L’ORLANDO FURIOSO! IL MINISTRO QUERELA L’EX ASSESSORE SPEZZINO PAOLO ASTI CHE LO AVEVA ASSOCIATO AL "SISTEMA" PALAMARA QUANDO ERA GUARDASIGILLI – FRATELLI D’ITALIA PRESENTA UN’INTERROGAZIONE E SOTTOLINEA LE NUMEROSE CITAZIONI DELL'EX MINISTRO FATTE DA PALAMARA NEL SUO LIBRO E NON SMENTITE. AD INIZIARE DAI CONTATTI PER…

-

Condividi questo articolo


Massimo Malpica per il Giornale

 

orlando orlando

Il ministro del Lavoro Andrea Orlando? Suscettibile, a dir poco. Era Guardasigilli quando il «sistema» denunciato da Luca Palamara funzionava come un orologio svizzero, eppure se qualcuno glielo ricorda replica a forza di querele. Chiedere all'ex assessore spezzino Paolo Asti, che per aver difeso il suo ex sindaco, Pierluigi Pieracchini, da un attacco di Orlando, ricordando all'ex ministro di aver quantomeno «controllato male» uno dei «Proconsoli» nel Csm che si è poi dimostrato uno dei «più infedeli che la Repubblica abbia avuto».

luca palamara al csm 1 luca palamara al csm 1

 

Un chiaro riferimento a Palamara, nemmeno troppo velenoso, infilato tra le righe di un articoletto uscito su un quotidiano locale della Spezia a ottobre dello scorso anno. Tutto era cominciato con un'intervista in cui Orlando aveva attaccato Pieracchini definendolo un «proconsole» di Toti, e paragonando il Governatore alla Russia e il sindaco alla Bulgaria «fedele alla linea».

 

Il primo cittadino aveva replicato, e il giorno dopo anche l'allora assessore Asti aveva fatto lo stesso, con in più quell'accenno al caso Palamara. Solo che l'ex Guardasigilli l'ha presa malissimo. E l'11 febbraio scorso ha pensato bene di presentarsi in procura a Roma per querelare Asti per diffamazione a mezzo stampa, avendogli lo spezzino attribuito «responsabilità» in merito alla questione Palamara.

 

ANDREA ORLANDO ANDREA ORLANDO

Peccato, come è noto, che a coinvolgere Orlando non penalmente, visto che non è indagato, ma per il suo ruolo politico nella vicenda sollevata dall'ex numero uno dell'Anm è stato proprio Palamara. Con una serie di riferimenti all'ex ministro nel libro-intervista «Il Sistema» di Alessandro Sallusti. Così Asti ha preso nota, e tornando sei mesi dopo sulla questione, ha ribadito come i suoi riferimenti alle responsabilità di Orlando ricalcassero né più né meno quelli poi ribaditi nel libro uscito pochi mesi più tardi, nel quale a chiamare in causa l'ex Guardasigilli non è appunto Asti ma proprio Palamara, quanto basta ad Asti per ribadire come «pur essendo l'On. Orlando estraneo, fino a oggi, a qualsiasi inchiesta, gravano su di lui le responsabilità politiche da me richiamate».

luca palamara al csm 2 luca palamara al csm 2

 

Vista la sproporzionata reazione dell'Orlando furioso, la questione sulla «inassociabilità» di un ex ministro della Giustizia a un ex potentissimo magistrato è finita pure in Parlamento. Grazie a un'interrogazione di Fdi, firmata da Andrea Del Mastro Delle Vedove, Giovanni Donzelli e Federico Mollicone. Nell'interpellanza i tre fratelli d'Italia si chiedono come mai Orlando se la sia presa tanto considerando, in primo luogo, che «la posizione di vertice al dicastero di via Arenula comporta quantomeno un'indubbia responsabilità politica in materia di giustizia», per poi ribadire le numerose citazioni dell'ex ministro fatte da Palamara e non smentite.

ALESSANDRO SALLUSTI INTERVISTA LUCA PALAMARA - IL SISTEMA ALESSANDRO SALLUSTI INTERVISTA LUCA PALAMARA - IL SISTEMA

 

Come i contatti, messi nero su bianco dall'ex presidente Anm, con il Guardasigilli sia in occasione della nomina di Legnini a vicepresidente del Csm che per la designazione a procuratore capo di Napoli di Giovanni Melillo, che all'epoca era proprio capo di Gabinetto di Orlando.

 

Condividi questo articolo

politica

POLITICA, VACCINI, TOGHE: COSA PENSANO GLI ITALIANI? LO SVELA ALESSANDRA GHISLERI: "GOVERNO PROMOSSO SULLA GESTIONE DEI VACCINI MA SULL'ECONOMIA SI PRETENDE UN CAMBIO DI PASSO - LA FIDUCIA NELLA MAGISTRATURA VACILLA - NELLA GRANDE PARTITA TRA APERTURISTI E CHIUSURISTI, I PALADINI DELLE RIAPERTURE SONO IN VANTAGGIO: IL 68% DEGLI ITALIANI VUOLE MAGGIORE FLESSIBILITÀ - DIRITTI CIVILI, DI IUS SOLI E DDL ZAN? LA GENTE VUOLE DARE PRECEDENZA AI DIRITTI SOCIALI - I 5STELLE? SONO IN CERCA DI UN LEADER CHE ANCORA NON SI VEDE - DRAGHI AL COLLE? PER GLI ELETTORI, STA BENE A PALAZZO CHIGI - IL CENTRODESTRA IN VANTAGGIO SU PD-M5S MA…"

LA “SQUAD” FA NERO BIDEN - L’ALA DI SINISTRA DEL PARTITO DEMOCRATICO SI SCHIERA CON I PALESTINESI E SI INCAZZA CON IL PRESIDENTE. IN PRIMA FILA LE QUATTRO DEPUTATE DELLA COSIDDETTA “SQUAD”, GUIDATE DA ALEXANDRIA OCASIO-CORTEZ: “PERCHÉ IL NOSTRO GOVERNO NON FA NULLA PER PROTEGGERE I PALESTINESI INCARCERATI, CACCIATI DALLE LORO TERRE? FORSE PERCHÉ È UNA SITUAZIONE CHE RICORDA QUELLO CHE NOI AMERICANI STIAMO FACENDO CON GLI IMMIGRATI AL CONFINE CON IL MESSICO?” - L’EBREO BERNIE SANDERS: “BIDEN NON PUÒ ESSERE COMPLICE DI NETANYAHU COME LO È STATO DONALD TRUMP”