VIVENDI E TI PORTO VIA – LA CASSAZIONE “LIBERA” I FRANCESI: CON UN’ORDINANZA, LA CORTE HA STABILITO CHE ANCHE SE I FRANCESI DOVESSERO AVERE LA MAGGIORANZA NEL CDA DI TIM, NON SAREBBERO COSTRETTI A CONSOLIDARE IL MAXI-DEBITO DA 30 MILIARDI DELL’EX TELECOM – LA DECISIONE FORNISCE UN’ARMA NEGOZIALE CRUCIALE AI PRIMI AZIONISTI DI TIM, CHE HANNO GIÀ BRUCIATO 3 MILIARDI PER LA COMPAGNIA E SI OPPONGONO AL PIANO DEL GOVERNO E CDP SULLA RETE UNICA...

-

Condividi questo articolo


VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE VINCENT BOLLORE ARNAUD DE PUYFONTAINE

Estratto dell’articolo di Tobia De Stefano per www.veritaeaffari.it

 

[…] Fuori da tecnicismi, l’ordinanza del 24 gennaio con la quale la Corte di Cassazione stabilisce che anche se dovesse avere la maggioranza nel consiglio di amministrazione di Tim, Vivendi non sarebbe costretta a consolidare il maxi-debito che fa capo al gruppo di tlc, fornisce un’arma negoziale “importantissima” ai primi azionisti  dell’ex monopolista della telefonia.

 

PIETRO LABRIOLA TIM PIETRO LABRIOLA TIM

Nella partita che si è scatenata con le dimissioni dell’ad del colosso francese dei media, Arnaud de Puyfontaine, dal consiglio di Tim significa che – volendo – domani Vivendi potrebbe chiamare l’assemblea di Tim [...], presentare una lista di maggioranza composta da 10 consiglieri e non per questo le potrebbe essere imputato di avere il controllo di fatto di Tim e quindi di dover consolidare il debito da 30 miliardi che zavorra Tim.

 

DARIO SCANNAPIECO DARIO SCANNAPIECO

Insomma, se fino a poche ore fa Vivendi era nella sostanza inibita dal farlo, ora non lo è più. Sta tutto alla sua volontà.

 

[…] Una notizia che potrebbe avere ripercussioni anche sul tavolo voluto dal governo e  che ripartirà domani con l’obiettivo di arrivare a una soluzione sul progetto di rete pubblica.

 

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

ARNAUD DE PUYFONTAINE ARNAUD DE PUYFONTAINE

 

Condividi questo articolo

business

UN GOVERNO DI POSTINI – PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO “POLIS” DI POSTE ITALIANE, C’ERA SCHIERATO PRATICAMENTE TUTTO IL GOVERNO, OLTRE A MATTARELLA E LA RUSSA. SU TUTTI BRILLAVA IL BOSS DELLA RAI BRUNO VESPA, SVOCIATO DOPO LA PERFOMANCE D'UGOLA AL CAFONAL-PARTY DI SANDRA CARRARO DELLA SERA PRIMA - MATTEO DEL FANTE PUNTA MOLTO SUL PIANO "POLIS", IN CUI VERRÀ INVESTITO 1,2 MILIARDI DI EURO, PER LA RICONFERMA COME AD (IL GRAN VALZER DELLE NOMINE DELLE AZIENDE DI STATO  INIZIERA' A "BALLARE" DOPO L'ESITO DEL VOTO DELLE REGIONALI...)