INQUINAMENTO LEGALE - EMILIO RIVA (ILVA) FA CAUSA ALL’ALDISSIMO BUSI PER AVERLO CRITICATO A “SERVIZIO PUBBLICO”

Il padrone della fabbrica, arrestato per disastro ambientale, porta in giudizio Busi per aver attaccato la sua famiglia durante la trasmissione di Santoro - Secondo Riva, Busi ha “prevaricato il suo diritto di critica” parlando dei danni fatti dalla famiglia dell’Ilva alla salute dei tarantini

Condividi questo articolo

Da www.altriabusi.it

Su autorizzazione di Aldo Busi e del suo legale, avvocato Danilo Zucchiatti, cui vanno i nostri ringraziamenti, portiamo a conoscenza un documento tanto sconcertante quanto esemplare del tipo di causa legale che da qualche tempo monopolizza l'attenzione della magistratura italiana. Trattasi di un atto di citazione notificato ad Aldo Busi da Emilio Riva, ex dirigente dell'ILVA.

FABIO ED EMILIO RIVAFABIO ED EMILIO RIVA DA OGGI ALDO BUSIDA OGGI ALDO BUSI

L'imputazione di "diffamazione aggravata", con relativa richiesta di risarcimento danni, riguarda alcune affermazioni pronunciate da Busi sul caso ILVA durante una puntata della trasmissione televisiva Servizio pubblico in onda su "La 7" il 30 novembre 2012. Di queste affermazioni l'atto di citazione fornisce almeno una mezza dozzina di interpretazioni, tutte volte a dimostrare che "prevaricano chiaramente il diritto di critica".

Da "Il Fatto quotidiano" del 24 aprile si evince che il Riva ha preso un'iniziativa analoga anche nei confronti di Angelo Bonelli, leader del partito dei Verdi, reo (al pari di Busi) di essersi avvalso del diritto di critica. In attesa di conoscere gli sviluppi della vicenda giudiziaria, sicuri di fare cosa utile pubblichiamo nella sua integralità la richiesta di comparizione a giudizio indirizzata a Busi. Il Giudice chiamato a decidere è il Tribunale civile di Varese. (Cliccare sull'atto di citazione sottostante per leggerlo.)

http://www.altriabusi.it/wp-content/uploads/Busi_Riva-Atto-di-citazione.pdf

nube rossa all ilva di tarantonube rossa all ilva di taranto r ILVA huger ILVA huge

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute