BUENAS NOCHES, CRISTINA! - BERGOGLIO HA GIÀ SCELTO IL SUO FAVORITO PER LA PRESIDENZA ARGENTINA: È DANIEL SCIOLI, GOVERNATORE DI BUENOS AIRES E UOMO SOLIDAMENTE “DE SINISTRA”

Non c’è solo l’attico di Bertone a impensierire il Santo Oadre: tra pochi mesi l’Argentina vota il suo nuovo presidente. Cristina Kirchner, mai amata da Bergoglio, punta su Sergio Massa, ex peronista diffidente. Ma il favorito è Scioli, ex campione di off-shore e fondatore di Coalicion Civica…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

daniel scioli e cristina kirchnerdaniel scioli e cristina kirchner

Non ci sono solo l'attico di Bertone e i soldi alla Lux di Bernabei a preoccupare papa Bergoglio. Da alcune settimane Francesco sta tenendo d'occhio la situazione politica dell'Argentina dove in autunno si voterà per la successione di Cristina Kirchner, la presidentessa al botulino,che governa da dicembre 2007 e non potrà partecipare alla competizione.

Per Bergoglio questo è un motivo di sollievo poiché anche i bambini che tirano al pallone sulle orme di Messi sanno che tra i due c'è una profonda antipatia. Nella gara alla successione i candidati sono tre. Il primo è Sergio Massa, ex-peronista dissidente che ha avuto un notevole successo alle ultime legislative. E' il preferito dalla Kirchner che ha bisogno di un uomo alla Casa Rosada in grado di coprire i peccati e gli affari commessi da lei e dal defunto marito Nestor.

daniel sciolidaniel scioli

Il secondo concorrente viene da una ricca famiglia di origini italiane e si chiama Mauricio Macri, un bel uomo,sposato e con tre figli, erede di un impero, che ha legato il suo nome alle fortune del Boca Junior ed è sindaco di Buenos Aires. La sua gestione della città è ammirata ed è stato tra i primi a telefonare in Vaticano quando è stato eletto il nuovo papa.

mauricio macrimauricio macri

Il favorito sembra però Daniel Scioli, 57 anni,ex-campione mondiale di off shore che ha la carica di Governatore di Buenos Aires. Non ha mai nascosto le sue simpatie per la sinistra più radicale e ha fondato la Coalicion Civica. Bergoglio, che in Argentina considerano ancora oggi un peronista di sinistra, sul nome di Scioli ha già fatto scendere una paterna benedizione.

 

sergio massasergio massa

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”