E’ NORMALE CHE L’AD DELLA JUVENTUS SCANAVINO SIA ANCHE L’AD DI "REPUBBLICA"? VITTORIO ZAMBARDINO, EX GIORNALISTA DEL QUOTIDIANO, DENUNCIA: “È UN CASO DI INCOMPATIBILITÀ GRAVE E UNA LESIONE DELLA REPUTAZIONE DELLA TESTATA E DEI SUOI GIORNALISTI. MA MI PARE CHE TUTTO TACCIA. CONTENTI VOI” – LA RISPOSTA PUNTUTA DI ZILIANI A CONDO’: "CHE STRANO MONDO È QUELLO DEL CALCIO ITALIANO IN CUI CI SI STRACCIA LE VESTI PER SANZIONI CHE ARRIVANO A METÀ CAMPIONATO SUL CONTO DI UN CLUB CHE (LO DICONO I GIUDICI) HA CONTINUATO A FALSIFICARE CAMPIONATI SENZA CHE NESSUNO DICESSE MAI NIENTE?"

-

Condividi questo articolo


 

https://m.dagospia.com/la-penalizzazione-di-15-punti-alla-juve-e-solo-l-inizio-possibile-che-i-filoni-processuali-possano-340098

 

 

Dall'account facebook di Vittorio Zambardino

 

maurizio scanavino maurizio scanavino

Diciamo che se io fossi ancora un giornalista di Repubblica mi risentirei molto duramente prima con la mia rappresentanza sindacale, poi con la proprietà su questo: l'amministratore delegato e direttore generale dell'azienda editrice del giornale è anche l'AD della Juventus. È un caso di incompatibilità grave e una lesione della reputazione della testata e dei suoi giornalisti. Ma mi pare che tutto taccia. Contenti voi

 

 

MAURIZIO SCANAVINO E JOHN ELKANN MAURIZIO SCANAVINO E JOHN ELKANN calvo scanavino elkann calvo scanavino elkann maurizio scanavino maurizio scanavino

 

paolo ziliani paolo ziliani

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH – IL VERO GRANDE SCONFITTO DELLE AMMINISTRATIVE È…GENNARO SANGIULIANO! EIKE SCHMIDT, A FIRENZE, E FABIO ROMITO A BARI, SONO STATI CANDIDATI, SPONSORIZZATI E SOSTENUTI STRENUAMENTE DA “GENNY”. LA DISCESA IN CAMPO DEL CRUCCO È STATO UNA SUA IDEA, INSIEME A QUEL FENOMENO DI DONZELLI - NELLA CITTÀ PUGLIESE, AVEVA ADDIRITTURA PROMESSO CHE SAREBBE DIVENTATO ASSESSORE IN CASO DI VITTORIA DI ROMITO. ED È ANDATO PIÙ VOLTE SIA A BARI CHE A FIRENZE. RISULTATO? HANNO PERSO MALAMENTE ENTRAMBI…

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…