BUENAS NOCHES, CRISTINA! - BERGOGLIO HA GIÀ SCELTO IL SUO FAVORITO PER LA PRESIDENZA ARGENTINA: È DANIEL SCIOLI, GOVERNATORE DI BUENOS AIRES E UOMO SOLIDAMENTE “DE SINISTRA”

Non c’è solo l’attico di Bertone a impensierire il Santo Oadre: tra pochi mesi l’Argentina vota il suo nuovo presidente. Cristina Kirchner, mai amata da Bergoglio, punta su Sergio Massa, ex peronista diffidente. Ma il favorito è Scioli, ex campione di off-shore e fondatore di Coalicion Civica…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

daniel scioli e cristina kirchnerdaniel scioli e cristina kirchner

Non ci sono solo l'attico di Bertone e i soldi alla Lux di Bernabei a preoccupare papa Bergoglio. Da alcune settimane Francesco sta tenendo d'occhio la situazione politica dell'Argentina dove in autunno si voterà per la successione di Cristina Kirchner, la presidentessa al botulino,che governa da dicembre 2007 e non potrà partecipare alla competizione.

Per Bergoglio questo è un motivo di sollievo poiché anche i bambini che tirano al pallone sulle orme di Messi sanno che tra i due c'è una profonda antipatia. Nella gara alla successione i candidati sono tre. Il primo è Sergio Massa, ex-peronista dissidente che ha avuto un notevole successo alle ultime legislative. E' il preferito dalla Kirchner che ha bisogno di un uomo alla Casa Rosada in grado di coprire i peccati e gli affari commessi da lei e dal defunto marito Nestor.

daniel sciolidaniel scioli

Il secondo concorrente viene da una ricca famiglia di origini italiane e si chiama Mauricio Macri, un bel uomo,sposato e con tre figli, erede di un impero, che ha legato il suo nome alle fortune del Boca Junior ed è sindaco di Buenos Aires. La sua gestione della città è ammirata ed è stato tra i primi a telefonare in Vaticano quando è stato eletto il nuovo papa.

mauricio macrimauricio macri

Il favorito sembra però Daniel Scioli, 57 anni,ex-campione mondiale di off shore che ha la carica di Governatore di Buenos Aires. Non ha mai nascosto le sue simpatie per la sinistra più radicale e ha fondato la Coalicion Civica. Bergoglio, che in Argentina considerano ancora oggi un peronista di sinistra, sul nome di Scioli ha già fatto scendere una paterna benedizione.

 

sergio massasergio massa

 

Condividi questo articolo

politica

SILVIO BERLUSCONI, PERCHÉ CHIAMARLO ANCORA CAVALIERE? – FRANCESCO MERLO PROPONE L’ANTOLOGIA DI NOMIGNOLI CON CUI APPELLARE IL BANANA: “NANEFROTTOLO, PSICONANO, CAIMANO, CAINANO, SILVIOLO, AL TAPPONE, BELLICAPELLI, BERLOSCO, BERLUSCA, BERLUSCAZ, BURLESQUONI, BUNGAMAN, CAVALIER BANANA, CAVALIERE DEL CIALIS, CAVOLIERE, PAPINO, IL RIFATTO DI DORIAN GRAY, PAPINO IL BREVE, PIRLUSCONI, PSICOPAPI, REO SILVIO, SUA BREVITÀ, SUA EMITTENZA, SUA IMPUNITÀ, TESTA D'ASFALTO, VIAGRASCONI, BERLUSCKAISER, L'UNTO DEL SIGNORE, ER CATRAME, FROTTOLINO AMOROSO…”

E’ TORNATO L’ASILO MARIUCCIA – LITE DA POPPANTI TRA CARLO CALENDA E MATTEO SALVINI – IL “CHURCHILL DEI PARIOLI” SMONTA L’INTENZIONE DI SALVINI DI VOLARE A MOSCA: “PIANTALA DI DIRE CAZZATE, PERCHÉ LA GUERRA È UNA COSA SERIA E DRAMMATICA. QUINDI VAI A BACIARE IL CACIOCAVALLO, SALUTA LE MUCCHE SULLA SPIAGGIA E LASCIA LAVORARE GLI ADULTI” – LA REPLICA DEL LEGHISTA: “CALENDA DICE CHE NEPPURE SU MARTE DAREBBERO INCARICHI DI GOVERNO AL M5S E CHE SAREBBE PREFERIBILE FDI? ALLORA GLI CONSIGLIO DI ANDARE A VIVERE SU MARTE, IN COMPAGNIA DELLA MELONI…”

"L'ALLEANZA M5S-PD NON FUNZIONA E SE A METÀ GIUGNO VERRÀ MESSA LA FIDUCIA SUL DECRETO AIUTI, TORNERÒ A FARE IL SENATORE…" – IL CAPODELEGAZIONE M5S AL GOVERNO E MINISTRO DELL’AGRICOLTURA, STEFANO PATUANELLI, CERTIFICA L’INSOFFERENZA RECIPROCA TRA DEM E GRILLINI: “NON POSSIAMO STARE ASSIEME SOLO NELLA CONVINZIONE CHE NON DEVONO GOVERNARE GLI ALTRI. CI SONO TROPPI SCONTRI. PARTIAMO DAL PROGETTO PER LA SICILIA, NON DAI NOMI – L’INCENERITORE A ROMA? ADESSO È EVIDENTE CHE TUTTE LE CRITICHE CHE VENIVANO FATTE A VIRGINIA RAGGI ERANO ASSOLUTAMENTE STRUMENTALI…”

LA SOLITA “SALVINATA” – PRIMA IPOTIZZA UN VIAGGIO DIPLOMATICO A MOSCA, POI SALVINI E’ COSTRETTO A FARE DIETROFRONT: “NON HO CERTEZZE CHE CI ANDRÒ, CI STIAMO LAVORANDO. E SI VA SE SERVE, CERTEZZE NON CE NE SONO” – NEL FRATTEMPO SI SONO INCAZZATI TUTTI, DALL’IPER-ATLANTISTA GUERINI (“VIAGGIO IMPROBABILE, NO COMMENT”) A ENRICO LETTA (“VUOLE ANDARE DOVE GLI BATTE IL CUORE”) – IL GELO DI DRAGHI CERTIFICATO DALLE VOCI DI PALAZZO CHIGI: “E’ UNA NOTIZIA CHE SI COMMENTA DA SOLA”