IL CINEMA DEI GIUSTI – "ASTEROID CITY" DI WES ANDERSON È DELIZIOSO, MA NON AGGIUNGE NÉ TOGLIE NULLA ALL'OPERA DEL REGISTA, ORMAI SVELATO NEL SUO STILE LABORIOSO MA UN PO' RIPETITIVO - PER QUANTO CERCHI DI RACCONTARE LA STORIA DEL FILM MI ACCORGO CHE NON C'È NESSUNA VERA STORIA, MA UNA SERIE DI BOZZETTI E INTRECCI FATICOSI DI UN CINEMA PERFETTO E PERFETTAMENTE INVOLUTO DENTRO IL PROPRIO DISEGNO. GRANDE CAST, COME SEMPRE – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Asteroid City di Wes Anderson

Marco Giusti per Dagospia

 

asteroid city 8 asteroid city 8

Delizioso, anche se il confronto con “Barbie” ahimé non lo aiuta, coi suoi colori caramellati, le sue citazioni colte, il suo alieno nero nero (dentro c'è addirittura Jeff Goldblum) che ricorda quello di Scarlett Johansson in "Under My Skin" (voluto? si), la storia nascosta dentro una piéce teatrale a sua volta dentro un programma TV anni 50, la sua squadra di piccoli geni che guardano al futuro del paese, le tre bambine bionde che si dichiarano vampiro-mummia-strega e recitano ritornelli magici seppellendo nel deserto le ceneri della mamma, "Asteroid City" ultima fatica di Wes Anderson, scritta assieme all'amico di sempre Roman Coppola, non aggiunge molto di nuovo ne' toglie nulla all'opera del regista, ormai svelato nel suo stile laborioso ma un po' ripetitivo. 

asteroid city 6 asteroid city 6

 

E lo dico dopo averlo molto apprezzato. Ben sapendo che una marea di fan eccellenti si sono espressi a favore del film, considerato addirittura la punta più alta dell’opera di Wes Anderson. Paul Schrader lo paragona addirittura a “L’anno scorso a Marienbad” di Alain Resnais e lo trova il più Wes Anderson di tutti i suoi film. Quindi il migliore.

 

Divertente, però, coi suoi rimandi alla fantascienza anni 50, agli esperimenti atomici nel deserto, al country e ai cartoon di Road Runner alias Beep Beep. Offre anche un grande ruolo verdoniano con barba e pipa a Jason Schwartzman, fotografo di guerra, padre di un ragazzo genio e delle tre streghetta, vedovo, che si ritrova in quel di Asteroid City in pieno deserto senza macchina, col ricco suocero Tom Hanks che lo è venuto a recuperare. 

 

Scarlett Johansson in Asteroid City Scarlett Johansson in Asteroid City

Lì nel suo bungalow non riesce a trattenersi, cioè a non fotografare e a non innamorarsi della bella attrice di Hollywood Midge Campbell, cioè Scarlett Johansson (sarà suo il nudo frontale che ci viene con cura mostrato? ne dubito) anche lei madre di una geniale giovane premiata dal governo americano. Premiazione che verrà turbata dall'arrivo dell'alieno nero nero che viene a riprendersi il suo asteroide. 

 

asteroid city di wes anderson 1 asteroid city di wes anderson 1

Ma per quanto io cerchi di raccontare la storia del film o una storia che lo spieghi mi accorgo che non c'è nessuna vera storia, ma una serie di bozzetti e intrecci faticosi di un cinema perfetto e perfettamente involuto dentro il proprio disegno. Grande cast, come sempre, con Uma Thurman, Steve Carell, Edward Norton, Liev Schreiber, Adriano Brody. Neanche si può dire una delusione.

 

asteroid city asteroid city

Ma una conferma. Ma se ci domandiamo perché “Barbie” di Greta Gerwig, che non è meno fighetto, ha incassato con 100 milioni di dollari di budget qualcosa come un miliardo e mezzo di dollari e è piaciuto, più o meno a tutti, e “Asteroid City” con 25 milioni di budget solo 28 in America e 51 in tutto il mondo (che non è male), già capiamo che il mondo perfetto e zuccheroso di Wes Anderson ha dei limiti. E non è meno superficiale di quello di “Barbie”. In sala.

asteroid city 3 asteroid city 3 asteroid city 1 asteroid city 1 asteroid city asteroid city jason schwartzman, wes anderson, scarlett johansson and jake ryan a cannes jason schwartzman, wes anderson, scarlett johansson and jake ryan a cannes schermata 2023 05 24 alle 13.55.59 schermata 2023 05 24 alle 13.55.59 asteroid city 2 asteroid city 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…