TUTTI CONTRO TSIPRAS - TRA I NEMICI DEL PREMIER GRECO NON SOLO I FETICISTI DELLA TRIPLA "A", MA ANCHE I PAESI “SODOMIZZATI" DALLA TROIKA: IRLANDA, PORTOGALLO E SPAGNA - RAJOY CONTRO TSIPRAS: “VOLETE SOLO SCONTRI, CHI TI CREDI DI ESSERE?”

Clima teso al vertice europeo, Tsipras replica a Rajoy: “E’ nervoso, gli ho spiegato che non può esternalizzare in Europa i problemi interni” - Ma il primo ministro spagnolo lo invita a rispettare gli impegni: se il leader di Syriza la spuntasse gratis, i cugini iberici di Podemos avrebbero gioco ancora più facile, e i popolari del premier sarebbero spazzati via... -

Condividi questo articolo


Da “la Stampa”

 

Si può capire l’irritazione di Pedro Passos Coelho nei confronti di Alexis Tsipras. All’inizio dello scorso anno - pur di racimolare un centinaio di milioni extra per rimborsare Bce, Fmi e Ue - il premier portoghese ha cercato di vendere all’asta 85 opere di Mirò finite nel portafogli dello Stato dopo il crac del Banco de Negocios. Glielo hanno impedito a furia di proteste ed è stato un bene.

 

tsipras merkel tsipras merkel

A colpi di austerità e riforme, nel maggio 2014 Lisbona è uscita dal «programma» triennale da 78 miliardi che gli ha evitato la bancarotta. È stata dura, ma ha pagato. Nonostante il superdebito, il pil a dicembre dovrebbe crescere dell’1,6%. «Abbiamo rispettato gli impegni», argomenta il leader lusitano. E impegni», argomenta il leader lusitano. E «questa deve essere la regola».
 

I peggiori alleati della Grecia sono le capitali uscite da tunnel, quelle finite sott’acqua e tornate a galla. Portogallo, Irlanda e Spagna sono state messe in ginocchio dalla crisi finanziaria che ha minato il sistema bancario e hanno salvato i loro istituti coi prestiti condizionati dei creditori internazionali guidato dalla famigerata Trojka.

 

Inevitabile che, a Madrid, Mariano Rajoy tuoni che «non posso contemplare lo scenario della Grecia che non rispetta gli impegni che ha preso». Per lui è questione di principio, ma anche politica. Se il leader di Syriza la spuntasse gratis, i lanciatissimi cugini iberici di Podemos avrebbero gioco ancora più facile, e i popolari del premier sarebbero spazzati via. 
 

mariano rajoy 6 mariano rajoy 6

Rajoy verso le urne
Meglio impuntarsi, dunque, mano nella mano coi portoghesi, che pure devono superare l’esame delle urne. Il taccuino dice che in un anno la Spagna è riuscita a coprire una esposizione con l’Europa da 41,3 miliardi. Il prezzo sociale è stato elevato, soprattutto in termini di disoccupazione (22,5% della forza lavoro), è l’anno che s’è appena iniziato è contrastato, l’economia potrebbe crescere di oltre due punti, ma l’inflazione è negativa. A fine anno si vota. Rajoy, quasi simbiotico con Angela Merkel in tempi recenti, non può che restare fedele alla linea delle regole. «La Grecia non ha tanto il problema del debito, quanto quello di crescita e occupazione - ha detto venerdì a Bruxelles -. Su questi due fronti fa passi nella giusta direzione, pertanto ora mantenga gli impegni presi».
 

Tutti contro Atene
Al vertice europeo il clima è stato teso. «Volete solo scontri, chi credi di essere?», ha detto lo spagnolo al greco. «E’ nervoso - gli ha risposto Tsipras -: ho avuto l’opportunità di spiegargli che non può esternalizzare in Europa i problemi interni». L’irlandese Enda Kenny non sarebbe stato d’accordo. «In Consiglio è stata sottolineata con forza il punto di vista secondo cui le regole vanno rispettate», ha spiegato il Taoiseach, che ricordato come «anche noi abbiamo sofferto molto l’austerità». «Stiamo cominciando a perdere la pazienza», gli ha fatto eco Alexander Stubb, il premier finlandese, un uomo che detesta i giri di parole. Il risultato è che all’Eurogruppo ieri erano 18 contro uno, i greci che, i fan, non li hanno in Consiglio ma nelle capitali. All’opposizione, però. 
[m. zat.]

mariano rajoy 4 mariano rajoy 4 tsipras per mano con juncker 2 tsipras per mano con juncker 2 mariano rajoy 3 mariano rajoy 3

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO