IL CUORE DI GEORGE MICHAEL HA FATTO CRACK – NEL LUGLIO 2015 IL CANTANTE NON FU RICOVERATO IN UNA CLINICA SVIZZERA DA 190 MILA STERLINE AL MESE PER UNA SEMPLICE DIPENDENZA DA MARIJUANA, IL PROBLEMA ERA IL CRACK: ''C’ERANO FESTE ALLE QUALI GEORGE COLLASSAVA SUL PAVIMENTO E DOVEVANO PORTARLO VIA SPORCO DEL SUO STESSO VOMITO"
2. LO AFFERMO' LA COGNATA NEL 2015: MICHAEL AVREBBE INIZIATO A FARSI TRASCINATO DAI SUOI “RAGAZZI DI VITA". SECONDO LA DONNA, SAREBBE STATA LA PASSIONE DI GEORGE PER IL SESSO GAY OCCASIONALE A PORTARLO A SPERIMENTARE IL CRACK: “LUI TENDEVA ALLA DIPENDENZA E AMAVA IL RISCHIO. NON AVEVA PROBLEMI A FARSI UNA DOSE NEI PARCHI PUBBLICI. ECCO A COSA LO HANNO PORTATO I RAGAZZI CHE AFFITTAVA PER LE SUE NOTTI DI SESSO” (VIDEO)

Secondo le ultime indiscrezioni George Michael si troverebbe in una clinica svizzera per combattere la dipendenza dal crack, e non dalla cannabis. A denunciare il vero problema della star è stata Jackie Georgiou, moglie del cugino di George Michael, Andros: “Prima che se andasse in clinica, era arrivato ad un punto in cui tremava e continuava a ripetere ‘devo farmi una dose’…

Condividi questo articolo


Alison Boshof per http://www.dailymail.co.uk/ - articolo pubblicato 13 lug 2015 

 

george michael george michael

Secondo le ultime indiscrezioni George Michael si troverebbe in una clinica svizzera per combattere la dipendenza dal crack, e non dalla cannabis. A denunciare il vero problema della star è stata Jackie Georgiou, moglie del cugino di George Michael, Andros: “Prima che se andasse in clinica, era arrivato ad un punto in cui tremava e continuava a ripetere ‘devo farmi una dose’. C’erano feste alle quali George collassava sul pavimento e dovevano portarlo via sporco del suo stesso vomito, cose terribili. Era diventato molto magro e molto malato”.

 

jackie georgiou jackie georgiou

“È per colpa del crack, della marijuana, dell’alcol e della cocaina se si è ridotto così– afferma Jackie Georgiou – avrebbe finito col morire o coll’essere arrestato, ero terrorizzata dall’idea che potesse morire”.

 

Secondo la donna, sarebbe stata la passione di George per il sesso gay occasionale a portarlo a sperimentare quel tipo di droghe: “Lui tendeva alla dipendenza e amava il rischio. Non aveva problemi a farsi una dose in un cespuglio o nei parchi pubblici. Ecco a cosa lo hanno portato i ragazzi che affittava per le sue notti di sesso”.

george michael e wham george michael e wham

 

In realtà il crack non è novità assoluta per George Michael: quattro anni fa aveva dichiarato, con il sorriso sulle labbra, di aver provato la cocaina sotto forma di crack. Una sostanza potenzialmente letale che può provocare psicosi, danni al cervello ed epilessia.

 

george michael con fidanzato fadi fawaz george michael con fidanzato fadi fawaz

Per molto tempo l’ex voce dei Wham! ha dribblato i suoi problemi affermando di avere la situazione sotto controllo. Poi una serie di arresti e di incidenti stradali per motivi di droga hanno portato i nodi al pettine, compresa una pericolosa polmonite che lo portò a un passo dalla morte nel 2011.

 

 

La testimonianza della cognata Jackie Georgiou arriva pochi giorni dopo la pubblicazione delle ultime foto di George Michael, in cui appare visibilmente ingrassato e invecchiato. Il cantante è stato paparazzato durante la cena per il suo 52esimo compleanno insieme ad alcuni amici in un ristorante di Zurigo, vicino alla clinica di lusso dove è in riabilitazione per, si dice, 190 mila sterline al mese.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI 

DAGOREPORT – C’ENTRA QUALCOSA L’AZERBAIGIAN NELLA MORTE DI RAISI? NON SI SA: DI CERTO BAKU È IL PRIMO FORNITORE DI PETROLIO DI ISRAELE, GLI 007 AZERI VENGONO ADDESTRATI DAL MOSSAD E SI VOCIFERA DI BASI SEGRETE ISRAELIANE – SI AVVICINA IL DOPO KHAMENEI (84 ANNI) CHE VEDE IN LOTTA IL DI LUI FIGLIO MOJTABA CONTRO L'EREDE DELL’EX AYATOLLAH KHOMEINI – PER LA SUCCESSIONE A RAISI IN CORSA L'ULTRADESTRO GHALIBAF E IL MODERATO LARIJANI – I COLLOQUI IN OMAN TRA WASHINGTON E TEHERAN, PER LA DE-ESCALATION NEL GOLFO, CONTINUANO, IN BARBA AI PASDARAN (E A NETANYAHU)

DAGOREPORT - COM’È NATO E COME È AFFONDATO IL REDDITOMETRO - LE CASSE PUBBLICHE SONO PIU' VUOTE DEL CERVELLO DI LOLLOBRIGIDA. E QUAL È LA SOLUZIONE DEL VICEMINISTRO LEO (FDI) PER RAGGRANELLARE QUALCHE SPICCIOLO NEL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE? FACILE: TARTASSARE IL CONTRIBUENTE. LA DUCETTA, CHE NON CAPISCE NULLA DI FINANZA CREATIVA, APPROVA - LA RIVOLTA DI TAJANI E SALVINI, NON INFORMATI DEL REDDITOMETRO, A POCHE SETTIMANE DAL VOTO: E LA MELONA E' COSTRETTA A RITIRARE IL DECRETO – GIORGETTI, SOLITO CEFALO IN BARILE: DICE A SALVINI DI NON SAPERE MA SOTTO SOTTO APPROVAVA LA MISURA – DAL VOTO EUROPEO AL REDDITOMETRO, LA SITUAZIONE DELLA “MAGGIORANZA COESA” È QUESTA: SALVINI CONTRO TAJANI, DA UNA PARTE. DALL'ALTRA: SALVINI E TAJANI INSIEME CONTRO LA DUCETTA...

FLASH – A CHE PUNTO È LA NOTTE UCRAINA? I MISSILONI AMERICANI STANNO PER ARRIVARE: QUANDO I RIFORNIMENTI SARANNO OPERATIVI, PARTIRÀ UNA CONTROFFENSIVA DELL’ESERCITO DI ZELENSKY, CHE DOVREBBE ALMENO ARRESTARE L’AVANZATA DEI RUSSI A KHARKIV E NEL DONBASS – LE TRATTATIVE SEGRETE PER LA TREGUA VANNO AVANTI, MA PER GLI USA SI POTRANNO CONCRETIZZARE SOLTANTO QUANDO GLI UCRAINI AVRANNO “TAMPONATO” L’OFFENSIVA DI PUTIN. QUANDO “MAD VLAD” SARÀ TORNATO UN PASSO INDIETRO, I COLLOQUI PER IL CESSATE IL FUOCO ENTRERANNO NEL VIVO…