VIVENDI E TI PORTO VIA – LA CASSAZIONE “LIBERA” I FRANCESI: CON UN’ORDINANZA, LA CORTE HA STABILITO CHE ANCHE SE I FRANCESI DOVESSERO AVERE LA MAGGIORANZA NEL CDA DI TIM, NON SAREBBERO COSTRETTI A CONSOLIDARE IL MAXI-DEBITO DA 30 MILIARDI DELL’EX TELECOM – LA DECISIONE FORNISCE UN’ARMA NEGOZIALE CRUCIALE AI PRIMI AZIONISTI DI TIM, CHE HANNO GIÀ BRUCIATO 3 MILIARDI PER LA COMPAGNIA E SI OPPONGONO AL PIANO DEL GOVERNO E CDP SULLA RETE UNICA...

-

Condividi questo articolo


VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE

Estratto dell’articolo di Tobia De Stefano per www.veritaeaffari.it

 

[…] Fuori da tecnicismi, l’ordinanza del 24 gennaio con la quale la Corte di Cassazione stabilisce che anche se dovesse avere la maggioranza nel consiglio di amministrazione di Tim, Vivendi non sarebbe costretta a consolidare il maxi-debito che fa capo al gruppo di tlc, fornisce un’arma negoziale “importantissima” ai primi azionisti  dell’ex monopolista della telefonia.

 

PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA TIM

Nella partita che si è scatenata con le dimissioni dell’ad del colosso francese dei media, Arnaud de Puyfontaine, dal consiglio di Tim significa che – volendo – domani Vivendi potrebbe chiamare l’assemblea di Tim [...], presentare una lista di maggioranza composta da 10 consiglieri e non per questo le potrebbe essere imputato di avere il controllo di fatto di Tim e quindi di dover consolidare il debito da 30 miliardi che zavorra Tim.

 

DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

Insomma, se fino a poche ore fa Vivendi era nella sostanza inibita dal farlo, ora non lo è più. Sta tutto alla sua volontà.

 

[…] Una notizia che potrebbe avere ripercussioni anche sul tavolo voluto dal governo e  che ripartirà domani con l’obiettivo di arrivare a una soluzione sul progetto di rete pubblica.

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

ARNAUD DE PUYFONTAINE ARNAUD DE PUYFONTAINE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?