STICAZZI I DOVERI ISTITUZIONALI, GIORGIA MELONI HA ANNULLATO I VIAGGI A PARIGI E BERLINO PUR DI NON FARSI FOTOGRAFARE ACCANTO A MACRON E SCHOLZ - LA DUCETTA AVREBBE DOVUTO PRESENTARE IL G7 IN PUGLIA, CONSEGNANDO L’INVITO PERSONALMENTE (COME HA FATTO IN GIAPPONE, STATI UNITI E CANADA) MA HA FATTO RETROMARCIA PER NON ESSERE ACCUSATA DA SALVINI E LE PEN DI VOLER INCIUCIARE CON LIBERALI E SOCIALISTI, A RIDOSSO DELLE EUROPEE - IL CAMALEONTISMO DELLA SORA GIORGIA: NON CRITICA MACRON E NON SI LEGA ALLA LE PEN, ATTACCA GENERICAMENTE “LA SINISTRA” MA NON CITA I SOCIALISTI - LA DISTANZA DA SCHOLZ E IL MONITO DI DRAGHI: “SERVE UN BUON RAPPORTO CON I FRANCESI”

Condividi questo articolo


emmanuel macron giorgia meloni emmanuel macron giorgia meloni

Estratto dell’articolo di Ilario Lombardo per “la Stampa”

 

È come se fosse prigioniera del suo doppio ruolo. […] Meloni la presidente del Consiglio, che siede tra i leader d'Europa. E Giorgia la leader di un partito sovranista […] Meloni la premier, presidente in carica del G7 avrebbe dovuto completare il tour di presentazione tra gli altri sette "grandi", del summit che si terrà in Puglia a giugno, recandosi di persona a portare l'invito anche in Francia e in Germania, come aveva già fatto in Giappone, Stati Uniti e Canada tra febbraio e marzo.

 

meloni scholz meloni scholz

Ma Giorgia la leader di Fratelli d'Italia, nonostante la breve distanza, ha preferito non andare né a Parigi né a Berlino, per un puro calcolo politico. Non lasciarsi fotografare accanto al presidente francese Emmanuel Macron e al cancelliere tedesco Olaf Scholz durante la campagna elettorale. Farlo avrebbe significato offrire il fianco alle critiche e alle ironie del capo della Lega Matteo Salvini e di Marine Le Pen […] pronti […] a stanare Meloni sulla tentazione di alleanze trasversali […] con liberali e socialisti.

 

GIORGIA MELONI OLAF SCHOLZ E EMMANUEL MACRON ALL'HOTEL AMIGO DI BRUXELLES GIORGIA MELONI OLAF SCHOLZ E EMMANUEL MACRON ALL'HOTEL AMIGO DI BRUXELLES

[…] anche a Palazzo Chigi, erano stati i diplomatici a sollecitare le due tappe. La premier avrebbe prima preso tempo, poi […] ha definitivamente chiuso a ogni possibilità. La logica elettorale, è stata la sua riflessione, […] non avrebbe premiato la scelta, nonostante si tratti di un impegno internazionale e istituzionale che in teoria dovrebbe rimanere protetto dalla propaganda politica. Tutto invece è sospeso fino al voto dell'8-9 giugno.

 

URSULA VON DER LEYEN - GIORGIA MELONI - OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN - GIORGIA MELONI - OLAF SCHOLZ

[…] Il vero dubbio di Meloni è stato se andare o meno nei due Paesi europei nel pieno della corsa al voto. Uno guidato da un liberale, la Francia, l'altro da un socialdemocratico, la Germania. Entrambi, sia Macron sia Scholz […] bersagli delle destre sovraniste. Meloni non ha un rapporto uguale con i due leader. Al di là di quello che si pensa, […] l'intesa con Macron è migliore, anche di come viene rappresentata […] E fa leva su una maggiore capacità empatica di entrambi, e sui tanti interessi convergenti dei due governi (a partire dai dossier economici in Ue).

 

giorgia meloni emmanuel macron giorgia meloni emmanuel macron

Più difficile, più freddo invece il rapporto con Scholz. Dove alla distanza politica con i socialisti, si aggiunge la distanza storica, radicale, tra l'Italia e i cancellieri tedeschi sulle politiche di bilancio. Questi mesi hanno insegnato a Meloni, quello che in fondo le raccomandò Mario Draghi prima di passarle la campanella di Palazzo Chigi. «È necessario avere un buon rapporto con i francesi». E dunque con Macron.

 

giorgia meloni olaf scholz 1 giorgia meloni olaf scholz 1

È un'affermazione che la premier ha fatto sua, anche se costa pronunciarla a chi della sfida alla Francia pensava di fare il perno della propria politica estera. Non che non ci siano motivi per tenere in vita il tradizionale ed eterno duello: le mire economiche e industriali di Parigi, la Tunisia e la Libia, il Sahel, l'indebolimento francese in Africa, i buoni rapporti (e dunque gli affari che fioriscono) con la Cina.

 

emmanuel macron giorgia meloni emmanuel macron giorgia meloni

Sembrano passati secoli da quando, nei primi mesi del governo Meloni, Parigi e Roma litigavano quotidianamente sui migranti […] C'è da dire che Macron ha rivisto le sue ricette, anche in chiave anti-Le Pen, e si è spostato più a destra. Mentre in Italia la diplomazia suggeriva a Meloni di evitare lo scontro diretto con il presidente francese.

 

Nel corso di queste settimane, Meloni ha modulato i suoi attacchi. Se la prende con i socialisti […] ma mai, o quasi, con i liberali, che hanno nel capo dell'Eliseo il punto di riferimento. Anche perché sarebbe più facile poi giustificare un'alleanza con partiti centristi […] che con i socialisti o i verdi. Resta il problema Le Pen, e di conseguenza Salvini. Meloni sta sempre molto attenta […] a non legarsi (ancora) troppo alla leader del Rassemblement National, a non cedere ai suoi richiami […]

giorgia meloni emmanuel macron giorgia meloni emmanuel macron

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?