“STIAMO GARANTENDO IL DIVIDENDO STRAORDINARIO AI SOCI DI FIAT-CHRYSLER” –  CALENDA SPUTA FUOCO CONTRO ELKANN: “LA CAPOGRUPPO HA 28,5 MILIARDI DI MEZZI PROPRI E SAREBBE IN GRADO DI GARANTIRE UN PRESTITO DA 6,3 MILIARDI A UNA SUA CONTROLLATA” – “CI SONO MIGLIAIA DI IMPRESE CON SEDE LEGALE E FISCALE IN ITALIA CHE STANNO ASPETTANDO DA SETTIMANE. NON È ACCETTABILE CHE UNO STATO INDEBITATISSIMO FORNISCA UNA GARANZIA PER CONSENTIRE A UNA CAPOGRUPPO, CHE HA LA LIQUIDITÀ, DI USARLA PER PAGARE MAXI DIVIDENDI ALL' ESTERO AI SOCI”

-

Condividi questo articolo

 

 

Fabio Savelli per il “Corriere della Sera”

 

CARLO CALENDA CARLO CALENDA

«Così - mi faccia dire - stiamo garantendo il dividendo straordinario da 5,5 miliardi ai soci di Fiat-Chrysler per effetto della fusione con i francesi di Psa».

 

Obietto: il prestito con la garanzia lo chiede Fca Italy, la controllata non la controllante con la sede a Londra. È l' azienda a capo di una filiera di 400 mila addetti

John Elkann ph Bob Krieger John Elkann ph Bob Krieger

«Obietto io. La capogruppo ha 28.5 miliardi di mezzi propri con cash flow in peggioramento. Dunque sarebbe perfettamente in grado di garantire un prestito da 6,3 miliardi ad una sua controllata o ancora meglio mettere equity in appoggio a una nuova linea, ma ciò metterebbe a rischio la distribuzione del maxi dividendo di 5,5 miliardi previsto per il 2021. Con la garanzia dello Stato può evitare impegni della controllante sulla controllata e mantenere le risorse per pagare il dividendo».

 

Carlo Calenda, europarlamentare e leader di Azione, è un fiume in piena da almeno due giorni. Il finanziamento a Fca con lo Stato garante di ultima istanza non gli va giù.

 

VINCENZO BOCCIA MAURIZIO MOLINARI JOHN ELKANN VINCENZO BOCCIA MAURIZIO MOLINARI JOHN ELKANN

Obietto ancora: Sace ha a disposizione un plafond di 200 miliardi per tutto il 2020 per gestire le difficoltà di liquidità. E anche quell' extra-dividendo da 5,5 miliardi probabilmente verrà ricalcolato nel corso dell' anno a seconda degli andamenti di Borsa. Verrebbe distribuito nel primo trimestre 2021

«Sace in questo momento ha erogato 40 milioni di garanzia. Nulla. Ci sono migliaia di imprese con sede legale e fiscale in Italia che stanno aspettando da settimane.

Queste imprese sono vessate con richiesta di due diligence, asseveramento di piani e persino Covid assessment. La garanzia incide sul prestito, dunque il divieto di distribuzione di dividendo per controllante e controllata dovrebbe durare quanto il prestito.

JOHN ELKANN MAURIZIO MOLINARI JOHN ELKANN MAURIZIO MOLINARI

In questo caso 3 anni».

 

CARLO CALENDA CARLO CALENDA

Si tratta di un prestito non di un finanziamento a fondo perduto da parte dello Stato.

L' unico vantaggio deriva dal tasso agevolato rispetto a quello che accorderebbe Intesa a Fca esclusivamente sul suo merito di credito

«No, il vantaggio fondamentale è quello del cash flow. La capogruppo in assenza di garanzie dovrebbe contrarre direttamente il prestito o garantire per esso mettendo a rischio la distribuzione del maxi dividendo».

carlo calenda direzione del pd 4 carlo calenda direzione del pd 4

 

Serve per l' indotto tramite un finanziamento al campione nazionale

john elkann john elkann

«Francamente allo stato non risulta che il prestito serva per finanziare la filiera, ma per pagare i fornitori. E su questo voglio sottolineare il lavoro straordinario che ha fatto Messina nel pretendere la canalizzazione diretta nei conti dei fornitori».

 

Fca Italy viene da diversi bilanci in perdita, ha costi superiori ai ricavi, la quota di mercato è in riduzione

la quarantena di carlo calenda la quarantena di carlo calenda CARLO CALENDA CARLO CALENDA

«Sono pienamente d' accordo a garantire il finanziamento. Ma gli Elkann devono rinunciare alla distribuzione dei 5,5 miliardi di dividendi per la durata del finanziamento. È doveroso aiutare un' impresa a pagare stipendi e fornitori, ma non è accettabile che uno Stato indebitatissimo fornisca una garanzia per consentire a una capogruppo, che ha la liquidità, di usarla per pagare maxi dividendi all' estero ai soci».

john elkann john elkann john elkann andrea agnelli john elkann andrea agnelli

 

Condividi questo articolo

business

ITALIA DA RECOVERY – È ARRIVATA LA PROPOSTA DELLA COMMISSIONE EUROPEA: IL FONDO DIVENTA DA 750 MILIARDI: 500 IN ‘GRANTS’, CIOÈ STANZIAMENTI A FONDO PERDUTO (IN TEORIA) E 250 IN ‘LOANS’, CIOÈ PRESTITI – PER L’ITALIA LA QUOTA TOTALE È DI 172 MILIARDI, DI CUI 82 DI 'SUSSIDI'. TOGLIENDO I 56 CHE VERSIAMO ALL’UE FANNO 26 MILIARDI IN TRE ANNI. SENZA CONTARE LA QUOTA PARTE DI GARANZIA DEI PRESTITI – QUALCHE CONDIZIONALITÀ CI SARÀ PER FORZA, INFATTI LA COMMISSIONE HA GIÀ RIVOLTO QUATTRO ‘RACCOMANDAZIONI’ SPECIFICHE ALL’ITALIA – E L’OLANDA FRENA: “I NEGOZIATI SARANNO LUNGHI”

IL NORD PAPPA TUTTO - QUATTRO REGIONI FANNO RAZZIA DEI PRESTITI CON GARANZIA PUBBLICA: LOMBARDIA, PIEMONTE, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA SI ASSICURANO OLTRE LA META' DEI FINANZIAMENTI - MA LA FABI DI SILEONI LANCIA L'ALLARME ROSSO: “AL SUD RESTANO LE BRICIOLE E C'E' RISCHIO USURA” - NON C'E' PROPORZIONE TRA CREDITI E PRESENZA SUL TERRITORIO DI PMI - AL NORD C'E' IL 38% DI PMI E PARTITE IVA CHE INTASCA IL 50,7% DELLA LIQUIDITA' PROTETTA DALLO STATO, MENTRE NEL CENTRO-SUD, CON IL 62%, I FINANZIAMENTI SI FERMANO AL 49%...