E DUE! “PRONTO GUIDO? SONO GIORGIO!”: ANCHE LA PROCURA DI FIRENZE INTERCETTO’ NAPOLITANO - LA VOCE DI BELLA NAPOLI REGISTRATA DURANTE DUE COLLOQUI TELEFONICI CON BERTOLASO (SOTTO INTERCETTAZIONE) SUBITO DOPO IL TERREMOTO DELL’AQUILA - NAPOLITANO CHIEDEVA NOTIZIE SULLA TRAGEDIA E ORGANIZZAVA LE SUE VISITE - LE INTERCETTAZIONI NON SONO MAI STATE DISTRUTTE E SONO ALLEGATE AGLI ATTI DEL PROCESSO, A DISPOSIZIONE DELLE PARTI…

Condividi questo articolo


Giuseppe Caporale per "la Repubblica"

guido bertolasoguido bertolaso

Non è stata solo la Procura di Palermo a intercettare il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. L'ha fatto anche la Procura di Firenze, nell'inchiesta sul G8 alla Maddalena. Alcune conversazioni del Capo dello Stato sono finite a verbale nello scandalo degli appalti d'oro della Protezione Civile. E anche queste, come quelle di Palermo, non sono mai state distrutte.

guido bertolasoguido bertolaso

Si tratta di intercettazioni senza nessun rilievo ai fini dell'inchiesta. Intercettazioni che, dopo tre anni d'indagini sulla "cricca", sono state allegate - insieme a migliaia di altre conversazioni considerate pure inutili o non rilevanti - agli atti del processo che si è aperto il 22 aprile scorso a Perugia (dove poi l'inchiesta è stata trasferita). Le intercettazioni di Napolitano tuttora sono contenute in un cdrom
che non è stato mai formalmente sbobinato, ma che è comunque a disposizione delle
parti.

ANEMONEANEMONE GIORGIO NAPOLITANOGIORGIO NAPOLITANO

Furono i carabinieri del Ros di Firenze a registrare - tra il 6 marzo e il 9 aprile del 2009 - due conversazioni del presidente della Repubblica. Gli inquirenti indagavano sui lavori affidati dall'ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso all'imprenditore Diego Anemone. E sotto intercettazione c'erano due utenze telefoniche in uso a Guido Bertolaso. Due telefonini. Ed è proprio ascoltando l'ex capo della Protezione Civile che i carabinieri si sono imbattuti in Napolitano.

Arresti domiciliari balducciArresti domiciliari balducci

La Procura di Firenze seguiva la pista dei "grandi eventi" appaltati alla "cricca", indagine che ha portato poi Bertolaso, Anemone, l'ex provveditore alle Opere pubbliche Angelo Balducci (e un'altra ventina di persone coinvolte) a essere rinviati a giudizio per associazione a delinquere, corruzione, rivelazione del segreto d'ufficio, favoreggiamento, favoreggiamento della prostituzione e corruzione in atti giudiziari. Proprio in quel periodo (marzo 2009) le conversazioni tra Bertolaso e Anemone avvenivano di continuo, ed è in questi quaranta giorni di "ascolto" che i Ros scoprono i massaggi a sfondo sessuale (secondo l'accusa) avvenuti al Salaria Village a favore di Bertolaso.

Il terremoto visto dall'alto (foto Adnkronos) Il terremoto visto dall'alto (foto Adnkronos)

Ma il 6 aprile avviene il terremoto e la cricca viene travolta dall'urgenza della Protezione Civile di intervenire all'Aquila. Bertolaso diventa il perno di tutte le operazioni, il terminale con il quale il mondo politico si relaziona per intervenire su L'Aquila. Ed è proprio Napolitano in quei giorni drammatici a chiamare Bertolaso per chiedere notizie delle vittime e organizzare poi la sua doppia visita, tra cui quella ai funerali di Stato. Il 9 aprile 2009 poi, tre giorni dopo il sisma, la Procura chiude le intercettazioni su Bertolaso. Lasciando lì congelate quelle conversazioni con il capo dello Stato.

 

 

Condividi questo articolo

politica

“SONO ABITUATO A RIMANERE STRITOLATO TRA OPPOSTE TESTE DI CAZZO” - I NO-VAX LO ACCUSANO DI TRADIMENTO, I SÌ-VAX DI IPOCRISIA, MA CACCIARI LA PRENDE CON FILOSOFIA: “ORMAI SONO STRAVACCINATO ANCHE CONTRO GLI IMBECILLI” - “LA TERZA DOSE NON ME LA SAREI FATTA, MA HO DOVUTO PER LAVORARE. IL VACCINO È UTILE, MA DOPO ALCUNI MESI PERDE EFFICACIA. DARE LA COLPA AI NO-VAX È UNA FAVOLA” - “IL QUIRINALE? SIAMO IN UNA PESSIMA SITUAZIONE, IL 2022 SARÀ DRAMMATICO. L’UNICA SCELTA PATRIOTTICA È…”

MA 'NDO VAI SE IL SUPER GREEN PASS NON CE L'HAI - SARANNO I VALDOSTANI A SPERIMENTARE PER LA PRIMA VOLTA IL "LOCKDOWN SELETTIVO": DA OGGI LA VALLE D'AOSTA FINISCE IN FASCIA ARANCIONE E QUINDI SENZA VACCINO NÉ TAMPONI GLI SPOSTAMENTI SARANNO CONSENTITI SOLO IN AUTO, ENTRO 30 CHILOMETRI, PER LAVORO, SALUTE O NECESSITÀ, ALTRIMENTI BISOGNA RESTARE A CASA - L'IMPENNATA DI POSITIVI NELLA REGIONE ERA PREVEDIBILE DOPO LE VACANZE NATALIZIE DOVE IMPAZZAVA IL TURISMO DELLO SCI E LE SECONDE CASE ERANO PIENE…

VIDEO-FLASH! - ALL’EVENTO “PER UNA PA TRASPERENTE”, ORGANIZZATO DAL PULCINO DI CONTE, MARIO TURCO, A UN CERTO PUNTO È PARTITO UN PORNAZZO HENTAI. LA SENATRICE MARIA LAURA MANTOVANI, CHE MODERAVA L’INCONTRO, HA UN ATTIMO DI SCONFORTO E POI CHIEDE AIUTO ALLA REGIA CON FRASI CHE SEMBRAVANO UNA TELECRONACA DI QUANTO APPARIVA SULLO SCHERMO: “QUALCUNO SI È INTRODOTTO”, “DATEMI UNA MANO”. IL TUTTO DI FRONTE AL PREMIO NOBEL GIORGIO PARISI - FARÀ PARTE DELLA STRATEGIA AD EFFETTO DI CONTE O È UN TENTATIVO DI APRIRE A BERLUSCONI?