1- NEL PDL HANNO DAVVERO TUTTI PERSO LA TESTA! CRONACA SEGRETA DELLA SEDUTA DEL GRAN CONSIGLIO CHE HA VISTO BERLUSCONI RITORNARE CAIMANO E DECAPITARE ALFANO - 2- ANGELINO JOLIE, UNO CHE A 40 ANNI HA L’ASPETTO DI UN 60ENNE E IL LINGAGGIO DI UN 90ENNE, È ARRIVATO A DIRE DI ESSERE PRONTO A METTERE UNA MANO SULLA SPALLA DEL PATONZA PER AIUTARLO NELL'USCITA DI SCENA. POI CI PENSAVA LUI A FAR RIPARTIRE LA PDL - 3- CON UNA PATTUGLIA DI 50 PARLAMENTARI FEDELISSIMI IL BANANA È CONVINTO DI POTERSELA ANCORA GIOCARE NEL PROSSIMO PARLAMENTO. RESTA SEMPRE OSSESSIONATO DALLA TELEVISIONE E STA CERCANDO IL VOLTO GIUSTO, DISGUSTATO DALLE APPARIZIONI DEI LA RUSSA, GASPARRI E CICCHITTO CHE VALUTA IL MIGLIOR SPOT PER L'ANTIPOLITICA -

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

papinopapino

Angelino Alfano ha capito che la sua stagione a capo della fu PDL era ormai finita e la sua stella tramontata tra martedì notte e mercoledì mattina. E per assurdo anziché rendersi conto che doveva rivedere il suo progetto e' andato a piangere dai vari Cicchitto, La Russa e Gasparri, quelli che maggiormente l'hanno contrastato in questi anni di regno senza corona. Berlusconi ne ha preso atto e gli ha dato il benservito come sa fare solo lui.

BERLU E ALFANOBERLU E ALFANO

Un pugno secco e cinquanta carezze tanto che l'interlocutore non capisce cosa stia succedendo. Per Berlusconi e' stata una sconfitta bruciante dopo che per mesi aveva cercato di imporlo e proteggerlo cercando di convincere tutti - soprattutto quelli che lo conoscevano bene - che era una scelta sbagliata.

In questi mesi Angelino Jolie e' rimasto chiuso nel bunker che si è' fatto costruire in via dell'Umilta' ma non è' riuscito ne' a stringere alleanze ne' ad avvicinare al partito pezzi di società'. Mai riunioni progettuali solo incontri con giovani collaboratori per preparare comparsate televisive, interviste e contatti con i social network lontani peraltro anni luce dall'elettorato della PDL.

gasparri cicchitto foto mezzelani gmtgasparri cicchitto foto mezzelani gmt

Ma andiamo per ordine. La drammatica seduta del gran consiglio di martedì notte si apre con l'annuncio di Berlusconi che non si sarebbe presentato come candidato premier e che semmai l'unico in grado poteva essere Gianni Letta che si tirava subito fuori dalla partita.

A questo punto, forte dei sondaggi che la sua diligente portavoce Danila Subranni lo faceva indicare come favorito su Silvio Berlusconi, Alfano arrivava a dire di essere pronto a mettere una mano sulla spalla del Patonza per aiutarlo nell'uscita di scena. Solo lui avrebbe potuto tessere le alleanze giuste e far ripartire la PDL. Gelo nella sala. Berlusconi livido di rabbia incassava in silenzio ma dentro di se capiva che il suo figlio prediletto stava diventando Giuda.

La mattina dopo incurante di cosa fosse successo Alfano si ripresenta da Berlusconi con il suo progetto politico di rilancio della PDl. È' a quel punto che Berlusconi e' tornato ad essere il Caimano e gli ha detto che non aveva capito nulla che la PDL verrà' sciolta nel giro di due settimane così tutti si sentiranno liberi da ogni carica e vincolo e lui tornerà ad essere il padrone assoluto circondato solo da una ventina di fedelissimi ed un gruppetto di imprenditori, professionisti ed intellettuali proveniente dalla società' civile.

verdini berlusconi larussa jpegverdini berlusconi larussa jpeg

A quel punto Alfano ha capito di aver perso la partita e ha tentato la carta mediatica affidandosi al gran rapporto che la sua Subranni ha con una vecchia volpe del Corriere della Sera, il notista politico Francesco Verderami. Un articolo che metteva proprio Alfano al centro del nuovo progetto. Una mossa però' un po' azzardata smentita clamorosamente oggi da Paola di Caro sempre sul Corriere.

CLAUDIO VELARDI FRANCESCO VERDERAMICLAUDIO VELARDI FRANCESCO VERDERAMI

Esaltato dal nuovo progetto, Berlusconi con i fedelissimi del ‘94 ha ripreso a tessere la sua tela sperando sempre di reclutare Montezemolo e Casini che però' non ci pensano neppure. Ma con una pattuglia di 50 parlamentari fedelissimi ed efficienti e' convinto di potersela ancora giocare nel prossimo parlamento.

Resta sempre ossessionato dalla televisione e sta cercando il volto giusto, disgustato com'è stato in questi anni dalle apparizioni dei vari La Russa, Gasparri e Cicchitto che considera come il miglior spot per l'antipolitica. Sta pensando ad una donna con l'aria credibile e affidabile. Sotto osservazione per ora l'ex ministro liftato e parrucchinato Anna Maria Bernini, non ancora troppo sfruttata televisivamente.

2giu parata28 larussa berlusconi schifani2giu parata28 larussa berlusconi schifani

Ma il progetto di Berlusconi trova l'opposizione di tutti i colonnelli che cercano di ricompattarsi per sopravvivere a se stessi proprio ad Alfano. Persino una vecchia volpe come Fabrizio Cicchitto, che sente il fiato sul collo per il suo futuro, arriva ad appoggiare il progetto di Maria Stella Gelmini di tre partiti federati nord-centro e sud pur di bloccare l'ultimo colpo di teatro che sta preparando il Patonza.

noemi BERLUSCONI papinoemi BERLUSCONI papi

Un altro in gran movimento che sta facendo una partita a sé, giocando anche sulla legge elettorale per trovare l'appoggio del Pd e' Renato Schifani convinto - solo lui - di poter andare al Quirinale. Nel PDL hanno davvero tutti perso la testa.

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…