''CAIRO, PAGA LE FATTURE'' - PRIMA IL COMUNICATO DEI GIORNALISTI RCS: ''URBANO CAIRO INTENDE DISTRIBUIRE 15 MILIONI DI DIVIDENDI MENTRE CHIEDE I CONTRIBUTI PUBBLICI DELLA CASSA INTEGRAZIONE PER L'INTERO GRUPPO, NONCHÉ UN MASSICCIO SMALTIMENTO DI FERIE A GIORNALISTI CHE STANNO LAVORANDO COME MAI PRIMA D'ORA'' - POI CI SI METTE PURE IL PRESIDENTE DELLA FIMI, L'INDUSTRIA MUSICALE. ''PENSI ALLE TUE AZIENDE MA BISOGNA FARE DECRETI INGIUNTIVI PER AVERE LE SOMME CHE CI SPETTANO''

-

Condividi questo articolo

 

 

 

1. ENZO MAZZA, PRESIDENTE DELLA FIMI, CONTRO URBANO CAIRO: ''NON PAGHI LE FATTURE''

Da www.leggo.it 

 

Enzo Mazza, Presidente della Fimi, la federazione industria musicale italiana,  attacca a testa bassa Urbano Cairo, con un video su Linkedin. Pochi giorni fa il presidente di Rcs era salito alla ribalta delle cronache per via di un video "motivazionale" fatto per le forze vendita della sua concessionaria di pubblicità. Un video giudicato da molti poco sobrio, in un momento in cui centinaia di cittadini muoiono quotidianamente, per i toni usati dal patron del Torino. 

Oggi, a pochi giorni da quel video, Mazza attacca Cairo mostrando a favore di camera due fatture che, secondo quanto detto dal presidente della Fimi, seppur scadute non sarebbero state ancora saldate. 

 

 

2. I GIORNALISTI RCS: 15 MILIONI DI DIVIDENDI POI CHIEDI LA CASSA INTEGRAZIONE ALLO STATO

Comunicato del Cdr dei Periodici RCS:

 

15 milioni è quanto il presidente di Rcs Urbano Cairo intende distribuire come dividendi anche per quest’anno. I giornalisti di Rcs Periodici lo apprendono con sconcerto in un momento in cui il Paese sta attraversando una situazione drammatica, con gravi riflessi sull’economia tutta, compreso il settore editoriale.

 

15 milioni che non gli hanno comunque impedito di chiedere, per l’intero gruppo Rcs, la cassa integrazione e un massiccio smaltimento di ferie.

URBANO CAIRO CORRIERE DELLA SERA URBANO CAIRO CORRIERE DELLA SERA

Ci preme sottolineare quanto iniqua risulti la richiesta di fondi pubblici da parte di chi distribuisce dividendi. Distribuzione di dividendi che in Francia, secondo le parole del ministro dell’Economia Bruno Le Maire, comporterà la rinuncia da parte delle aziende a qualsiasi aiuto pubblico, “per dare prova di responsabilità e di senso di giustizia”. E questo è quello che chiediamo anche noi.

 

Non ci sfugge quanto la distribuzione del capitale sia legittima, e nemmeno quanto il lavoro di noi tutti abbia contribuito al raggiungimento di questo risultato. Tutti noi, che crediamo nel futuro di Rcs e lavoriamo ogni giorno per produrre un’informazione seria e rigorosa, ci chiediamo, e chiediamo agli azionisti tutti, se non sia una scelta ben più responsabile e lungimirante reinvestire nel gruppo, in vista delle sfide che ci aspettano in futuro.

urbano cairo (1) urbano cairo (1) URBANO CAIRO NELLA PUBBLICITA' DI AMART SUL CORRIERE DELLA SERA URBANO CAIRO NELLA PUBBLICITA' DI AMART SUL CORRIERE DELLA SERA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

IL CASO BONAFEDE-DI MATTEO NON È AFFATTO CHIUSO: STASERA SANDRA AMURRI, GIORNALISTA CHE DA SEMPRE SEGUE L'ANTIMAFIA SICILIANA, SARÀ A ''NON È L'ARENA'' DI GILETTI. MA TRAVAGLIO, DIRETTORE DEL QUOTIDIANO PER CUI LAVORA, NON L'HA AUTORIZZATA A PARTECIPARE - MIELI: IL ''MARE DI MELMA'' CHE HA INVESTITO LA MAGISTRATURA: ''UN CAMBIAMENTO VIRTUOSO SI AVRÀ SOLO QUANDO UN MAGISTRATO DARÀ BATTAGLIA AL SISTEMA DEGENERATO DELLE CORRENTI. A TESTA ALTA, MENTRE È ANCORA IN SERVIZIO. METTENDO NEL CONTO CHE SUBIRÀ L' OSTRACISMO DEI COLLEGHI. TUTTI. O QUASI''

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELL'ITALIA MORENTE – DOPO AVER PERSO IL BIGLIETTO DELLA LOTTERIA PER MANIFESTA ARROGANZA, NON AVENDO PIU' UNA CAZZO DI QUERELA DA FARE, RENZI SCRIVE (SI FA PER DIRE) UN LIBRO DI FOSFORESCENTE INUTILITA' E LO PRESENTA PURE ALLA GALLERIA BORGHESE – TRA UN TRULLALERO E UN TRALLALA', TRA LA BOSCHI CAMUFFATA DA PRATO E NOBILI CON LA MASCHERINA DELLA ROMA, IL SENATORE SEMPLICIOTTO DI RIGNANO HA SPARATO UN PAIO DI CAZZATE: “QUELLA DI DAVIGO È UNA BESTIALITÀ GIURIDICA. AUTOSTRADE? SI È FATTO PRIMA A FARE IL PONTE CHE A FARE LA REVOCA. SI VOTA NEL 2023, ALLORA MEGLIO METTERE MANO ALLE REGOLE” (INSOMMA, PER RIMANDARLO A GIOCARE A FLIPPER, TOCCA ASPETTARE TRE ANNI. 'NA TRAGEDIA) – VIDEO

viaggi

salute