STENDIAMO UN VELO IMPIETOSO - IL PRESIDENTE IRANIANO EBRAHIM RAISI HA RIFIUTATO DI CONCEDERE A CHRISTIANE AMANPOUR UN’INTERVISTA A NEW YORK GIÀ CONCORDATA CON LA CNN: LA GIORNALISTA SI È RIFIUTATA DI INDOSSARE IL VELO E LUI, DOPO AVERLA FATTA ASPETTARE 40 MINUTI, HA MANDATO UNO SCAGNOTTO PER DETTARE LE SUE REGOLE. L’INDIGNAZIONE DELLA REPORTER: “NESSUN PRECEDENTE PRESIDENTE IRANIANO AVEVA FATTO QUESTA RICHIESTA” – ANCORA PROTESTE A TEHERAN PER LA MORTE DI MAHSA AMINI: CI SONO 31 MORTI E…

-

Condividi questo articolo


Viviana Mazza per www.corriere.it

 

christiane amanpour 1 christiane amanpour 1

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha rifiutato di concedere a Christiane Amanpour un’intervista già concordata con la Cnn, poiché la giornalista non ha accettato di indossare il velo a New York. È stata la stessa Amanpour a raccontare la vicenda su Twitter accompagnata dalla foto della sedia vuota davanti a sé, che era pronta per il presidente iraniano.

 

«Le proteste attraversano l’Iran e le donne bruciano l’hijab dopo la morte della scorsa settimana di Mahsa Amini, in seguito al suo arresto da parte della "polizia della moralità". I gruppi per i diritti umani dicono che almeno 8 persone sono state uccise», scrive la giornalista.

ebrahim raisi ebrahim raisi

 

«Nelle ultime ore, la tv di Stato di Teheran ha dichiarato che i morti sarebbero 17, inclusi un numero non precisato di agenti. La ong con sede a Oslo "Iran Human Rights" dichiara che i civili uccisi sarebbero almeno 31. Ieri sera volevo chiedere questo e molto altro al presidente Raisi. Sarebbe stata la sua prima intervista su suolo americano, durante la sua visita a New York per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite - continua Amanpour -. Dopo settimane di pianificazione e otto ore di preparativi per traduzione, luci e telecamere eravamo pronti. Ma neanche l’ombra del presidente Raisi.

 

christiane amanpour christiane amanpour

Quaranta minuti dopo l’inizio previsto dell’ intervista, è arrivato un assistente. Il presidente, ci ha detto, suggeriva che indossassi il velo, perché ci troviamo nei mesi sacri di Muharram e Safar. Ho gentilmente rifiutato. Siamo a New York, dove non c’è legge o tradizione che riguarda il velo. Ho fatto notare che nessun precedente presidente iraniano aveva rifatto questa richiesta quando li ho intervistati fuori dall’Iran. L’assistente ha chiarito che l’intervista non sarebbe avvenuta se non avessi indossato il velo.

 

proteste in iran 3 proteste in iran 3

Ha detto che era "una questione di rispetto" e ha fatto riferimento alla "situazione in Iran" alludendo alle proteste nel Paese. Ancora una volta, ho ripetuto che non potevo accettare questa condizione senza precedenti e inaspettata. E così ce ne siamo andati. L’intervista non c’è stata. Mentre le proteste continuano in Iran e le persone vengono uccise, sarebbe stato un momento importante per parlare con il presidente Raisi».

 

ebrahim raisi 5 ebrahim raisi 5

Negli ultimi giorni le autorità hanno censurato internet e «spento» anche Instagram e Whatsapp dopo la diffusione di numerosi video che mostrano le proteste in piazza. I Pasdaran hanno avvertito che chi diffonde «notizie false» sarà punito.

christiane amanpour 2 christiane amanpour 2 ebrahim raisi 2 ebrahim raisi 2 christiane amanpour 3 christiane amanpour 3 christiane amanpour 4 christiane amanpour 4 proteste in iran 4 proteste in iran 4 proteste in iran 5 proteste in iran 5 proteste in iran 2 proteste in iran 2 proteste in iran 1 proteste in iran 1 christiane amanpour christiane amanpour

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SALVINI-MELONI. DUELLO IN AUTOSTRADA – IL LEADER DELLA LEGA ANNUNCIA: ‘’STO LAVORANDO A UN'INTERA REVISIONE DEL SISTEMA DELLE CONCESSIONI ENTRO IL 2024" – DAGOREPORT: IL NOCCIOLO DELLA RIFORMA: I PEDAGGI ANDREBBERO DIRETTAMENTE NELLE CASSE DELLO STATO. I CONCESSIONARI SI TRASFORMEREBBERO IN SEMPLICI GESTORI DELLA RETE, PAGATI DALLO STATO PER EROGARE I SERVIZI DI VIABILITÀ E PER EFFETTUARE LA MANUTENZIONE – DIVERSA E CONTRARIA L’IDEA DELLA MELONA: MAXI FUSIONE TRA AUTOSTRADE PER L’ITALIA – OGGI CONTROLLATA DA CDP INSIEME AI FONDI BLACKSTONE E MACQUARIE – E LA FAMIGLIA GAVIO…

FLASH! – QUELLA IMMAGINIFICA TESTA DI FAZIO, INTERVISTANDO (SI FA PER DIRE) LA FRIGNANTE FERRAGNI, SI E’ BEN GUARDATO DAL CITARE DAGOSPIA, CHE HA RIVELATO LA ROTTURA MATRIMONIALE DEI FERRAGNEZ, DA UNA PARTE. DALL’ALTRA, CON LA SCUSA DI MOSTRARE LE COPERTINE DEI SETTIMANALI DEDICATE ALLA FINE DELLA PREMIATA DITTA PANDORO & MALEFICENZA, FABIOSTRAZIO, AGITANDO IL SUO INQUIETANTE DOPPIOMENTO, SI E’ SPARATO UNA TONANTE MARCHETTA IN GLORIA DI “OGGI”, RIVISTA CON CUI COLLABORA… - VIDEO

COME TI SMONTO IL MUSEO DI BRERA – IL NEODIRETTORE DEL PIÙ IMPORTANTE MUSEO MILANESE, ANGELO CRESPI, È UN TIPINO BEN DOTATO DI ENTRAMBE LE CARATTERISTICHE CHE IL GOVERNO MELONI RICHIEDE AI SUOI FUNZIONARI: È MOLTO FEDELE (A LA RUSSA) MA SOPRATTUTTO È MOLTO INCOMPETENTE – L’INIZIO È DEI PIÙ PROMETTENTI: LICENZIATI I PROFESSIONISTI CHE DA ANNI LAVORANO PER I 'CRIMINI ARCHITETTONICI' DI PALAZZO CITTERIO – NON SODDISFATTO, CRESPI HA PENSATO BENE DI 'LICENZIARE' ANCHE ALESSANDRA QUARTO, NON PROPRIO UNA QUALSIASI…