AVANTI, CI SONO CONSULENZE DA INCASSARE! - GIORGIA MELONI HA IMBARCATO PUPI AVATI (A TITOLO GRATUITO) COME CONSULENTE PER “TEMATICHE AFFERENTI ALLA CULTURA” - TAJANI SI E’ PORTATO DIETRO UNA SCHIERA DI FORZISTI SENZA POLTRONA A PALAZZO CHIGI: DA SESTINO GIACOMONI A MARIA SPENA, DALL’EX CALCIATORE GIUSEPPE INCOCCIATI A EMILY RINI - SALVINI HA ARRUOLATO IL FIGLIO DI MARCELLO FOA, EX PRESIDENTE DELLA RAI, PER 120MILA EURO ANNUI - LA MELONI HA AFFIDATO LA COMUNICAZIONE SOCIAL AL 30ENNE TOMMASO LONGOBARDI, PER UNA RETRIBUZIONE DI 80MILA EURO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Carmine Gazzanni per https://www.lanotiziagiornale.it

 

MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI

[…] Pupi Avati […] è tra i consulenti e i collaboratori di Palazzo Chigi. […] a titolo gratuito, è “consigliere per le tematiche afferenti al settore della cultura” di Antonio Tajani dato che il forzista, oltre ad essere ministro degli Esteri (e ovviamente alla Farnesina gode di uno staff ad hoc), è anche vicepremier e […] ha anche […] consulenti e collaboratori.

 

[…] Accanto al […] regista […] nello staff di Tajani troviamo Sestino Giacomoni, deputato di Forza Italia fino alla scorsa legislatura, esattamente come Maria Spena: anche lei ex parlamentare dal 2018 al 2022 e ora “rientrata” nello staff del compagno di partito, Tajani.

PUPI AVATI ALLA FESTA DI FRATELLI DITALIA PUPI AVATI ALLA FESTA DI FRATELLI DITALIA

[…] Giacomoni è oggi “consigliere per la politica economica e imprenditoriale” del vicepremier (stipendio da 50mila euro lordi annui); la Spena è invece “consigliere per le tematiche afferenti alle filiere produttive, alle politiche della formazione e sociali” (40mila euro). […]  altre collaborazioni, come quella con Emily Rini, coordinatrice del partito in Val d’Aosta e candidata (non eletta) alle ultime politiche, assunta in qualità di “esperta” (di più non si sa dall’elenco reperibile sui siti istituzionali). Ma non è tutto.

 

sestino giacomoni foto di bacco sestino giacomoni foto di bacco

C’è spazio anche per Carmine De Angelis, sindaco di Chiusano San Domenico (duemila anime in provincia di Avellino) e pure lui candidato e non eletto alle ultime politiche (la campagna elettorale di De Angelis si chiuse proprio con la partecipazione di Tajani).

 

A rientrare, per così dire, dalla “finestra” è stato anche Giuseppe Incocciati, candidato con Forza Italia nel 2018 e anche lui al tempo non eletto. […] allenatore e calciatore […] si occupa per Tajani (per 30mila euro) di “tematiche giovanili e sportive”. Fa niente se anche in questo caso c’è un ministro ad hoc.

 

EMILY RINI EMILY RINI

[…] Salvini come si è comportato? […] Matteo Pandini, portavoce del vicepremier leghista (60mila euro). […] ricopre lo stesso ruolo anche al ministero delle Infrastrutture. […] Daniele Bertana, altro fedelissimo di Salvini, che è suo segretario particolare sia a Palazzo Chigi (50mila euro) che al dicastero dei Trasporti. […] nell’elenco […] compare anche il nome di Leonardo Foa, […] figlio di Marcello Foa, giornalista ed ex presidente della Rai, già compariva nello staff di Salvini al Viminale al tempo del governo Conte1, […] torna a lavorare con Salvini in qualità di “esperto responsabile della pianificazione e della promozione delle attività del Vicepresidente”, per un compenso annuo di ben 120mila euro lordi.

 

Giuseppe Incocciati Giuseppe Incocciati

[…] poteva essere da meno la premier Giorgia Meloni? […] A cominciare da Patrizia Scurti, capo della segreteria particolare e sicuramente una delle persone di cui la leader di Fratelli d’Italia si fida di più in assoluto. […] Accanto alla storica portavoce (Giovanna Ianniello) c’è anche Fabrizio Alfano, ex giornalista dell’Agi e portavoce di Gianfranco Fini […] Non poteva poi mancare Tommaso Longobardi, il guru social della Meloni.

 

Negli ultimi quattro anni è il 30enne romano laureato in Psicologia che ha deciso come far comunicare in rete la leader di Fratelli d’Italia. E non a caso oggi è “esperto senior di sito internet, web e sociali media” per una retribuzione di 80mila euro.

 

leonardo foa andrea zanelli matteo pandini leonardo foa andrea zanelli matteo pandini

[…] Capo della segreteria tecnica dell’ufficio del sottosegretario Giovanbattista Fazzolari, […] è Emilio Scalfarotto, molto legato a diversi parlamentari FdI, da ragazzo nel Fronte della Gioventù, fino poi a fondare l’associazione “Fratelli di Italia”, poi diventato come sappiamo il nome del partito meloniano. A lavorare con la ministra Alessandra Locatelli, invece, troviamo Tiziano Fistolera, in passato coordinatore provinciale della Lega Giovani a Sondrio […]

marcello e leonardo foa marcello e leonardo foa FABRIZIO ALFANO FABRIZIO ALFANO tommaso longobardi giorgia meloni tommaso longobardi giorgia meloni

 

GIOVANNA IANNIELLO GIOVANNA IANNIELLO

 

Condividi questo articolo

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

“PENSO CHE UN COLPO DI STATO MILITARE POSSA ESSERE POSSIBILE” – PUTIN È ALLE BATTUTE FINALI? SECONDO ABBAS GALLYAMOV, EX SPEECHWRITER DEL PRESIDENTE RUSSO, SÌ: “L’ECONOMIA STA PEGGIORANDO E LA GUERRA È PERSA. I RUSSI CERCHERANNO DI TROVARE UNA SPIEGAZIONE DEL PERCHÉ TUTTO QUESTO STA ACCADENDO. SI RISPONDERANNO DA SOLI. TEMPO UN ANNO, UN COLPO DI STATO DIVENTA REALE. SENZA VITTORIA SULL'UCRAINA, DOVRÀ AFFRONTARE I RUSSI IN DIFFICOLTÀ. I RUSSI NON HANNO BISOGNO DI LUI SE NON È FORTE. POTREBBE…”

“FACCETTA ROSSA” – ALDO GRASSO IRONIZZA SU GUIDO CROSETTO CHE HA CEDUTO ALLE INSISTENZE DI FIORELLO E HA INTONATO “BELLA CIAO”  - ALDO CAZZULLO SPIEGA PERCHE’ IL MINISTRO DELLA DIFESA HA CANTATO IL BRANO SIMBOLO DELLA RESISTENZA: "LO HA FATTO PER NON DARE UN DISPIACERE A FIORELLO E POI PERCHE’ E’ DI MARENE, IN PIEMONTE. DALLE SUE PARTI, CHE POI SONO LE MIE, QUANDO INTONAVAMO ‘BELLA CIAO’ DA RAGAZZI NON ERAVAMO NEPPURE SFIORATI DALL’IDEA DI FARE UNA COSA DI SINISTRA. PERALTRO QUEL BRANO I PARTIGIANI NON L'AVEVANO MAI CANTATO…" - VIDEO