PROPORZIONALE, MICA MALE! – LETTA BOCCIA IL ROSATELLUM: “È UNA PESSIMA LEGGE ELETTORALE E VA CAMBIATA. IL NOSTRO COMPITO È QUELLO DI RIDARE AGLI ELETTORI IL RUOLO DI ARBITRO” – ENRICHETTO PUNTA AL PROPORZIONALE PER LIBERARSI DELL’ABBRACCIO LETALE CON GIUSEPPE CONTE, CHE CONTINUA A FARE IL GUASTAFESTE DEL GOVERNO. ANCHE SE IL SEGRETARIO DEM È CONVINTO CHE L’ESECUTIVO DURERÀ: “LA LOGICA È CHE SI VOTI ALLA SCADENZA NATURALE, MA STANNO AUMENTANDO LE FIBRILLAZIONI…”

-

Condividi questo articolo


Da “il Giornale”

 

ENRICO LETTA AL DEM FESTIVAL DI EMPOLI ENRICO LETTA AL DEM FESTIVAL DI EMPOLI

Tra le emergenze che questo governo e questo parlamento devono affrontare prima della scadenza del loro mandato c'è anche la legge elettorale.

 

Secondo il segretario del Partito democratico il cosiddetto Rosatellum è «una pessima legge elettorale e va cambiata. Ospite del Dem Festival di Empoli, Enrico Letta boccia il Rosatellum e si auspica l'introduzione di una legge che permetta ai cittadini di votare direttamente i candidati.

 

«Abbiamo un'attuale legge elettorale pessima - afferma il segretario dem -, con cui i partiti obbligano i cittadini a scegliere liste bloccate. Il nostro compito è quello di ridare all'elettore il ruolo di arbitro».

 

GIUSEPPE CONTE SANNA MARIN ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE SANNA MARIN ENRICO LETTA

Nel corso dell'incontro Letta ha comunque bocciato l'idea di una fine anticipata della legislatura: «La logica è che si voti alla scadenza naturale. Stanno aumentando le fibrillazioni e questo non va bene».

ENRICO LETTA AL DEM FESTIVAL DI EMPOLI ENRICO LETTA AL DEM FESTIVAL DI EMPOLI letta conte letta conte giuseppe conte enrico letta giuseppe conte enrico letta

 

 

Condividi questo articolo

politica

“TORNA IN MENTE LA FRASE DI DRAGHI SU ERDOGAN ‘DITTATORE DI CUI SI HA BISOGNO’. ORA IL PREMIER LO PROMUOVE A ‘PARTNER, AMICO E ALLEATO’” - TRAVAGLIO FA IL CONTROPELO A MARIOPIO E ALLA SUA VISITA IN TURCHIA: “DOPO LA SCENA VOMITEVOLE DELLE SUFFRAGETTE DI ERDOGAN CHE AD ANKARA STRINGONO MANI INSANGUINATE, FIRMANO AFFARI SULLA PELLE DEI CURDI E SE LA RIDONO ALLE LORO SPALLE, SI SPERA CHE LORSIGNORI NON OSERANNO MAI PIÙ TENERE LEZIONI SU AGGRESSORI E AGGREDITI, LIBERALDEMOCRAZIE E DITTATURE, INVII DI ARMI PER DIFENDERE I VALORI OCCIDENTALI. NON C'È ALCUN VALORE O PRINCIPIO: SOLO BIECHI INTERESSI GEOPOLITICI, STRATEGICI, MILITARI E AFFARISTICI”

"BASTA CON I RIVOLUZIONARI DA SCUOLA RADIO ELETTRA, SALVINI NON ASCOLTI CHI VUOLE USCIRE DAL GOVERNO" - GIORGETTI DIFENDE DRAGHI E CHIEDE AL “CAPITONE” DI NON FARE CAZZATE, ASCOLTANDO BORGHI, BAGNAI E GLI ALTRI “ESTREMISTI” DEL CARROCCIO: “È UN MOMENTO MOLTO PARTICOLARE, DI INCERTEZZA, CHE TRAVAGLIA IMPRESE E FAMIGLIE. OCCORRE SAPER COGLIERE IL SENSO STORICO DEL MOMENTO” - DUE GIORNI FA LO SCONTRO ALLA DIREZIONE DEL PARTITO: “VOI PENSATE CHE IO SIA PARTE DEL PROBLEMA. ALLE MIE SPALLE MI ACCUSATE DI ESSERE UNA SORTA DI INCROCIO FRA RASPUTIN E ANDREOTTI. BENISSIMO, BASTA CHE LO DICIATE…”