“FARDELLO DI CICCIA, SCOPPIA COME UN PALLONCINO” - AMBRA ANGIOLINI RICORDA I DISTURBI ALIMENTARI DI CUI HA SOFFERTO DA ADOLESCENTE E SQUADERNA “GLI INSULTI” DEI GIORNALI PER IL SUO ASPETTO FISICO DOPO “NON E’ LA RAI”: “IO ALLA FINE HO VINTO UNA GUERRA CHE NON DOVEVA NEMMENO ESSERE COMBATTUTA” – LE REAZIONI DI CRISTIANA CAPOTONDI E TIZIANO FERRO, CHE AVEVA RIVELATO COME MARA MAIONCHI LO AVESSE “OBBLIGATO A DIMAGRIRE”

-

Condividi questo articolo


Da leggo.it - Estratti

ambra angiolini articoli dopo non è la rai ambra angiolini articoli dopo non è la rai

«Fardello di ciccia», «maggiorata», «paffuta e rubiconda». Se è vero che le parole hanno un peso, le loro conseguenze possono avere un impatto devastante quando proprio di peso parlano. Ha dovuto farci i conti da giovanissima Ambra Angiolini, che ad appena 17 anni si è ritrovata travolta dal successo di Non è la Rai, dall'affetto del pubblico ma anche dall'attenzione di certa stampa che non perdeva occasione per fare osservazioni sul suo corpo, sottolineandone il cambiamento in ottica negativa. A riproporre articoli e servizi in tv è stata la stessa attrice e conduttrice in un lungo post pubblicato su Instagram.

 

 

Il fardello di ciccia

Ambra Angiolini in un'intervista recente ha parlato dei disturbi alimentari di cui ha sofferto da ragazzina: «A 13 anni sono diventata bulimica per un cancro dell'anima», ha spiegato con l'intento di sensibilizzare sul tema del bodyshaming. E anche stavolta, pubblicando su Instagram i ritagli di giornale e servizi tv in cui anziché esaltare la sua carriera ci si focalizzava sul suo aspetto fisico, quello di un'adolescente, lo fa per «rimettere a posto le cose» «Ripercorrendo la mia storia, con l’aiuto del mio amico @fabiomarantino (prezioso come non mai), mi sono resa conto dell’ ipocrisia della tv e di certa carta stampata; probabilmente non si può più dire niente solo perché avevano già detto tanto…troppo.

ambra angiolini ambra angiolini

 

 

Se in quel periodo, avevo solo 17 anni, qualcuno mi avesse fatto notare che non ero più “spensierata” invece di sottolineare ovunque quanto io fossi diventata grassa, avrei cercato di tornare ad essere più “mia“ che di tutti. Il problema di oggi, si dice ovunque, sono gli haters, ma c’è qualcuno che molto tempo fa gli ha evidentemente fatto scuola».

 

Questo il testo che accompagna le immagini in cui regnano impietosi titoli come «L'extralarge non si addice ad Ambra» o «Aiuto! Sto scoppiando come un palloncino» e stralci da servizi tv: «Ha un anno di più e qualche chilo di meno. Liberata dal fastidioso "fardello di ciccia"», dice la voce in sottofondo. Ambra poi conclude: «Io alla fine ho vinto una guerra che non doveva nemmeno essere combattuta».

 

(...) Cristiana Capotondi scrive «sei una sopravvissuta», Michela Andreozzi «io c'ero e ci sarò». Tiziano Ferro, che proprio nelle ultime settimane ha ricordato come Mara Maionchi lo avesse «obbligato a dimagrire», le scrive: «Ehhhh…lasciamo stare va!».

ambra angiolini 56 ambra angiolini 56 ambra angiolini ambra angiolini ambra angiolini articoli dopo non è la rai ambra angiolini articoli dopo non è la rai

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA