DAGONEWS – IL RUOLO CRUCIALE NELLA DEFLAGRAZIONE DELLA CRISI DI CREDIT SUISSE È DEI SAUDITI: SONO STATI LORO, STOPPANDO LA RICAPITALIZZAZIONE DELL’ISTITUTO ELVETICO, A FAR CROLLARE IL TITOLO IN BORSA – LA DECISIONE DI RIAD HA UNA RAGIONE GEOPOLITICA, PIÙ CHE FINANZIARIA: BIN SALMAN SI STA RIPOSIZIONANDO NELLO SCACCHIERE GLOBALE, AVVICINANDOSI PERICOLOSAMENTE ALLA CINA, ED È SEMPRE MENO DISPOSTO A FARE FAVORI AGLI AMERICANI…

-

Condividi questo articolo


silicon valley bank silicon valley bank

DAGONEWS

La crisi del sistema bancario americano, evidente con il crac di Silicon Valley Bank e First Republic, conferma una vecchia debolezza degli istituti di credito a stelle e strisce. Sono meno capitalizzati di quelli europei e hanno un sistema di controlli molto più lasco rispetto ai lacci previsti dalla Bce.

 

Sul caso di Credit Suisse un ruolo importante nel far deflagrare la crisi lo ha avuto l’Arabia Saudita, primo azionista dell’istituto elvetico (con il 9,8%), che, tramite le dichiarazioni del presidente della Saudi National bank, Ammar al-Khudairy, ha stoppato sul nascere un’ipotesi di ricapitalizzazione.

 

credit suisse credit suisse

La decisione di Riad è solo in parte legata alla mala gestio di Credit Suisse, ma si inserisce all’interno di una più grande partita geopolitica, in cui i sauditi si stanno riposizionando all’interno dello scacchiere internazionale.

 

L’avvicinamento alla Cina, che ha permesso loro di riprendere i rapporti diplomatici con lo storico nemico iraniano, ha reso il regime di Bin Salman meno disposto a fare favori all’Occidente, e soprattutto agli americani, accusati di essersi disinteressati al medio oriente togliendo ai sauditi quel ruolo di importante interlocutore nella regione.

 

Ammar al-Khudairy Ammar al-Khudairy

Bin Salman ha voluto anche mandare un messaggio all’occidente dimostrando che il peso finanziario del suo paese è ancora in grado di condizionare il destino di banche e aziende.

mohammed bin salman mohammed bin salman A PECHINO L’ACCORDO TRA ARABIA SAUDITA E IRAN A PECHINO L’ACCORDO TRA ARABIA SAUDITA E IRAN AXEL LEHMANN CREDIT SUISSE AXEL LEHMANN CREDIT SUISSE silicon valley bank silicon valley bank MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE MEME SUL CROLLO IN BORSA DI CREDIT SUISSE mohammad bin salman mohammad bin salman

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...