CHI SI FIDA DEL VACCINO ANTI COVID? - UN SONDAGGIO “WALL STREET JOURNAL-NBC” SOSTIENE CHE LA METÀ DEGLI AMERICANI, SE FOSSE GIÀ DISPONIBILE UN VACCINO, PREFERIREBBE ASPETTARE PRIMA DI ASSUMERLO PER TIMORE DEGLI EFFETTI COLLATERALI - IL 27% INVECE NON VUOLE SAPERNE, IN OGNI CASO - TRA NEGAZIONISTI, COMPLOTTISTI E LE SPARATE DI TRUMP, DEL VIRUS SI FA SOLO UN USO POLITICO…

-

Condividi questo articolo

Articolo di “The Wall Street Journal” dalla rassegna stampa estera di "Epr comunicazione"

 

vaccino covid 5 vaccino covid 5

Circa il 70% degli elettori registrati intervistati ha detto che assumerebbe un vaccino Covid-19, anche se molti vogliono aspettare che sia disponibile per un po' di tempo per vedere se ci sono problemi o effetti collaterali importanti, secondo un nuovo sondaggio del Wall Street Journal/NBC News.

 

Il sondaggio ha rilevato che il 20% degli intervistati ha detto che prenderebbe un vaccino non appena ne fosse stato disponibile uno, mentre circa la metà degli intervistati vuole aspettare fino a quando non avesse appreso maggiori informazioni sull'iniezione.

 

"C'è un'altissima reticenza ad essere il primo della fila", ha detto Kate Fridley, una sondaggista democratica che ha lavorato al sondaggio con il repubblicano Bill McInturff.

Secondo il sondaggio, il 17 per cento ha detto che non assumerebbe mai un vaccino. Il dieci per cento ha detto che alla fine lo prenderebbe, ma solo se fosse stato obbligatorio.

vaccino covid 4 vaccino covid 4

 

Insieme, le percentuali di persone che non vorrebbero farsi vaccinare ammontano al 27%, secondo il sondaggio. Anche altri recenti sondaggi hanno rilevato che circa un terzo delle persone intervistate si oppone a farsi vaccinare.

 

Se troppe persone si rifiutano di farsi vaccinare, secondo le autorità sanitarie, le aziende, le scuole e gli altri istituti non potranno riaprire in modo sicuro, perché l'efficacia dei vaccini dipende non solo da quanto bene funzionano in un individuo, ma anche dalla loro diffusione. Per raggiungere la cosiddetta immunità del gregge per Covid-19, le autorità sanitarie pubbliche stimano che circa il 60-70% di una data popolazione dovrebbe sviluppare una risposta immunitaria al virus, attraverso l'infezione o la vaccinazione.

vaccino covid 2 vaccino covid 2

 

"Purtroppo questa pandemia e lo sviluppo del vaccino sono diventati politicizzati", ha detto il dottor Archana Chatterjee, preside della Chicago Medical School della Rosalind Franklin University of Science and Medicine, che siede in un comitato che consiglia la Food and Drug Administration degli Stati Uniti sui vaccini. "Quello su cui di solito facciamo affidamento, cioè che ci si fida dei medici, degli scienziati e dei processi governativi che garantiscono la sicurezza e l'efficacia dei vaccini,  sono stati davvero messi a repentaglio", ha detto.

 

Le sfide per convincere le persone che esitano ad ottenere un vaccino, almeno inizialmente, potrebbero essere accresciute dalle recenti pause alle prove di due dei principali candidati. Gli studi che testano i vaccini di AstraZeneca PLC e Johnson & Johnson sono in attesa mentre si indaga sui problemi di sicurezza.

donald trump donald trump

 

Emily Brunson, un'antropologa medica della Texas State University che studia la titubanza del vaccino, ha affermato che i risultati dell'indagine mostrano che è necessaria una maggiore sensibilizzazione e un'istruzione per ottenere tassi di accettazione abbastanza alti da aiutare a raggiungere l'immunità del gregge. Anche i vaccini di Moderna Inc., così come quelli di Pfizer Inc. e del partner BioNTech SE, sono in fase di test in fase avanzata. I dirigenti delle aziende hanno detto che i risultati preliminari dei test potrebbero arrivare più tardi questo mese o il mese prossimo.

 

vaccino covid 1 vaccino covid 1

Il sondaggio Journal/NBC News ha intervistato 1.000 elettori registrati dal 9 al 12 ottobre. Il margine di errore è stato di più o meno 3,1 punti percentuali. Solo il 10% degli afroamericani ha detto che prenderà un vaccino una volta disponibile, rispetto al 20% dei bianchi e al 12% degli ispanici, secondo il sondaggio. Il 30% degli afroamericani ha detto che non prenderà mai  un vaccino, rispetto al 15% dei bianchi e al 20% degli ispanici, secondo il sondaggio WSJ/NBC.

 

Il sondaggio ha rilevato che l'82% dei Democratici registrati assumerà un vaccino immediatamente o dopo aver appreso di più sugli effetti collaterali, rispetto al 62% degli elettori repubblicani. Il sondaggio ha anche trovato che gli individui con laurea o diploma di laurea sono più propensi alla vaccinazione.

anthony fauci anthony fauci

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

IL VACCINO ALLA VACCINARA – IL DUPLEX ITALO-SVIZZERO SPALLANZANI-REITHERA È CONVINTISSIMO CHE L’ANTI-COVID POSSA CREARSI CON COMUNICATI STAMPA E BALLE ASSORTITE – SONO INDIETRO NELLA PRODUZIONE? CERTO: LE ALTRE 8 MULTINAZIONALI (PFIZER, ASTROZENECA, MODERNA, ETC) NON SONO PRUDENTI COME NOI (SIC!) – POI ARRIVA IL CENTRO CLINICO DI VERONA, CHE HA PRESO IN CARICO LA SPERIMENTAZIONE SPALLANZANI-REITHERA, E PRECISA: “IL VACCINO SARÀ PRONTO PER NATALE 2021” - (NON AVETE LETTO MALE: NATALE 2021!)

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

OPINIONI CONTROCORRENTE - BECCHI E ZIBORDI: SOLO TRUMP HA CAPITO CHE I LOCKDOWN SONO ANTISCIENTIFICI E DISTRUGGONO INUTILMENTE MILIONI DI VITE: IN CALIFORNIA MUORE UNA PERSONA A SETTIMANA DI CORONAVIRUS (10MILA PER ALTRE CAUSE) EPPURE BLOCCANO TUTTO - MEDICI SCETTICI SULL'EFFICACIA DELLE MASCHERINE NON FFP2, SOPRATTUTTO ALL'APERTO - I MORTI SONO 80-90ENNI CON PATOLOGIE PREGRESSE, QUINDI BISOGNA TENERLI AL RIPARO DAL CONTAGIO, MENTRE GLI ALTRI DOVREBBERO CONTINUARE A VIVERE E LAVORARE - NEL 57-58 L'ASIATICA FECE IL TRIPLO DELLE VITTIME MA FU L'ANNO DEL BOOM ECONOMICO PERCHÉ...