PRIMA SCONFITTA EUROPEA PER RENZI: FEDERICA MOGHERINI NON GUIDERÀ MAI LA PESC - JUNCKER PROPONE A PITTIBIMBO LA “COMMISSIONE AI BARCONI” PER LA TITOLARE DELLA FARNESINA (PER COLPA ALTRUI)

Nel complicato puzzle delle nomine di Bruxelles la Pesc, questa casella più onorifica che concreta, che nella passata legislatura era stata affidata a Catherine Ahston tanto per dare un contentino alla Gran Bretagna, è stata assegnata al Ppe. E Pittibimbo se l’è presa in saccoccia…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

renzi parlamento europeo mogherini renzi parlamento europeo mogherini

Ahi, ahi, Pittibimbo inaugura la prima giornata di presidente del semestre europeo con una sonora sconfitta, in questo caso però silente perché l’ex menestrello di Palazzo Vecchio tace o fa finta di non sapere. Federica Mogherini, titolare della Farnesina per colpa altrui, non guiderà mai la Pesc, la commissione europea per la Politica estera e sicurezza comune.

 

Nel complicato puzzle delle nomine di Bruxelles questa casella più onorifica che concreta, che nella passata legislatura era stata affidata all’inglese Catherine Ahston tanto per dare un contentino alla Gran Bretagna, è stata assegnata al Ppe. Risultato che Pittibimbo se l’è presa in saccoccia e non in quel posto come farebbe piacere a più di qualcuno.

 

renzi parlamento europeo mogherini 3 renzi parlamento europeo mogherini 3

Fonzie da Firenze sarà ricompensato con una poltrona che conta ancora meno della Pesc. Jean-Claue Juncker, per cercare di eliminare ostacoli in vista della sua elezione alla presidenza della Commissione, proporrà a Renzuccio la guida di una commissione nuova di zecca: la “commissione ai barconi” che dovrà supervisionare e prendere provvedimenti sugli sbarchi dei clandestini, un tema sicuramente caro agli italiani.

 

mogherini e arafat mogherini e arafat

Un particolare non da poco: date le ristrettezze di bilancio non avrà né mezzi né soldi. Insomma, una poltrona di serie C che comunque irrobustirà lo scarno curriculum di Federica della Farnesina. E sul prossimo sbarco - siamo sempre in tema - della Mogherini nei corridoi di Palazzo Berlaymont, sede della Commissione Ue, corrono già le prime battute al vetriolo come l’Italia passa dall’operazione “mare nostrum” all’operazione “mare monstrum”.

JUNCKER JUNCKER

 

 

Condividi questo articolo

politica

OSCAR DI MONTIGNY SI RITIRA! NON SARÀ LUI IL CANDIDATO DEL CENTRODESTRA PER MILANO. UFFICIALMENTE, DICE DI AVER “REGISTRATO CHE NON C’ERA TOTALE CONVERGENZA" SUL SUO NOME. MA IL VERO MOTIVO DELLA RINUNCIA È CHE I SONDAGGI RISERVATI, CIOÈ QUELLI VERI, LO DANNO TERZO DIETRO A GIANLUIGI PARAGONE - BERLUSCONI AVEVA GIÀ AFFOSSATO IL SUO NOME. DA BUON VENDITORE DI PENTOLE E SOGNI, IL CAV AVEVA TROVATO IL SUO PUNTO DEBOLE: IL COGNOME DIFFICILE. SENZA CONSIDERARE CHE SILVIO VUOLE UN POLITICO (LUPI?)

MARTA DA QUIRINALE! - CHI SARÀ IL SUCCESSORE DI SERGIO MATTARELLA, STRADECISO A TORNARE A CASA? A OGGI IL CANDIDATO CON PIU' CHANCE, E CHE PUÒ VANTARE UN APPOGGIO PIÙ O MENO TRASVERSALE, È IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA MARTA CARTABIA - MA LA SUA FUTURA INVESTITURA DA “QUIRINABILE” È LEGATA A UN ''SE'': SE RIUSCIRA' NEL MIRACOLO DI FAR APPROVARE, ENTRO LA FINE DEL MESE IN CONSIGLIO DEI MINISTRI, LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA EVITANDO LE TRAPPOLE DEI SUOI OPPOSITORI CONTE-BONAFEDE…

BRUTTA CORRENTE NELLA MILANO DI SALA – SOTTO LA MADONNINA CI SONO STATI 160 BLACKOUT IN SETTE GIORNI: SICURI SIA SOLO COLPA DEL CALDO? - IL SINDACO HA CHIESTO CHIARIMENTI ALLA MUNICIPALIZZATA A2A CHE, OLTRE AI GUASTI, STA PROVOCANDO ALTRI GRATTACAPI AL SINDACO: NEL CDA DEL 4 GIUGNO È STATO BATTEZZATO IL PROGETTO DI UNA NUOVA SOCIETÀ CON IL FONDO FRANCESE ARDIAN, SCELTO SENZA GARA. COME ADVISOR È STATA SCELTA LA BANCA D’AFFARI NOMURA, DI CUI IL PRESIDENTE DI A2A, MARCO PATUANO, È SENIOR ADVISOR...

SILENZIO, PARLA DRAGHI! - "MARIOPIO" IN PARLAMENTO RISPONDE SUL CASO VATICANO-DDL ZAN: “IL NOSTRO È UNO STATO LAICO, NON CONFESSIONALE, QUINDI IL PARLAMENTO HA IL DIRITTO DI DISCUTERE E LEGIFERARE. IL NOSTRO ORDINAMENTO CONTIENE TUTTE LE GARANZIE PER VERIFICARE CHE LE LEGGI RISPETTINO I PRINCIPI COSTITUZIONALI E GLI IMPEGNI INTERNAZIONALI, TRA CUI IL CONCORDATO. SENZA ENTRARE NEL MERITO, QUESTO È IL MOMENTO DEL PARLAMENTO, NON DEL GOVERNO” - MORALE DELLA FAVOLA: ALLA FINE IL DDL PASSERÀ CON PICCOLI MA SOSTANZIOSI AGGIUSTAMENTI – VIDEO