TRA LEGA E FORZA ITALIA VOLANO STRACCI NEL NOME DEL CAV – IL CARROCCIO ATTACCA TAJANI: “È SORPRENDENTE CHE CRITICHI LO SLOGAN DELLA LEGA ‘MENO EUROPA’ VISTO CHE ERA LA PAROLA D'ORDINE SCELTA ANCHE DA SILVIO BERLUSCONI NEL 2014” – LA REPLICA DEI FORZISTI: “LA LEGA RICORDA MALE, LO SLOGAN ERA "MENO EUROPA IN ITALIA, PIÙ ITALIA IN EUROPA". FORZA ITALIA SOSTENEVA E SOSTIENE IL PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETÀ” - IL "CAPITONE" RINCARA LA DOSE SULLE ALLEANZE IN UE: "TAJANI SBAGLIA A PRENDERSELA CON LE PEN..."

-

Condividi questo articolo


FONTI LEGA, TAJANI CRITICA MA 'MENO EUROPA' SLOGAN DEL CAV

slogan di matteo salvini per le europee 2024 slogan di matteo salvini per le europee 2024

(ANSA) - "È sorprendente che l'amico Antonio Tajani preferisca il bellicista Emmanuel Macron a Marine Le Pen, come è sorprendente che l'altro giorno abbia criticato lo slogan della Lega 'meno Europa', visto che era la parola d'ordine scelta anche da Silvio Berlusconi per la campagna elettorale delle elezioni del 25 maggio 2014, quando l'attuale ministro degli Esteri era Commissario europeo". Lo affermano fonti della Lega, sottolineando che il partito di Matteo Salvini "non cambia idea e continua a ritenere che anche a Bruxelles vada proposto il modello di centrodestra che sta governando bene in Italia".

 

FONTI FI, LEGA SBAGLIA SLOGAN, CAV ERA PER SUSSIDIARIETÀ

slogan di forza italia per europee 2014 slogan di forza italia per europee 2014

(ANSA) -  La Lega ricorda male e si sbaglia: lo slogan di Berlusconi non era "meno Europa", ma "Meno Europa in Italia, più Italia in Europa". Forza Italia sosteneva e sostiene il principio di sussidiarietà: il livello più alto non faccia quello che può fare il piccolo. L'Europa si deve occupare di grandi dossier, come la difesa, l'immigrazione. Ma non tutti conoscono il significato di sussidiarietà".

 

Così fonti di Forza Italia replicano alla critica che è venuta da fonti leghiste. Quanto alla Le Pen - concludono le fonti azzurre - è contro l'Europa e vuole uscire dalla Nato.

 

SALVINI, TAJANI SBAGLIA A PRENDERSELA CON LE PEN 
(ANSA) -
 La videochiamata con Le Pen "è andata benissimo, c'è totale sintona". Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini parlando con i cronisti in Transatlantico. "Si riunisce il gruppo - ha aggiunto - poi se uno dice tra le SS c'erano belle persone siamo al di là bene male". "Spero di riuscire a ricostruire il centrodestra europeo - ha aggiunto - certo quando Tajani se la prende anche con la Le Pen secondo me sbaglia. Noi lavoriamo per unire".

MATTEO SALVINI ANTONIO TAJANI MATTEO SALVINI ANTONIO TAJANI antonio tajani berlusconi day antonio tajani berlusconi day TAJANI e il nome di berlusconi nel simbolo di forza italia TAJANI e il nome di berlusconi nel simbolo di forza italia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA