1. A GUARDARE I MEDIA STRANIERI, SUI GADGET-SPIA DI PUTIN CI SIAMO CASCATI SOLO IN ITALIA, DA ANNI IL TERRENO DI CULTURA PERFETTO PER LA CRESCITA DELLE PATACCHE 2. PECCATO CHE COSÌ FACENDO SI SIANO PRESTATI, CERTO INCONSAPEVOLMENTE, A UN GIGANTESCO TENTATIVO DI SVIARE L’ATTENZIONE DELLA PUBBLICA OPINIONE DAL DATAGATE DI OBAMA A UN IMPROBABILE SCANDALO DA RITORCERE CONTRO QUEI CATTIVONI DEI RUSSI. CHE TRA PARENTESI SONO COLPEVOLI DI OFFRIRE PROTEZIONE A EDWARD SNOWDEN 4. DEL RESTO, IL PIANO DI SPIONAGGIO CHE SAREBBE STATO IDEATO DAI RUSSI PER IL G20, È DI UNA RAFFINATEZZA DEGNA DI UN’AGENZIA DI INVESTIGAZIONI PRIVATE DI MONZA. MANCANO SOLO GLI OCCHIALI A RAGGI “X” CHE VENIVANO PUBBLICIZZATI SUL RETRO DELLE SCHEDINE DEL TOTOCALCIO TRENT’ANNI FA E POI LA FARSA È COMPLETA

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

putin obamaputin obama

Gli esperti di intelligence la chiamano "social engineering", ovvero la capacità di manipolare psicologicamente le persone allo scopo di far compiere determinate azioni o rivelare informazioni riservate. Ed è con questi occhi che vanno guardate le bizzarre rivelazioni sui gadget-spia con i quali i russi avrebbero attentato alla credulità degli ospiti del G20 di San Pietroburgo, lo scorso settembre.

la chiavetta del gventi in russia donata ai leader mondialila chiavetta del gventi in russia donata ai leader mondiali

Praticamente ignorate dal resto della stampa europea, se non per registrare le scontate smentite dei Putin-boys, le chiavette-spia del Kgb sembrano uscite da un filmetto degli anni Novanta ed è forse per questo che in Italia sono piaciute un sacco.

I giornaloni di casa nostra ci si sono buttati a pesce, con i migliori pistaroli arrapati all'idea di poter finalmente passare dallo smercio delle intercettazioni telefoniche di procure di periferia alle grandi spy-story intercontinentali. Peccato che così facendo si siano prestati, certo inconsapevolmente, a un gigantesco tentativo di sviare l'attenzione della pubblica opinione dal Datagate americano a un improbabile scandalo da ritorcere contro quei cattivoni dei russi. Che tra parentesi sono colpevoli di offrire protezione a Edward Snowden.

Siria OBAMA E PUTINSiria OBAMA E PUTIN putin- obamaputin- obama

A guardare i media degli altri Paesi, si nota che ci siamo cascati solo in Italia, anello debole dell'Occidente anche quanto a informazione e libertà di stampa. Del resto, dal Niger-gate alle storie ispirate da un certo Pio Pompa, siamo da anni il terreno di cultura perfetto per la crescita delle patacche e per la loro immissione nel circuito informativo.

GG

Il piano di spionaggio che sarebbe stato ideato dai russi per il G20, così come soffiato ad alcuni giornali di casa nostra, è di una raffinatezza degna di un'agenzia di investigazioni private di Monza. E gli strumenti che sarebbero stati adoperati, ovvero gadget "abilmente" manipolati, sembrano scelti al negozio per spioni dell'aeroporto di Francoforte.

MERKEL CELLULAREMERKEL CELLULARE

Mancano solo gli occhiali a raggi "X" che venivano pubblicizzati sul retro delle schedine del Totocalcio trent'anni fa e poi la farsa è completa. Fa tutto un po' ridere, ma non importa. Quello che veramente importa, quando hai il merdone che ti esplode tra le mani, è una buona azione di "social engineering". E noi italiani, se chiama lo Zio Sam, siamo sempre molto social.

chiavettagchiavettag

 

 

RIAN G ruRIAN G ru

 

Condividi questo articolo

politica

E TANTI SALUTI ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – LA PROCURA DI ROMA HA ACQUISITO I TABULATI TELEFONICI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA, DI “REPORT”, PER IDENTIFICARE LA FONTE DELLA NOTIZIA DELL’INCONTRO TRA RENZI E MARCO MANCINI, IL 23 DICEMBRE 2020 – LA QUESTIONE È QUANTOMENO DELICATA: POTREBBERO MONITORARE TUTTI I CONTATTI AVUTI DAI CRONISTI NEGLI ULTIMI MESI, ENTRANDO IN POSSESSO DI UN NUMERO NOTEVOLE DI POSSIBILI FONTI - L'INSEGNANTE CHE HA FILMATO L'INCONTRO NON HA LEGAMI CON I SERVIZI, COME IPOTIZZATO DA RENZI

“LA NOMINA DI LUIGI DI MAIO DEVE AVERE UN PROFONDO SENSO DELL’UMORISMO EUROPEO CHE MI SFUGGE” – NEGLI EMIRATI ARABI NON HANNO PRESO BENISSIMO LA DECISIONE DELL’UE DI NOMINARE LUIGINO INVIATO UE NEL GOLFO PERSICO. IL CAPO DEL CENTRO DI RICERCA SULLE POLITICHE PUBBLICHE DI DUBAI, MOHAMMED BAHARON: “DA SOLO HA ROVINATO LE RELAZIONI ITALIANE CON EMIRATI ARABI UNITI E ARABIA SAUDITA” - AD ABU DHABI SI RICORDANO BENE DELLO STOP ALLA VENDITA DI ARMI DECISA DALL’EX GRILLINO NEL 2021…