CHI HA DETTO CHE ESSERE DONNA E’ BELLO E DIVERTENTE? LA “TEORIA DELLA RAGAZZA TRISTE” PROPONE UN NUOVO FEMMINISMO BASATO SULL’IDEA CHE IL DOLORE E LA TRISTEZZA POSSONO ROMPERE GLI SCHEMI MASCHILI DI DOMINAZIONE (OVVIAMENTE LE FOTO COL BRONCIO SI POSTANO SUI SOCIAL)

Dice l’autoproclamata regina tragica di Instagram, Audrey Wollen, nonché sosia di Nicole Kidman: «Le donne sono sempre oggetti, mai soggetti, nelle opere d’arte. Un bel dipinto è spesso una scena di violenza. Instagram invece ha la funzione di renderle parte della storia dell’arte: le ragazze si fotografano e replicano la propria immagine come vogliono»...

Condividi questo articolo

riproduzione la nascita di venere riproduzione la nascita di venere

Lucy Watson per www.dazeddigital.com

 

L’autoproclamata regina tragica di Instagram, Audrey Wollen, è l’artista-autrice della “Teoria della ragazza triste”, un atto di resistenza politica dice: «Il femminismo che attira l’attenzione dei media è quello accettabile, positivo innocuo, condiviso. Io mi sento alienata dal femminismo contemporaneo perché mi chiede troppo: amore per me stessa, successo economico, gran sesso. Non ho niente di questo. La tristezza delle donne dovrebbe essere riconosciuta come un atto di resistenza. La protesta politica è in genere definita in termini maschili, prevede l’occupazione di uno spazio, gesti eclatanti, violenza. C’è invece una storia di donne che usano il loro dolore e l’autodistruzione per rompere i sistemi di dominazione. La tristezza delle ragazze non è passiva, è un gesto di liberazione».

regina triste di instagram regina triste di instagram

 

lo chiamano empowerment lo chiamano empowerment botticelli secondo audrey wollen botticelli secondo audrey wollen ragazze al sole ragazze al sole audrey wollen regina tragica di instagram audrey wollen regina tragica di instagram audrey wollen si ispira alla kidman audrey wollen si ispira alla kidman audrey wollen sosia di nicole kidman audrey wollen sosia di nicole kidman audrey wollen su twitter audrey wollen su twitter fotografia di audrey wollen fotografia di audrey wollen

Le sue “tristi” preferite? «Judy Garland, Marilyn Monroe, Sylvia Plath, Frida Kahlo, Virginia Woolf, Brittany Murphy, Hannah Wilke, Elena Ferrante, Clarice Lispector, e Persefone. Il femminismo insiste a dire che essere donna è bello e divertente, invece è inimmaginabilmente doloroso e questo dolore non deve essere cancellato ma usato per cambiare gli schemi. Il patriarcato è il più antico sistema di potere, e le lacrime o l’autolesionismo sono da sempre sintomo di femminilità. Non una risposta autonoma, non pazzia. Essere emotive non significa essere deboli o patetiche».

 

Lei intanto continua ad immortalarsi nei dipinti classici, e anche questo è un modo per riprendere il potere sugli uomini: «Le donne sono sempre oggetti, mai soggetti, nelle opere d’arte. Quando sei un oggetto, sei incapace di azioni tue e vulnerabile a quelle degli altri. Un bel dipinto è spesso una scena di violenza. Penso che possiamo prendere i prodotti del patriarcato e usarli per smantellarlo. Ad esempio credo che Instagram abbia la funzione di rendere le donne parte della storia dell’arte. Non c’è bisogno del punto di vista maschile: le ragazze si fotografano e replicano la propria immagine come vogliono».

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

PALLOTTA, A MAI PIÙ RIVEDERCI: LA ROMA PASSA A DAN FRIEDKIN - NELLA NOTTE IL PRESIDENTE DELLA ROMA, JAMES PALLOTTA, HA FIRMATO L'ACCORDO VINCOLANTE PER LA CESSIONE DELLA PARTECIPAZIONE DI CONTROLLO DELLA SOCIETÀ - L'OPERAZIONE È VALUTATA IN CIRCA 591 MILIONI DI EURO E DOVREBBE CONCLUDERSI ENTRO LA FINE DI AGOSTO - DI QUESTI, 300 MILIONI SERVIRANNO PER COPRIRE I DEBITI, 190 VANNO A PALLOTTA (PESANTE MINUSVALENZA PER LUI) - QUEL CHE RESTA SERVIRÀ ALL’AUMENTO DI CAPITALE E AL MERCATO…

cafonal

viaggi

salute