“DOPO AMADEUS NIENTE ANSIA, SE FARÒ MENO SHARE NON IMPORTA” – CARLO CONTI PARLA A "RTL 102.5" DEL RITORNO A SANREMO E METTE LE MANI AVANTI SUL POTENZIALE FLOP. POI RIVENDICA: "IL PROCESSO DI SVECCHIAMENTO L'HO INIZIATO IO. NEL 2017, SUL PODIO C'ERANO ERMAL META, GABBANI E MANNOIA – SULLA FRONTE REGOLAMENTO E CO-CONDUTTORI, "È ANCORA PRESTISSIMO, NON CI HO ANCORA MESSO LA TESTA – LE POLEMICHE SULLA LOCATION? VA BENE L’ARISTON”

-

Condividi questo articolo


carlo conti amadeus carlo conti amadeus

 (ANSA) "Dopo Amadeus, nessuna ansia. Sono a un punto della mia carriera in cui non devo dimostrare niente, né a me stesso, né al pubblico, né all'azienda. Se farò meno di Amadeus non importa, non è solo una questione di share; cercherò di fare un buon prodotto e un buon servizio alla discografia, questa è la cosa importante. Non è importante se farò meno in termini di share, altrimenti dopo i grandi festival di Baudo avremmo dovuto chiudere Sanremo. Amadeus ha fatto un grandissimo lavoro, straordinario, crescendo di anno in anno sia dal punto di vista musicale che di ascolti. Io cercherò di continuare quel lavoro".

 

carlo conti carlo conti

Parola di Carlo Conti, nuovo conduttore e direttore artistico del festival di Sanremo, ospite di Rtl 102.5 in Non Stop News con Enrico Galletti, Giusi Legrenzi e Massimo Lo Nigro. "Molti dicono che il processo di svecchiamento di Sanremo l'ho iniziato io. Nel 2017, sul podio c'erano Ermal Meta, Gabbani e Mannoia. La discografia è cambiata molto. L'unica medaglietta che mi metto è che dai miei festival sono partiti Mahmood, Irama, Ermal Meta, Francesco Gabbani, Enrico Nigiotti, Giovanni Caccamo. Era un momento di grande rinascita della musica italiana", afferma Conti.

 

carlo conti foto di bacco carlo conti foto di bacco

Quanto alle polemiche sulla location, "Sanremo è Sanremo, va bene l'Ariston. È un appuntamento fisso; credo che sia più importante come si fa e le canzoni che ci sono, piuttosto che il luogo dove si fa". Sul fronte regolamento e co-conduttori, "è ancora prestissimo, non ci ho ancora messo la testa. È una cosa che si è concretizzata nell'ultima settimana", aggiunge ancora Conti. "La mia famiglia - sottolinea tra l'altro il conduttore nell'intervista - sa che ho fatto una scelta di vita ritirandomi a Firenze, una vita normale in cui troverò spazio per preparare il festival.

 

La cosa più importante è scegliere le canzoni giuste, perché le canzoni devono poi arricchire le programmazioni radiofoniche ed essere al passo con i tempi. Il mio dubbio era di avere l'orecchio musicale pronto dopo sette anni. Questo è l'importante per Sanremo, il resto è contorno". Infine un commento sulla vittoria dell'Atalanta in Europa League: "L'Atalanta ha dimostrato che anche una squadra 'provinciale' può raggiungere grandi traguardi con lavoro, programmazione e bravura".

carlo conti con la moglie francesca vaccaro - funerale roberto cavalli carlo conti con la moglie francesca vaccaro - funerale roberto cavalli carlo conti su gente 1 carlo conti su gente 1 maria de filippi telefona a tale e quale 9 maria de filippi telefona a tale e quale 9 carlo conti tale e quale sanremo carlo conti tale e quale sanremo

 

CARLO CONTI RISCHIATUTTO CARLO CONTI RISCHIATUTTO maria de filippi telefona a tale e quale 7 maria de filippi telefona a tale e quale 7 carlo conti i migliori anni carlo conti i migliori anni carlo conti carlo conti carlo conti tali e quali carlo conti tali e quali

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO