FEBBRE A 90  - DAL RITORNO DI TWIN PEAKS AL NUOVO FILM DI VIRZI’, DA “FURORE” AGLI ETERNI LITIGI DEI FRATELLI GALLAGHER: IN PIENO REVIVAL ANNI’90 ARRIVA "NOTTI MAGICHE", LO ZIBALDONE DI BUONANNO-MASTRANTONIO CHE RIEVOCA SIMBOLI, FETICCI, SUPEREROI, IL CODINO DI ROBERTO BAGGIO E LE TETTONE DI PAMELA ANDERSON - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Francesco Persili per Dagospia

BASIC INSTINCT 4 BASIC INSTINCT 4

 

Febbre a 90. In tv arrivano le nuove puntate di “Twin Peaks”, la serie che annoverava tra i suoi fan anche Gorbaciov, torna “X-Files”, Enrico Papi rifà “Sarabanda”, Alessandro Greco ripropone “Furore”, al cinema Paolo Virzì prepara una commedia noir ambientata nell’estate delle "notti magiche", in politica si discute di federalismo e dell’alleanza tra Lega e Forza Italia. E Liam Gallagher litiga, as usual, col fratello Noel per “Champagne Supernova”.

 

Gli anni Novanta sono finiti da un pezzo eppure r-esistono ancora nei telefilm, nelle trasmissioni di culto, nel basso ipnotico di “Smells Like Teen Spirit” dei Nirvana e ne "La Regola dell’Amico" di Max Pezzali, nei revival “abbestia”, nei modi di dire: “Abbasta”. E’ eterno presente più che ritorno al futuro “Notti Magiche – Atlante sentimentale degli anni ‘90” il libro scritto a quattro mani da Errico Buonanno e Luca Mastrantonio, giornalista del Corriere della Sera, e pubblicato dai tipi di Utet.

 

NOTTI MAGICHE NOTTI MAGICHE

Un almanacco illustrato di feticci, speranze, ciucciotti di plastica, schifezze, merendine, "Calippo Frizz", orrori "acetati" dell’ultimo "decennio analogico". Senza Facebook e senza YouPorn ma con il modem 56k, le chat, Moana Pozzi e i rantoli di un bollente 144. E al diavolo la bolletta.

 

Per chi è nato tra la fine dei Settanta e l’inizio degli Ottanta questo libro è come riaprire lo zainetto “Invicta”, riprendere la “Smemoranda” e frullare le trame e le brame di un diario sentimentale che mette insieme Tamagotchi e Game Boy, Beautiful e Mtv, boy band e Spice Girls, il Barbour e le intramontabili Stan Smith, le matite per riavvolgere il nastro della musicassetta e l’estasi pomeridiana davanti alle ragazze di “Non è la Rai”.

 

Ma come è bello qui, ma come è grande qui.  Un vortice di ormoni impazziti e “attimini” da amarcord: le accanite a "Street Fighter", Dan Peterson che si esalta con Hulk Hogan, l’alta fedeltà alle classifiche di Nick Hornby. Altro che lo zibaldone leopardiano, naufragar m’è dolce tra le tette di Pamela Anderson. “Ma che ne sanno i 2000 di quando c’era il walkman e Fiorello al karaoke...”. E di "Pulp Fiction", che era ovunque. Anche all'interno di una discoteca quando la fidanzatina minacciava di tagliartelo davanti a tutti: “Se guardi ancora quella biondina, te lo stacco, ti faccio fare la fine di Bobbit”. Ahia. 

 

 

BEVERLY HILLS - ANNI 90 BEVERLY HILLS - ANNI 90

È una chiamata in correità per tutti gli adolescenti di allora questo volume. Nessuno si senta escluso. Anche chi adesso è genitore non ha smesso di sentirsi quel ragazzo che fantasticava davanti alle gambe (e “all’origine del mondo”) di Sharon Stone e viaggiava leggero con le “Air” Jordan ai piedi con la certezza che il 2000 sarebbe stato una figata. 

 

Un mondo "disconnesso e apparentemente felice". Il Muro che crolla, "l’Occidente senza nemici, l’Europa senza frontiere" e Brandon di Beverly Hills che passa dal giornalino di classe al Washington Post. Sì certo, come no? Ma cosa credi? Domani sarà meglio. Il “Divin Codino” di Roberto Baggio, la bandana al vento di Pantani, l’economia che correva: c’era la convinzione davvero di vivere nel migliore dei mondi possibili. Anche se erano anni di merda tra Tangentopoli, guerre e stragi mafiose. Superba è la poesia di Alda Merini e guai a chi tocca le nostre “notti magiche”, il mondiale del ’90, quando eravamo tutti Totò Schillaci, l’eroe per caso dagli occhi spiritati. Poi il colpo di testa di Caniggia, gli errori dal dischetto di Donadoni e Serena, la faccia di pietra di Goicoetchea, le lacrime sotto il cielo di un’estate italiana.

 

VAN BASTEN VAN BASTEN

La fine dell’illusione in quella maledetta semifinale contro l’Argentina persa ai rigori e la perdita dell’innocenza con l’addio al calcio di Marco Van Basten, il 17 agosto 1995. Quel giorno quei ragazzi “non abbastanza grandi da restare indifferenti” hanno iniziato a capire che anche "i supereroi non ce la fanno più e possono arrendersi". Il più apollineo dei centravanti ci ha insegnato ad accettare la sconfitta, a fare i conti con gli sgambetti del destino, a prendere coscienza delle fragilità. Game over. Gli anni ’90 cominciano a finire quel giorno, lunga vita agli anni ’90.

 

bongiorno-ruota-fortuna-324 bongiorno-ruota-fortuna-324

Anni colorati e folli, di felpe acriliche e di leggende metropolitane (le figurine con la droga, le vipere dal cielo), di brit pop e di amorazzi che duravano il tempo di una canzone. "Anni in motorino sempre in due" e indimenticabili uscite “in gruppo”. Tutti con una fiducia da matti nel futuro e la tv accesa nel tinello con Mike Bongiorno a regalare ottimismo: “Se sappiamo qualcosa della Ruota della Fortuna è che, a un certo punto, gira”. Allegria!

roberto baggio roberto baggio

non e la rai non e la rai LE RAGAZZE DI NON E LA RAI LE RAGAZZE DI NON E LA RAI NON E' LA RAI 3 NON E' LA RAI 3

144 - ANNI 90 144 - ANNI 90 GUERRA GOLFO - ANNI 90 GUERRA GOLFO - ANNI 90

 

MAX PEZZALI - ANNI 90 MAX PEZZALI - ANNI 90

 

pamela anderson pamela anderson

IL PROVINO DI SHARON STONE PER BASIC INSTINCT IL PROVINO DI SHARON STONE PER BASIC INSTINCT IL PROVINO DI SHARON STONE PER BASIC INSTINCT IL PROVINO DI SHARON STONE PER BASIC INSTINCT STONE BASIC INSTINCT STONE BASIC INSTINCT

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È UN MUSCOLOIDE “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GONFIAVA I MUSCOLI E GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, DI FATTO, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…