TRANSIZIONE ECOLOGICA DE’ NOANTRI! A ROMA, NEL QUARTIERE PRATI, LA TESLA SI RICARICA CON UN CAVO VOLANTE DALLA FINESTRA ALLA STRADA. E POCO IMPORTA CHE IL MARCIAPIEDE SIA BLOCCATO E I PASSANTI RISCHIANO DI FARSI MALE – PANDEMONIO SUI SOCIAL: “NEANCHE IN BRASILE, BENVENUTI A LES FAVELAS”. MA C’E’ CHI DICE: “FA BENE, LE COLONNINE SONO POCHE”

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Peronaci per roma.corriere.it

 

auto elettrica caricata in casa nel quartiere prati auto elettrica caricata in casa nel quartiere prati

Ma guarda certe volte la fortuna. Primo: quella di avere i soldi per comprarti una Tesla, l’auto-pilota della transizione ecologica non propriamente alla portata di tutti. Secondo: abitare al piano rialzato. Più comodo di così! Butti il filo dalla finestra et voilà, il bolide è pronto a partire...

 

 

Nella Roma dell’arrangiamose - una via di mezzo tra furbizia e disincanto, che non di rado sconfinano nella maleducazione e nell’allegra violazione delle regole - questa non s’era ancora vista: le colonnine per la ricarica delle auto elettriche nella capitale sono poche, mal segnalate e spesso invase da quei cafoni che le occupano per andarsene a cena, confidando nell’assenza di vigili? Bene, un sistema c’è (come documentato dal gruppo Fb “Roma fa schifo”): allacciarsi direttamente da casa.

Auto elettrica ricarica Auto elettrica ricarica

 

Il tubo dalla finestra

L’idea è venuta al proprietario della Tesla bianca che vive in via Edoardo Fabbri, quartiere Prati, a pochi passi da piazza Mazzini. La prima mossa è stata forse la più complicata: trovare parcheggio esattamente sotto la finestra. Poi, grazie alla Wallbox, il dispositivo che preleva la corrente dall’utenza domestica e la trasmette alle macchine ad alimentazione elettrica, è stato un gioco da ragazzi: è bastato lanciare il cavo dalla cucina al piano rialzato, agganciare lo spinotto al «bocchettone» sulla fiancata posteriore sinistra e dare il via alla ricarica. E poco importa se i passanti rischiano di farsi male, inciampando: l’unica accortezza è stata quella di attaccare dei foglietti bianchi, per renderlo più visibile, senza neanche un «grazie» o - non sia mai - uno «scusi il disturbo».

 

Immediate le reazioni in Rete. Tante divertite e sul filo dell’ironia, alcune indignate. «Un grande!», «Ma che davero?», «Neanche in Brasile, benvenuti a Les favelas», i commenti più frequenti, scritti d’istinto. «Transizione ecologica alla romana», la sintesi esemplare di Francesco Z. «Sarebbe forte se la mattina dopo al momento di staccare la spina al posto della Tesla trovasse un bell’ambulante kebabbaro attaccato col suo furgoncino!», l’auspicio di tal Simone D. « Almeno usa la sua corrente e non quella condominiale, come avviene spesso», si consola Salvatore.

 

Rifornimento dalla finestra

Auto elettrica ricarica 4 Auto elettrica ricarica 4

Molti hanno pensato subito al bucato: «La lavatrice ha finito, stendi i panni...» (Sandro P.), «Io ci avrei messo qualche maglietta stesa ad asciugare» (Andrea C.), «Io invece le mutande…» (Rafal), per sottolineare lo sfregio al decoro. Ma c’è anche chi ringrazia per l’idea: «Sto progettando di farlo anche io, mi serve una prolunga da 40-50 metri», annuncia Tiziano T., che evidentemente abita a un piano alto. Giorgio P., anche lui proprietario di macchina elettrica, ha invece un’obiezione di carattere tecnico: «Non ha senso caricare così, ho anche io una Tesla... Si fa molto prima con le colonnine Fast in giro, massimo venti minuti, col carichino lo lasci tutta la notte e neanche arrivi a metà batteria...»

 

Il dibattito

Il dibattito, nella Roma del «faccio come me pare» (giorni fa i proprietari di un furgone lasciarono un biglietto con su scritto «Peace&Love» dopo aver completamente bloccato una macchina), è aperto: «Condannare lui o condannare il fatto che la maggior parte delle volte le stazioni di rifornimento elettrico sono non funzionanti o occupate abusivamente?», riflette Cristiano. Già, questo è il dilemma... Ma poi interviene un certo Enrico Paolo che, esaminata più attentamente la fotografia, cambia argomento e sbotta: «E la macchina parcheggiata in fondo, in curva, che impedisce di attraversare, la vedete? Uno schifo dietro l’altro!» Tempo due minuti e un altro internauta rincara la dose: «Sta anche contromano, vergogna!» È Roma, ragazzi... (fperonaci@rcs.it)

auto elettrica caricata in casa nel quartiere prati auto elettrica caricata in casa nel quartiere prati

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...