MELONI VS MACRON: NUOVO ROUND – AL FESTIVAL DELL’ECONOMIA DI TRENTO, LA DUCETTA PARLA DEI RAPPORTI TRA ITALIA E FRANCIA E VA ALL’ATTACCO: “IL FATTO CHE SENTANO IL DOVERE DI CRITICARCI VUOL DIRE CHE IL GOVERNO STA ANDANDO BENE. UNA CERTA NARRAZIONE RISCHIA DI ESSERE SMONTATA, E QUESTO È UN PROBLEMA CHE HANNO CON LE LORO OPPOSIZIONI INTERNE” – POI DICE AGLI IMPRENDITORI QUELLO CHE VOGLIONO SENTIRSI DIRE: “IL TAGLIO DEL CUNEO FISCALE È MEGLIO DEL SALARIO MINIMO. LO RENDEREMO STRUTTURALE”

-

Condividi questo articolo


 

1. MELONI, FRANCIA? CRITICHE PERCHÉ SMONTIAMO UNA NARRAZIONE

ULTIMO FANGO A PARIGI - MEME BY EMILIANO CARLI ULTIMO FANGO A PARIGI - MEME BY EMILIANO CARLI

(ANSA) - "Il fatto che diversi governi di estrazione politica diversa dalla nostra sentano il dovere di criticarci, non vuol dire che c'è un problema, vuol dire che il governo sta andando molto bene. Una certa narrazione rischia di essere smontata e questo è un problema che alcuni hanno, non con noi, ma con le loro opposizioni interne". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in collegamento con il Festival dell'economia di Trento, rispondendo a una domanda sulle tensioni con la Francia.

 

2. MELONI,RAPPORTI ITALIA-FRANCIA NON CAMBIANO PER POLITICA INTERNA

(ANSA) - Al G7 "con il presidente Macron abbiamo avuto un incontro molto basato sulla concretezza, come sempre. Trovo abbastanza divertente una certa lettura che si dà delle nostre relazioni, anche un po' infantile, quando si dice, vi salutate, vi parlate, vi vedere... Tra Italia e Francia ci sono rapporti secolari, non cambiano per le dinamiche di politica interna". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in collegamento con il Festival dell'economia di Trento.

 

giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 8 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 8

3. MELONI,E-R LOCOMOTIVA, INTERESSE DI TUTTI CHE NON SI FERMI ++

(ANSA) - "Ci siamo concentrati per dare risposte immediate alle imprese, ai lavoratori, alle famiglie, agli studenti, al comparto agricolo, sportivo, al mondo delle sanità: abbiamo lavorato a 360 gradi per dimostrare che non ci saremo voltati dall'altra parte non solo perché è doveroso per quei cittadini ma anche perché è importante per l'Italia nel suo complesso. L'Emilia Romagna è una locomotiva e se si ferma noi non possiamo mantenere buoni parametri macroeconomici che stiamo vedendo". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in collegamento con il Festival dell'economia di Trento.

 

4. MELONI, RENDEREMO TAGLIO DEL CUNEO STRUTTURALE E ALLARGATO

giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 9 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 9

(ANSA) - "L'impatto del taglio che stiamo realizzando è diverso da quello fatto dai miei predecessori, e non è finito. Il taglio della tassazione sul lavoro deve essere la priorità". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in collegamento con il Festival dell'economia di Trento. Il taglio del cuneo contributivo deciso con la manovra e con il decreto del primo maggio "ha un impatto importante con l'inflazione galoppante - ha aggiunto -. È la cosa più importante che si può fare in questa fase. Non è tutto: la prima sfida è rendere questi provvedimenti strutturali, la seconda è allargarli ulteriormente"

 

5. MELONI, FONDAMENTALE FLESSIBILITÀ SUI FONDI

GIORGIA MELONI EMMANUEL MACRON AL G7 DI HIROSHIMA GIORGIA MELONI EMMANUEL MACRON AL G7 DI HIROSHIMA

(ANSA) - "Saremo chiamati a trovare le risorse necessarie. Una cosa è leggere i numeri e l'altra è vedere" i danni subiti. "Attiveremo soprattutto il fondo di solidarietà, c'è anche il fondo di coesione" ed è fondamentale anche la possibilità di "flessibilità dei fondi esistenti", anche del Pnrr. Lo ha detto la premier Meloni parlando al festival dell'Economia di Trento. "Il Pnrr riguarda soprattutto la messa in sicurezza - dice - è un fondo strategico" per gli imprevisti. "Sono partita per il Giappone nominando un commissario alla siccità e torno" dovendone fare uno per il maltempo "la messa in sicurezza del territorio è priorità assoluta".

 

6. MELONI, IL TAGLIO DEL CUNEO È MEGLIO DEL SALARIO MINIMO

giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 7 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 7

(ANSA) - "Abbiamo salari da fame, il problema dell'inflazione, si dice che bisogna immaginare un salario minimo legale e poi si dice anche che abbassare il cuneo e rafforzare le buste paga è inutile: sono cose che non stanno in piedi. È meglio tagliare il cuneo che fare il salario minimo legale, che è buono sul piano filosofico ma nella sua applicazione rischia di essere un boomerang". Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in collegamento con il Festival dell'economia di Trento.

 

7. MELONI, L'UE TORNI IN AFRICA O SARÀ DEPREDATA DA ALTRI

giorgia meloni e ursula von der leyen sorvolano l emilia romagna alluvionata giorgia meloni e ursula von der leyen sorvolano l emilia romagna alluvionata

(ANSA) - Per il piano Mattei "la sfida è convincere tutti a portare investimenti, è una materia di cui ci stiamo occupando tantissimo" per "riportare la Ue a essere più presente in un continente altrimenti depredato da altri attori" che non hanno "proprio" lo stesso approccio. Lo ha detto la premier Giorgia Meloni in collegamento con il Festival dell'economia di Trento.

giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 6 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 6

giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 1 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 1 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 4 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 4 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 5 giorgia meloni in videocollegamento con il festival dell economia di trento 5

GIORGIA MELONI EMMANUEL MACRON AL G7 DI HIROSHIMA GIORGIA MELONI EMMANUEL MACRON AL G7 DI HIROSHIMA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – RISIKO BESTIALE A BRUXELLES! URSULA VON DER LEYEN, NONOSTANTE I VETI DEL TRIO TUSK-MACRON-SCHOLZ, S’ALLISCIA LA MELONI PER BLOCCARE I FRANCHI TIRATORI TRA POPOLARI E SOCIALISTI. MA L’INCIUCIONE SARÀ RIVELATO DOPO IL VOTO: SE L’ITALIA INCASSERÀ UN COMMISSARIO DI PESO, FRATELLI D’ITALIA SI SARÀ APPECORONATO ALLA COFANA TEDESCA (E ALLORA SÌ CHE SALVINI E LE PEN INIZIERANNO A CECCHINARE LA “TRADITRICE” GIORGIA) – OCCHIO A MACRON: ANCHE SE INDEBOLITO PER L’AVANZATA DELLE DESTRE IN FRANCIA, DA “ANIMALE FERITO” PUÒ DIVENTARE UNA MINA VAGANTE

FLASH! - COSA PUOI FARE PER DENUNCIARE LE GUERRE NEL MONDO? PER NON SBAGLIARE, VAI A CASA E ARRUOLA TUA MOGLIE! - È QUELLO CHE DEVE AVER PENSATO IL PRESIDENTE DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA SERGIO CASTELLITTO QUANDO SI È INVENTATO “DIASPORA DEGLI ARTISTI IN GUERRA”. AL CENTRO DELL’EVENTO, FINANZIATO DAL PNRR, BRILLA IL LONGANESIANO “TENGO FAMIGLIA”: LA SCRITTRICE MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE DI CASTELLITTO, CONVERSERÀ CON DAVID GROSSMAN – A SANGIULIANO, CUI DIPENDE IL CSC, PARE OPPORTUNO CHE TRA TANTI LETTERATI IN CIRCOLAZIONE, SI VA A SCEGLIERE LA PROPRIA CONIUGE? 

STREGA CONTRO STREGA – SOSPINTA DA QUEI SALOTTI ROMANI ALL’INSEGNA DELLA ‘’FROCIAGGINE’’, COME DIREBBE IL PAPA, CHIARA VALERIO STA INSEGUENDO LA FAVORITISSIMA DONATELLA DI PIETRANTONIO - ALL’INIZIO LA VALERIO SOSTENEVA CHE LEI MAI E POI MAI AVREBBE PARTECIPATO ALLO STREGA E CHE CON IL SUO ROMANZO AMBIVA AL PREMIO CAMPIELLO. INVECE, MISTERO DEI MISTERI, AL CAMPIELLO PRESIEDUTO DA VELTRONI IL NOME VALERIO NON È MAI APPARSO TRA I CANDIDATI. COME MAI? UN DISSAPORE CON VELTRONI DA PARTE DI CHIARA MOLTO LEGATA A ELLY SCHLEIN CHE NON AMA WALTER-EGO? AH, SAPERLO…