MAINETTI RICAVI PERFETTI - CRESCONO DEL 25% I RICAVI DEL GRUPPO SORGENTE NEL 2015 - UN PATRIMONIO IMMOBILIARE GESTITO DI OLTRE 5,1 MILIARDI DI EURO - DAL 2001 SORGENTE SGR HA LANCIATO 34 FONDI IMMOBILIARI

Condividi questo articolo


Andrea Giacobino per Milano Finanza

 

VALTER MAINETTI VALTER MAINETTI

Un patrimonio immobiliare gestito di oltre 5,1 miliardi di euro. È il dato fotografato nel bilancio 2015 di Sorgente Group, holding della famiglia Mainetti alla cui presidenza Valter Mainetti, sommando la carica di amministratore delegato, ha sostituito il dimissionario Vincenzo Pontolillo. L'esercizio chiuso con un utile netto consolidato di 615 mila euro rispetto agli 1,2 milioni del 2014, evidenzia un totale di attività di 216,7 milioni e ricavi in crescita anno su anno da 32,6 a 41 milioni derivanti dalle controllate Sorgente Sgr e Sorgente Rem.

 

Veronica Mainetti, Presidente di Sorgente Group of America Veronica Mainetti, Presidente di Sorgente Group of America

Sorgente Sgr, con attività pari a 165 milioni, registra un utile di 3,1 milioni e ricavi per 21,6 milioni derivanti dalle commissioni per i fondi gestiti. Dal 2001 Sorgente Sgr ha lanciato 34 fondi immobiliari destinati per la maggior parte a investitori qualificati, investendo nell'acquisto di immobili di pregio nelle principali città italiane, ma anche nel Regno Unito, Francia, Svizzera e Usa.

 

Sorgente Sgr è settima in Italia per attività gestite complessive (2,5 miliardi di euro), con una quota di mercato del 5,4%. L'espansione estera di Sorgente è continuata anche nel 2016, trasferendo alla nuova Holding Star Uk alcune delle partecipazioni detenute da Sorgente Group International Holding Ltd; mentre la newco opererà con Main Source Sa (Società di Asset Management), con un fondo d'investimento multicomparto di diritto lussemburghese (Historic & Trophy Buildings Fund), con una società di distribuzione per i prodotti di investimento (Sorgente Uk Ltd) e con diverse società immobiliari.

 

valter mainetti premia michela matteoli valter mainetti premia michela matteoli

La holding di Mainetti è cresciuta anche in Italia rilevando recentemente Quorum Sgr dal gruppo Galotti. La società gestisce 4 fondi di investimento alternativi immobiliari per complessivi 236 milioni di gross asset value. L'acquisizione permetterà a Sorgente di rafforzare la propria collaborazione con alcuni investitori istituzionali già presenti nel portafoglio sottoscrittori dei fondi gestiti da Sorgente Sgr.

Valter Mainetti Saluta la signora Damato Valter Mainetti Saluta la signora Damato VALTER MAINETTI GAETANO MACCAFERRI VALTER MAINETTI GAETANO MACCAFERRI VALTER MAINETTI E MOGLIE PAOLA VALTER MAINETTI E MOGLIE PAOLA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…