINIC CUMMINGS

Sarebbe proprio Raab a subentrargli come primo ministro ad interim: ma girano le voci secondo cui le redini del Paese sarebbero state prese in mano ufficiosamente da Dominic Cummings, l’onnipotente super-consigliere di Johnson. Il mancato recupero di Boris, sofferente ormai da più di dieci giorni, viene spiegato col fatto che non si è concesso un minuto di riposo: e c’è chi dice che volesse emulare il suo idolo, Winston Churchill, che continuò a lavorare da Downing Street pur colpito da una polmonite.

 

boris johnson boris johnson

Sul fronte del contagio del Paese, ieri è stata una giornata di speranza: i nuovi casi e i decessi sono scesi di un terzo rispetto ai giorni precedenti (il totale adesso è di 51.608 positivi e 5.373 morti). Ma il governo continua a dire che è troppo presto per poter parlare di ripartenza.

boris johnson scatenato dopo la vittoria con carrie symonds e dominic cummings boris johnson scatenato dopo la vittoria con carrie symonds e dominic cummings

 

Dominic Cummings e Boris Johnson Dominic Cummings e Boris Johnson DOMINIC CUMMINGS BORIS JOHNSON DOMINIC CUMMINGS BORIS JOHNSON

boris johnson boris johnson

 

Condividi questo articolo

politica

STURM UND TRUMP! IL PRESIDENTE USA PORTATO CON LA FAMIGLIA NEL BUNKER DURANTE LE MANIFESTAZIONI DAVANTI ALLA CASA BIANCA (ERA DALL’11 SETTEMBRE CHE IL BUNKER NON VENIVA UTILIZZATO) – AMERICA IN RIVOLTA DOPO L’OMICIDIO FLOYD. LE RIBELLIONI E LE VITTIME DEL CORONAVIRUS SONO E SARANNO ADDEBITATE A TRUMP. BIDEN VOLA: ORA HA 10 PUNTI DI VANTAGGIO NEI SONDAGGI (SENZA FAR NULLA…). PS: GLI SCONTRI SOCIALI POTREBBERO INCENDIARE ANCHE L’EUROPA, CAUSA POVERTÀ, CHE SI PREFIGURA DILAGANTE…

CRISTALLO IN FRANTUMI – GLI ITALIANI? VISTI DAGLI OCCHI RADICAL CHIC DELLE SARDINE E DALLA LEADER CALABRESE JASMINE CRISTALLO SONO UN POPOLO DI CIUCCI: “L’ITALIA È IL PAESE PIÙ IGNORANTE D’EUROPA E CHE SI PIAZZA IN DODICESIMA POSIZIONE A LIVELLO MONDIALE”, SCRIVE SCAGLIANDOSI CONTRO “GLI INTELLETTUALI INDIGNATI PER IL TONO ‘PATERNALISTICO’ DI CONTE DURANTE L’EMERGENZA SANITARIA” – DETTO DA QUELLI CHE AVEVA TWITTATO CHE ALDO MORO ERA STATO AMMAZZATO DALLA MAFIA…