JIMMY IL FENOMENO, FROM ZERO TO HERO - L’INCREDIBILE STORIA DI JIMMY BUTLER, IL FUORICLASSE CLOCHARD CHE HA RIPORTATO MIAMI IN FINALE NBA - CACCIATO DI CASA DA UNA MAMMA CONVINTA CHE FOSSE UN CRIMINALE (“LA TUA FACCIA NON MI PIACE, VATTENE”), IL TEXANO HA DORMITO SOTTO I PONTI COME UN BARBONE. POI L’INCONTRO CHE GLI HA CAMBIATO LA VITA… - GLI ANNI DIFFICILI AI BULLS E LA CHIAMATA DI MIAMI NEL 2019: UN QUADRIENNALE DA 140 MLN DI DOLLARI - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Gianluca Cordella per ''Il Messaggero''

 

 

jimmy butler jimmy butler

 Il dna americano è incline allo slogan, indiscutibilmente attrezzato quando si tratta di sfornare giochi di parole. E quello che più spesso piove dal cielo quando si parla di basket Nba e forse il più efficace: from zero to hero, da zero a eroe.

 

Certo, nella Lega americana ce ne sono decine e decine di ragazzi che sono passati dalle stalle alle stelle (anche in Italia non siamo male poi...), ma nonostante il claim sia inflazionato non perde di efficacia. Mentre l' Italia dorme la notte tra martedì e ieri, da Oltreoceano arriva l' ennesima consacrazione di uno zero che diventa eroe.

 

Jimmy Butler da Tomball, Texas, 31 anni fra qualche giorno, riporta i suoi Miami Heat sulle vette dell' Est a spicchi, a sei anni dall' ultima apparizione della mostruosa squadra dei Big Three James-Wade-Bosh, per quattro anni di fila campione di Conference e per due padrona della Nba. Lo fa, Jimmy, ricacciando fuori dalla bolla di Orlando i fortissimi Milwaukee Bucks, che avevano dominato la regular season, chiusa ampiamente davanti a tutti. Butler, mostruoso per tutta la serie, non è superlativo, ma comunque il migliore dei suoi con 17 punti sul tabellino. Ma mentre gli altri festeggiano l' impresa, lui, ai microfoni post match, dice: «Possiamo giocare meglio di così».

 

jimmy butler jimmy butler

Che è un specie di manifesto di Butler, uno che se avesse sul dizionario un aggettivo alla petaloso, Butleroso, avrebbe per spiegazione: «dotato di grinta e capace di superare qualsiasi avversità». Perché Jimmy, prima di essere un eroe, si è ritrovato a fronteggiare chi vuole farti credere di essere uno zero nel modo più doloroso.

 

Cacciato di casa da una mamma che vedeva in lui la proiezione dei suoi fallimenti al punto da essersi convinta che fosse un criminale. «La tua faccia non mi piace, vattene». Non c' è un padre a difenderlo perché il suo, fattore comune a molte storie Nba, è andato via di casa appena ricevuta la notizia dello stato interessante della sua compagna. E così Jimmy, a 13 anni, si ritrova completamente da solo per le strade di Tomball. L' unica cosa che lo accompagna è il suo pallone da basket, che non lo tradisce nemmeno quando fa la fila alle mense dei poveri per mangiare o quando cerca una branda nei centri di accoglienza per senzatetto.

 

jimmy butler jimmy butler

Quando gli va male male non ha neanche un tetto sulla testa e allora non gli resta che rimediare un cartone e andare a dormire sotto un ponte. Ma Jimmy, che ha un sogno sferico e arancione sempre tra le mani, con una maturità impressionante per un adolescente, capisce che per tirarsi fuori da quella situazione ha solo una strada: non mollare la scuola. Lo spaccio e i piccoli furti sono prospettive più a portata di mano, ma non fanno per lui.

 

 Per lui fa solo il playground, dove sfida i suoi coetanei. Tra loro, quando Jimmy ormai ha 17 anni, compare un certo Jordan Leslie, che con fare spaccone lo sfida al tiro da tre. Rimedia un' umiliazione clamorosa che però si trasforma in ammirazione per Jimmy. Lo invita a casa sua a cena. Dove la mamma, Michelle, resta stordita dalla sua storia. Così invita quel coetaneo di suo figlio anche per la notte successiva, e poi per quella dopo. E così sarà per mesi e mesi, in cui Butler entra a far parte quasi come un ottavo figlio di una famiglia in cui l' unico figlio titolare è Jordan.

 

butler butler

Gli altri sono arrivati da precedenti rapporti, tre per ogni genitore. Michelle sprona Jimmy negli studi e lui ripaga finendo l' High school con buoni voti, poi entra al Tyler Junior College, prima della chiamata, quella che gli cambia la vita, dalla prestigiosa università di Marquette. Il fax per accettare la borsa di studio lo spedisce da un McDonald' s. Con la squadra dell' università fa scintille e nel 2011 si dichiara eleggibile per la Nba. Nel primo giro non lo chiamo nessuno. Nel secondo, alla 30ª chiamata, l' allora commissioner David Stern lo spedisce a Chicago.

 

È l' inizio di un sogno che non decolla subito. Ai Bulls incanta ma non vince. Il progetto dei T' Wolves prima e dei 76ers, poi, è ambizioso, ma la personalità di Jimmy cozza con le stelle già in squadra.

 

Nel 2019 lo chiama Miami: quadriennale da 140 milioni di dollari.

butler butler

Il progetto è ritagliato su di lui. E Miami adesso insegue l' anello Nba. Butler, invece, continua a inseguire quel pallone che non lo ha abbandonato mai.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

LA ROMA TREMA, LO STADIO ORA E’ UN MIRAGGIO – IL PD SI SFILA, IL PROGETTO DEL NUOVO IMPIANTO A TOR DI VALLE SEMPRE PIU’ IN BILICO, LA RAGGI: “I DEM NON VOGLIONO LO STADIO. VIA LIBERA ENTRO NATALE” - IL CLUB GIALLOROSSO SI ASPETTAVA IN QUESTO MESE IL VIA ALL’ITER CHE DOVREBBE PORTARE ALL’APPROVAZIONE DELLA VARIANTE E DELLA CONVENZIONE URBANISTICA – LA SINDACA E’ ALLE PRESE CON UN MOVIMENTO SPACCATO E CON UN PD CHE PARTE DA UNA “POSIZIONE DI FORTE CONTRARIETA’”

cafonal

viaggi

salute