STENDIAMO UN VELARDI PIETOSO SU D’ALEMA - “HA IMBOCCATO UNA DERIVA TRISTE E BILIOSA. MASSIMO ODIA RENZI. RENZI NON LO ODIA, LO USA PER FARE CASSETTA, MA SE NE FREGA DI LUI”. PAROLA DEL SUO EX SPIN DOCTOR - “LA TRAGEDIA DI QUELLI DEL PD? A 60 ANNI LA GENTE LI PERCEPISCE COME OTTANTENNI, MA NON HANNO UN ALTRO LAVORO E INVECCHIANO MALE. TRANNE VELTRONI CHE È PARACULO. NON HA DETTO UNA PAROLA SU RENZI E BERSANI. LASCIA CHE IL MALE ASSOLUTO SIA D’ALEMA”…

Condividi questo articolo


Fabrizio d'Esposito per il "Fatto quotidiano"

MASSIMO DALEMAMASSIMO DALEMA

Un amore sfiorito, scivolato verso un acronimo che suona crudele e ingrato: GD. Che sta per Grande Distruttore. Questo oggi è Massimo D'Alema per il suo ex spin doctor Claudio Velardi. Di buon mattino, ieri Velardi sul sito The Front Page aveva previsto tutto: "Ha parlato con la Stampa, poi magari farà qualche mezza smentita". Velardi, di professione lobbista, senza più l'ufficio a Palazzo Grazioli, segue la contesa nel Pd con un diario giornaliero, Il Primario, e D'Alema è appunto GD.

D'Alema minaccia Renzi.
Non ha senso fare un'intervista politica su D'Alema.

CLAUDIO VELARDICLAUDIO VELARDI

Perché?
Non ha più nulla di politico. E lo dico con un affetto antico che sconfina nella tenerezza e nella pena.

Addirittura.
La via che ha imboccato è una deriva triste e biliosa. Ormai siamo nella psicologia.

MASSIMO DALEMAMASSIMO DALEMA

Faccia il profiler.
È del tutto evidente che odia Renzi.

E Renzi odia lui.
No, Renzi è un giovane scaltro che utilizza D'Alema per fare cassetta. Ma non se ne frega nulla di lui.

E D'Alema se n'è fatta una malattia.
La malattia di D'Alema è la politica. Una passione morbosa.

Un'ossessione.
Non è in pace con se stesso. D'Alema viene dal Pci, non ha un altro mestiere da fare. Questo è il loro problema.

Il loro?
Sì, il loro, di D'Alema e tanti altri del Pd. La loro tragedia è questa: non hanno un altro lavoro e hanno già 60 anni. In 20 anni hanno consumato la loro età migliore al potere.

MASSIMO DALEMAMASSIMO DALEMA VELARDI claudioVELARDI claudio

Invecchiano male.
Si sono consumati al punto tale che l'opinione pubblica li percepisce come ottantenni. E loro continuano a pensare che la politica sia la cosa più importante della vita.

L'amore per la polis.
Una cazzata. Non sono capaci di stare da soli con se stessi. E D'Alema è il più ingenuo di tutti.

Il più ingenuo?
Sì, è uno che si espone. Arriva persino a usare argomenti giustizialisti contro Renzi. Non è un paraculo come altri del Pd.

Chi?
Indovini?

renzi d'alema e il camperrenzi d'alema e il camper

Veltroni.
Veltroni non ha detto una parola su Renzi e Bersani. Lascia che il male assoluto sia D'Alema. E Massimo ci è cascato.

IL CRANIO DI CLAUDIO VELARDIIL CRANIO DI CLAUDIO VELARDI

Un vero ingenuo.
Non è quel furbacchione che voi dipingete. Ha carisma, è vero, e perciò si parla sempre di lui. Ma è uno che si fida, come la storia delle interviste a Geremicca della Stampa.

Walter VeltroniWalter Veltroni

Racconti.
Geremicca è amico mio e suo. Nel Duemila D'Alema premier disse a lui che il centrosinistra avrebbe vinto alle regionali per 10 a 5. In caso contrario si sarebbe dimesso.

Vinse il centrodestra 8 a 7.
E noi andammo a casa per un pezzo di Federico. La storia si è ripetuta oggi. Colloquio poi smentita. Tutto previsto

Vi sentite ancora?
Non più, ma mi fa male vederlo incattivirsi così.

Matteo RenziMatteo Renzi

Lei ha scritto: "Salviamo il soldato D'Alema".
Aveva deciso di non ricandidarsi. Un bel gesto, finalmente un atto di furbizia. Tutta la corte dei miracoli sarebbe stata costretta a tirarsi fuori.

Ci ha ripensato.
È la paura del vuoto. Gli altri suoi colleghi della Terza Via, da Clinton a Blair, girano il mondo a fare conferenze, guadagnando palate di soldi. Lui è costretto a fare polemiche con Renzi e poi a smentirle per non apparire provinciale.

BERSANI RENZI BERSANI RENZI

Renzi vincerà?
Può vincere o perdere, ma vincerà comunque domani. L'anagrafe conta.

Non c'è scampo.
Tutto il sistema politico italiano sta invecchiando male.

Berlusconi come D'Alema.
Il Cavaliere sa perfettamente di essere finito.

RENZI E BERSANI sagome B jpegRENZI E BERSANI sagome B jpeg

Lavoravate nello stesso edificio, Palazzo Grazioli.
A 40 anni volevo un lavoro per non vivere più di politica.

Lobbista.
Lobbismo trasparente e lecito.

Un lavoro lei ce l'ha, D'Alema no.
Ed è questo il problema vero. E ha solo 60 anni.

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?