CAZZO, CHE GELATO! IN SVEZIA VIENE MESSO IN COMMERCIO L’’X POP”, UN GHIACCIOLO A FORMA DI PENE, CON TANTO DI CAPPELLA ROSÈ (E A FURIA DI SUCCHIARE ESCE UN LIQUIDO CREMOSO AL GUSTO FRAGOLA…)

A mettere in commercio l’ “X-Pop”, il calippo del nord Europa, ci ha pensato la GB Glace, azienda svedese di gelati - Non dite a Francesca Pascale che l’azienda ha assicurato che, a breve, il prodotto sarà disponibile nelle gelaterie e nei supermercati italiani…

Condividi questo articolo

Alberto Dandolo per Dagospia

x popx pop

http://www.youtube.com/watch?v=_JI89Q6X858#t=15

Le frocione svedesi sono letteralmente impazzite e il loro entusiasmo sta contagiando il circuito gaio di tutto il nord-Europa. Anche "le" trend-setter milanesi (e chi sennò?) ne stanno ordinando grandi quantitativi da mettere nei loro lussuosi freezer in attesa della bella stagione. Di cosa si tratta? Quale preziosa libagione o quale miracolosa cremina sta facendo tanti proseliti? Incredibile a credersi: si tratta di un ghiacciolo a forma di cazzo!

xx

Ebbene si, nella civilissima Stoccolma una "lungimirante" azienda che risponde al nome di GB Glace (una sorta di Algida svedese) ha messo sul mercato un ghiacciolo nuovo di zecca che si chiama X-Pop ed è inequivocabilmente a forma di pene, con tanto di cappella rosè. A furia di succhiare dalla parte superiore del gelato esce un liquido cremoso al gusto di fragola (che fantasia!).

Viene quindi archiviato il vecchio, caro calippo che tante soddisfazioni ci ha regalato. L'azienda svedese che ha prodotto X-Pop sostiene che il design del nuovo ghiacciolo non sia stato ispirato dal fallo (si vabbé!) ma che piuttosto ricorda un missile colorato ( Bah!). L'azienda assicura anche che a breve potremmo trovarlo nelle gelaterie e nei migliori supermercati italiani. Qualcuno avverta Francesca Pascale!

IL GELATO XPOPIL GELATO XPOP

 

IL GELATO XPOPIL GELATO XPOP IL GELATO XPOPIL GELATO XPOP

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute