1- LONTANO. SUL CONCETTO DI LONTANANZA, E' COSTRUITO IL MIGLIOR FILM DELLA MOSTRA VISTO FINORA, IL MOLTO ATTESO E CHIACCHIERATO "THE MASTER", COMPLESSA BIOGRAFIA CHE PAUL THOMAS ANDERSON DEDICA ALLE SETTE AMERICANE DEGLI ANNI ‘50 E AL FONDATORE DI SCIENTOLOGY RON L. HUBBARD. LONTANO DALLA FAMIGLIA, DAL PROPRIO PAESE, DALL'AMORE, DAL SESSO, DALLA GUERRA, MA ANCHE LONTANI DA SE STESSI - 2- INTERPRETATO ALLA PERFEZIONE DA UN REINVENTATO JOAQUIN PHOENIX E DALL’OTTIMO PHILIP SEYMOUR HOFFMAN, "THE MASTER" E' UN FILM SUL POSSESSO DELLE PERSONE E DEI LORO SOGNI, SU UN'AMERICA DISGREGATA CHE PROVA A RICOMPATTARSI SU UN DELIRIO RELIGIOSO COSTRUITO SU SENTIMENTI CONFUSI DI LIBERTA' E D'AMORE E SULLE INVENZIONI PIÙ ASSURDE LEGATE ALLA FANTASCIENZA E ALLA LETTERATURA DI SERIE Z -

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

The-MasterThe-Master

"The Master" di Paul Thomas Anderson.
Lontano. Sul concetto di lontananza, "away", e' costruito il miglior film della Mostra visto finora, il molto atteso e chiacchierato "The Master", complessa biografia che Paul Thomas Anderson dedica alle sette americane degli anni 50 e al fondatore di Scientology Ron L. Hubbard. Lontano dalla famiglia, dal proprio paese, dall'amore, dal sesso, dalla guerra, ma anche lontani da se stessi.

venezia-2012-paul-thomas-andersonvenezia-2012-paul-thomas-anderson

Un non riuscire a ritrovarsi, a tornare a casa che lo psicopatico Freddy, interpretato da un Joaquin Phoenix che si e' totalmente reinventato, anche fisicamente, sente sul proprio corpo martoriato e schizzato, un fascio di muscoli e nervi sempre pronti a esplodere, e che si placa solo con l'amicizia, anzi l'amore, di quello che si presenta come il suo Master, cioe' la guida spirituale, il guaritore e capo della setta, Lancaster Dodd, filosofo e medico cialtrone interpretato alla perfezione da Philip Seymour Hoffman.

Ma Freddy rimane alla fine lontano anche da lui. Corpo impossibile che riesce a avvicinarsi solo alla donna di sabbia che ha costruito in riva al mare in guerra, e corpo in lotta con se stesso che riuscira' a tornare troppo tardi dal suo amore Doris, che aveva abbandonato anni prima, per scoprire che lei e' partita, si e' sposata con un certo Jim Day, ha fatto due figli ed e' diventata cosi' Doris Day, proprio come la star del cinema.

The-Master-primo-posterThe-Master-primo-posterThe-Master-Philip-SeymourThe-Master-Philip-Seymour

Solo in una sala di cinema, guardando un cartone animato di Casper, il fantasmino in cerca di amici che non puo' toccare, Freddy sogna che il suo Master gli abbia telefonato, dicendogli che finalmente ha capito in quale vita lo ha gia' incontrato. Ma gia' sappiamo quanto sia irrecuperabile, sballato Freddy e distante da qualsiasi amore.

"Fissa un punto, parti e ritorna", gli dice in pieno deserto il Master mettendolo su una moto. Freddy parte per un punto infinito e sappiamo che non tornera'. Da quello stesso deserto abbiamo visto uscire dentro uno scrigno sepolto, come in un cartoon di Bugs Bunny e Elmer Fudd, il manoscritto inedito del santone. Un romanzo enorme che, dira' un affiliato della setta, si poteva ridurre in un pamphlet di tre pagine. Massima offesa.

the-master-castthe-master-castthe-master-joaquin-phoenixthe-master-joaquin-phoenix

Anche "The Master" si poteva ridurre in un pamphlet di tre pagine, e molti critici lo hanno gia' ritenuto troppo lungo e ingombrante, poco chiaro rispetto alla dipendenza da Scientology del regista, una spanna sotto i suoi gli altri suoi film, da "Il petroliere", che ha la sua stessa struttura e un gran lavoro musicale di Johnny Greenwood dei Radiohead, a "Magnolia", che gia' trattava il tema del guru.

Ma ha una tale messa in scena, una tale e continua ricerca visiva, un livello cosi' alto di recitazione da lasciarsi comunque senza parole. Certo, "Il petroliere" partiva da un romanzo possente e aveva cosi' un'impostazione narrativa più solida. Ma in qualche modo "The Master" continua lo stesso discorso sulla storia americana che Anderson aveva aperto col film precedente.

the masterthe master the-master-castthe-master-cast

Se quello era un film sul possesso del petrolio e quindi sul potere imperialistico americano, sulla rapacita', proprio il "greed" alla Stroheim, "The Master" e' un film sul possesso delle persone e dei loro sogni, su un'America disgregata degli anni ‘50 che prova a ricompattarsi su un delirio religioso costruito su sentimenti confusi di liberta' e d'amore (come in "Elmer Gentry" di Richard Brooks) e sulle invenzioni più assurde legate alla fantascienza e alla letteratura di serie Z.

venezia-2012-paul-thomas-andersonvenezia-2012-paul-thomas-andersonthe masterthe master

Tutto finto, certo, a cominciare dai sentimenti di libertà e d'amore deviati del Master. Tutto ambiguo, se pensiamo alla tensione sessuale che il Master prova per Freddy, il discepolo sbagliato. Anche se l'unico sentimento vero e' l'amore che prova il Master per Freddy, il corpo che nessuno riuscira' possedere, nemmeno Freddy stesso.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”