IL CENTRODESTRA CONTINUA A FARSI DEL MALE DA SOLO SUI CANDIDATI - ORA NON VA PIÙ BENE NEANCHE PAOLO DAMILANO, CHE A TORINO SE LA GIOCA AL BALLOTTAGGIO CON STEFANO LO RUSSO DEL PD: SECONDO LA MELONIANA MONTARULI L'IMPRENDITORE È TROPPO MODERATO E "POCO DI DESTRA": "COSÌ NON POSSIAMO MOBILITARE I NOSTRI" - LUI CHIAMA MELONI E GIORGETTI PER LAMENTARSI, MA...

-

Condividi questo articolo


Valerio Valentini per www.ilfoglio.it

 

paolo damilano 1 paolo damilano 1

Che il battibecco non lo abbia lasciato indifferente, lo dimostra il fatto che lui, subito dopo, abbia sentito il bisogno di correre ai ripari. Per questo Paolo Damilano, il candidato del centrodestra in corsa per il ballottaggio a Torino, nei giorni scorsi ha chiamato Giorgia Meloni.

 

PAOLO DAMILANO CON MATTEO SALVINI PAOLO DAMILANO CON MATTEO SALVINI

Per questo, più o meno con le stesse ragioni da rivendicare, ha contattato anche i vertici della Lega, sfogandosi con comuni amici di quel Giancarlo Giorgetti che è il più convinto sostenitore della sua candidatura.

 

PRESENTAZIONE LISTA PROGRESSO TORINO PER PAOLO DAMILANO PRESENTAZIONE LISTA PROGRESSO TORINO PER PAOLO DAMILANO

“Perché mi avete scelto proprio in quanto volto moderato, e ora volete trascinarmi in una campagna tutta incentrata su temi politici”. Eccola, tutta la fatica di essere civico. Anche per chi quel profilo ce lo ha davvero, anche per un imprenditore affermato come Damilano.

 

PAOLO DAMILANO PAOLO DAMILANO PAOLO DAMILANO PAOLO DAMILANO

 

Condividi questo articolo

politica

“DI MAIO DICE UNA BUGIA E MERITEREBBE UNA QUERELA” - VITTORIO SGARBI SI È INCAZZATO PER LA PAGINE DEL LIBRO DI LUIGINO A LUI DEDICATE: “IO NON HO MAI MALTRATTATO LE DONNE, COME DICHIARA LUI. LA MIA VIOLENZA VERBALE NON È DIRETTA ALLE DONNE IN PARTICOLARE. IO INSULTO TUTTI, SENZA DISTINGUERE UOMINI O DONNE. E POI NON ESISTE NEPPURE UNA FRASE IN CUI IO ABBIA DETTO A DI MAIO CHE È OMOSESSUALE O GAY. PER DI PIÙ IO NON HO MAI USATO LA PAROLA OMOSESSUALE IN SENSO NEGATIVO E TANTO MENO VERSO LUIGI DI MAIO"