"ALL’INIZIO DELLA STAGIONE NESSUNO SAPEVA DELLA MIA ESISTENZA. ORA SOGNO LA NAZIONALE" - HALID DJANKPATA, CAPITANO DELLA PRIMAVERA DELL'EVERTON, È L'ULTIMO TALENTINO MESSO NEL MIRINO DAL C.T. AZZURRO ROBERTO MANCINI - IL CLASSE 2005, ORIGINARIO DEL TOGO MA CRESCIUTO A MILANO, SI È TRASFERITO IN INGHILTERRA A 11 ANNI: "CERCAVO UN POSTO IN CUI ESPRIMERMI, NON VOLEVO ANDARE IN UNO DEI TOP CLUB PER RISCHIARE DI BRUCIARMI" - GLI IDOLI PIRLO E POGBA, L'AMICIZIA CON MOISE KEAN E LE OFFERTE DALL'ITALIA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Pierfrancesco Catucci per www.corriere.it 

Halid Djankpata Halid Djankpata

 

I modelli di riferimento sono Andrea Pirlo e Paul Pogba, le origini sono in Togo, figlio di genitori del Benin, i primi calci al pallone già a 4 anni in Lombardia, il trampolino di lancio è a Liverpool, sponda Everton. Ha appena 18 anni Halid Djankpata, passaporto italiano e togolese e già una bella collezione di svolte che ora potrebbero aprirgli le porte della Nazionale di Roberto Mancini. «Sono davvero felice — racconta a Cronache di Spogliatoio —, perché la Figc ha scritto via mail al mio procuratore per dire di aver mandato alcuni osservatori a visionarmi per potermi convocare in Nazionale».

Halid Djankpata Halid Djankpata

 

Il giovane centrocampista era arrivato in Italia assieme alla famiglia quando aveva soltanto nove mesi […] Trascorrono così i suoi primi 11 anni, fino a quando, nel 2016, arriva l’ennesimo trasferimento. In Inghilterra questa volta, ancora per scelta dei genitori.

 

Halid Djankpata Halid Djankpata

«Dicevano che lì la vita sarebbe stata migliore, ma sinceramente io non ero d’accordo. Quando me l’hanno detto ho pianto tantissimo. Ora, però, gioco nell’Everton. Non posso lamentarmi». Prima di arrivarci, però, aveva cominciato a giocare per una squadra minore di Manchester, il Droylsden Fc. Lì fu notato da alcuni osservatori […] «Alla fine ho scelto l’Everton, mi affascinava la storia di questa squadra. E poi cercavo un posto in cui esprimermi, non volevo andare in uno dei top club per rischiare di bruciarmi».

 

Halid Djankpata Halid Djankpata

E di lì è cominciata la sua vera avventura inglese, a metà tra l’Under 18 dei Toffees e la formazione che in Italia chiameremmo Primavera, di cui è capitano. Un nuovo ruolo con lo spostamento indietro di qualche metro rispetto alle posizioni che occupava in Italia e una nuova prospettiva, senza perdere troppo la propensione a gol e assist: «In Italia facevo l’attaccante e segnavo tanto, in Inghilterra il calcio è molto più fisico e sono stato arretrato a centrocampo».

Halid Djankpata Halid Djankpata

 

La concorrenza in quel ruolo nella Nazionale di Mancini è particolarmente elevata, ma Djankpata ora comincia a crederci: «Penso che fino all’inizio di questa stagione nessuno sapesse della mia esistenza in Federazione. Ora sogno di giocare con la maglia della Nazionale, spero sia il primo che riuscirò a realizzare in ordine di tempo». E anche per questo, per non interrompere il percorso di crescita che stava facendo a Liverpool, in passato ha declinato qualche offerta arrivata dall’Italia. Nel frattempo ha fatto amicizia con Moise Kean (all’Everton nella stagione 2019-20) e più di una volta è stato aggregato alla prima squadra per gli allenamenti […]

Halid Djankpata Halid Djankpata Halid Djankpata Halid Djankpata

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE