C'AVETE ROTTO LE PELLICOLE - DOPO IL "BLACKFACE" ARRIVA IL "JEWFACE": HELEN MIRREN FINISCE NEL MIRINO DELL'ATTRICE MAUREEN LIPMAN PER AVER INTERPRETATO GOLDA MEIR SENZA ESSERE EBREA - DALLA SUA PARTE SI SCHIERA IL RABBINO JONATHAN ROMAIN: "ABBIAMO AVUTO UNA DISCUSSIONE SU QUESTO IN SINAGOGA E ALL'UNANIMITA' ABBIAMO STABILITO CHE GLI ATTORI DOVREBBERO RECITARE, E' QUESTA LA LORO ABILITA'. NON BISOGNA ESSERE ORFANI PER INTERPRETARE UN ORFANO..."

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Golda - il film Golda - il film

Il rabbino Jonathan Romain, direttore della Maidenhead Synagogue nel Berkshire, si è schierato dalla parte di Helen Mirren nella polemica sollevata dall’attrice ebrea Maureen Lipman secondo cui l’attrice non avrebbe dovuto interpretare Golda Meir perché non è ebrea.

 

Maureen ha detto al Jewish Chronicle di essersi sentita a disagio per l’interpretazione della Mirren perché «l’ebraicità del personaggio è così integrale». Ma secondo il rabbino, che ha condiviso il suo pensiero su Twitter, «non devi essere ebreo per interpretare un ebreo».

 

Maureen Lipman Maureen Lipman

«Abbiamo avuto una discussione su questo alla sinagoga di Maidenhead due settimane fa; il verdetto unanime è stato che gli attori dovrebbero recitare, ecco quale è la loro abitilità. Non devi essere ebreo per interpretare un ebreo o orfano per essere un orfano. Ma è saggio avere consigli da qualunque che è nel contesto».

 

Il signor Pollard, che fino al mese scorso è stato direttore del Jewish Chronicle, ha twittato: «Adoro Maureen Lipman, ma su questo non potrebbe sbagliarsi di più. La logica della sua posizione è che l'unico personaggio che ogni attore può interpretare è se stesso».

Il tweet di Jonathan Romain Il tweet di Jonathan Romain Golda Meir Golda Meir Il rabbino Jonathan Romain Il rabbino Jonathan Romain Golda Meir Golda Meir Helen Mirren Helen Mirren

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

“È STATA SUZANNE HEYWOOD, PUPILLA DI JOHN ELKANN, A COSTRUIRE LA TRAPPOLA IN CUI È CADUTO ANDREA AGNELLI” – GIGI MONCALVO RICOSTRUISCE IL SILURAMENTO DEL PRESIDENTE DELLA JUVENTUS: “NON SI È DIMESSO, È STATO ‘DIMESSO’, LO HANNO COSTRETTO AD ANDARSENE, SI È TROVATO IN MINORANZA NEL CONSIGLIO (SI PARLA DI SEI VOTI CONTRO, UN INDECISO A TUTTO, PAVEL NEDVED, E SOLO DUE A FAVORE, LO STESSO AGNELLI E IL SUO FEDELE FRANCESCO RONCAGLIO). SI ERA PRESENTATO PIENO DI CERTEZZE E SICURO DI SFANGARLA UN'ALTRA VOLTA. CONTAVA SUL FATTO CHE IL CUGINO JOHN ELKANN NON VOLESSE AFFONDARE IL COLPO DECISIVO. MOLTI DEI CONSIGLIERI COVAVANO DENTRO DI SÉ DA MESI, FORTI DI AUTOREVOLI PARERI LEGALI, IL TIMORE DI FINIRE NEI GUAI CON LA MAGISTRATURA PER AVER ‘ACCOMPAGNATO’ ANDREA NELLE SUE ‘ACROBAZIE’ ED ERANO PRONTI AD ABBANDONARLO…”

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute