SEMPRE LA SOLITA STORIA: SALVINI MINACCIA E POI RINCULA - OGGI È STATA UN’ALTRA GIORNATA DI TENSIONE TRA LA LEGA E IL GOVERNO, CON I MINISTRI DEL CARROCCIO CHE HANNO MINACCIATO DI ASTENERSI E DI BLOCCARE IL VIA LIBERA AL SUPER GREEN PASS ANCHE IN ZONA BIANCA. ALLA FINE, COME AL SOLITO, “MARIOPIO” HA TROVATO IL COMPROMESSO, ADOTTANDO IL CERTIFICATO VERDE VALIDO SOLO PER VACCINATI E GUARITI SOLO DAL 6 DICEMBRE AL 15 GENNAIO

-

Condividi questo articolo


Cesare Zapperi per www.corriere.it

 

DRAGHI SALVINI DRAGHI SALVINI

I ministri leghisti sono andati in Consiglio dei ministri per decidere sull’introduzione del super green pass (ci sarebbe stata una telefonata tra Salvini e Draghi per calmare le acque), ma hanno minacciato di astenersi per cercare di bloccare il via libera alla nuove restrizioni anche in zona bianca e non solo nelle zone colorate di giallo, arancione e rosso.

GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI GIANCARLO GIORGETTI E MARIO DRAGHI

 

La tensione tra la Lega e il governo in queste ore è molto alta. Un segno tangibile è stata la decisione, concordata tra il segretario e il ministro Giancarlo Giorgetti, di mandare alla cabina di regia il sottosegretario Federico Freni, e non lo stesso responsabile dello Sviluppo economico.

 

C’è forte irritazione in casa leghista perché le misure su cui lunedì i governatori avevano trovato un’intesa, e in questo senso si era speso anche Massimiliano Fedriga nelle sue vesti di presidente della Conferenza delle Regioni, sono state inasprite nelle ore successive.

MATTEO SALVINI DOPO L'INCONTRO CON MARIO DRAGHI MATTEO SALVINI DOPO L'INCONTRO CON MARIO DRAGHI

 

Si dice che sia stato il parere del Comitato tecnico-scientifico a convincere il ministro della Salute Roberto Speranza di adottare da subito un provvedimento drastico come il super green pass anche nelle zone bianche.

 

Così come la decisione di applicare l’obbligo vaccinale alle forze dell’ordine. I leghisti si sono sentiti «scavalcati» e in mattinata le perplessità sono state condivise in una videoconferenza cui hanno partecipato, insieme a Salvini, il capo delegazione al governo, Giorgetti, Fedriga, e i capigruppo Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari e il vice segretario Lorenzo Fontana.

MASSIMILIANO FEDRIGA E MATTEO SALVINI MASSIMILIANO FEDRIGA E MATTEO SALVINI

 

L’orientamento era di tenere duro sulla posizione di applicare il super green pass solo nelle zone colorate. Fino al punto di astenersi in sede di votazione in Consiglio dei ministri. Ma si è trattato fino all’ultimo per scongiurare uno smarcamento che avrebbe avuto un forte impatto sull’immagine del governo. La soluzione di compromesso è stata quella di adottare il super green pass nelle zone bianche solo dal 6 dicembre al 15 gennaio (qui tutti i dettagli sul decreto approvato dal governo, con tutte le misure)

MATTEO SALVINI DOPO L'INCONTRO CON MARIO DRAGHI MATTEO SALVINI DOPO L'INCONTRO CON MARIO DRAGHI

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica

È ARRIVATO IL MOMENTO DI UN ITALIANO ALLA NATO - IL NOSTRO PAESE, CON L'APPOGGIO DI MACRON, PUÒ SPOSTARE L'ASSE DELL'ALLEANZA SUL MEDITERRANEO - ROMA HA UN CREDITO DA RISCUOTERE CON WASHINGTON, DOPO IL FALLIMENTO DELLA CANDIDATURA DI FRATTINI, IMPALLINATO NEL 2004 PERCHÉ TROPPO VICINO A BERLUSCONI (E QUINDI A PUTIN) -  LASCIATE PERDERE L’AUTOCANDIDATURA DI RENZI. IN BALLO RICICCIANO I SOLITI NOMI: GENTILONI, MOGHERINI E ADDIRITTURA FASSINO. MA DRAGHI POTREBBE LANCIARE ANCHE LORENZO GUERINI, CHE DA MINISTRO DELLA DIFESA HA INTRECCIATO BUONI RAPPORTI CON WASHINGTON

LA RICONFERMA DI MATTARELLA AL COLLE? UN PANNICELLO CALDO - MASSIMO FRANCO: "NON RISOLVEREBBE L'INCOGNITA DEL FUTURO DI DRAGHI E DEL SUO GOVERNO. SERVIREBBE SOLO A NASCONDERE LE DIVERGENZE DENTRO E TRA LE FORZE POLITICHE, SENZA SALVARE L'ESECUTIVO. NAPOLITANO, RIELETTO DOPO UNA RICHIESTA PRESSANTE E QUASI UNANIME DEI PARTITI, QUANDO DUE ANNI DOPO SI È DIMESSO, È STATO SALUTATO IN MODO INGENEROSO DA MOLTE DELLE STESSE FORZE POLITICHE CHE LO AVEVANO PREGATO DI ACCETTARE. CONGELARE IL PRESENTE SIGNIFICHEREBBE SOLO RINVIARE I CONTI CON LA NUOVA FASE CHE L'ITALIA SI TROVA DI FRONTE…"