“MERITO UN ALTRO OSCAR”. SÌ, AL BOTOX! – NICOLE KIDMAN, GONFIA COME UNA ZAMPOGNA PER LE PUNTURINE DI BOTULINO, SPERA DI METTERE LE MANI SU UNA STATUETTA PER IL RUOLO DI LUCILLE BALL IN "BEING THE RICARDOS": “SONO PASSATI VENT'ANNI. CERTO, MI PIACEREBBE VINCERE, GIÀ SONO CONTENTA CHE SE NE PARLI, ERA DA ANNI CHE NON SUCCEDEVA…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Stefania Ulivi per il “Corriere della Sera”

 

NICOLE KIDMAN NICOLE KIDMAN

«Sono passati vent' anni. Certo, mi piacerebbe vincere, già sono contenta che se ne parli, era da anni che non succedeva». Quattro candidature agli Oscar, una sola vittoria, The Hours di Stephen Daldry, nei panni impegnativi di Virginia Woolf. Era il 2003. Ma quest' anno Nicole Kidman spera in un bis per un ruolo che, come quello della grande scrittrice, ha accettato con riluttanza, per timore di non farcela.

 

Quello di Lucille Ball in Being the Ricardos di Aaron Sorkin al fianco di Javier Bardem, per cui ha vinto il Golden Globe. Al telefono dalla sua casa australiana, Kidman non fa finta che non le interessi: «Ho dedicato la mia vita al cinema, alla recitazione, a girare il mondo alla ricerca di storie da raccontare, a supportare i registi.

 

NICOLE KIDMAN NICOLE KIDMAN

È la mia passione, sono stata molto fortunata a farlo per così tanto tempo». Quarant' anni. Ha cominciato giovanissima, in curriculum ha una novantina di film, oltre alla tv e all'attività di produttrice. «Con Aaron e Javier, ci siamo detti: "Siamo arrivati fino a qui, e salteremo dal tetto insieme". Vedremo come va».

 

Sembra essersi divertita parecchio nelle scene brillanti, come quella in cui pigia l'uva. Più commedie all'orizzonte?

«Ne sarei felice. Ora sono in Australia a prendermi cura di mia madre, che non sta molto bene. Sto con mio marito, le mie figlie, non sto lavorando adesso, vivo la mia vita normale. Ma mi piacerebbe tanto fare qualcosa di divertente, è liberatorio.

 

nicole kidman being the ricardos nicole kidman being the ricardos

Quando ho visto il film con il pubblico e li ho sentiti ridere, è stata la sensazione più bella che potessi provare. È qualcosa che non conoscevo bene, faccio più spesso ruoli drammatici. Con la pandemia è ancora più importante. E il nostro film va in profondità, parla di resilienza, ispirazione, capacità di gestire il fallimento e rialzarsi, far nascere un successo da ogni fallimento».

 

Lucille Ball era un'attrice, fondò la sua compagnia di produzione, la Desilu, cercò la quadra tra lavoro e famiglia, aveva un marito musicista. Le suona familiare?

nicole kidman the interpreter nicole kidman the interpreter

«Mi sono sorpresa nel trovare così tante cose in comune con lei, in cui potermi immedesimare tra vita privata e carriera. È stata una pioniera, non c'erano molti comici, figurarsi comiche. Voleva creare una compagnia di produzione, ma non c'era nessuno a cui ispirarsi, nessuna lo aveva fatto prima.

 

nicole kidman batman forever nicole kidman batman forever

E poi la sua relazione con il matrimonio, con Desi, davvero una grande storia d'amore, dal punto di vista creativo e romantico. Hanno avuto dei problemi, come molti altri, e non ha funzionato alla fine, ma è quello che chiamerei un matrimonio di successo per ciò che hanno creato, la loro arte e i loro figli».

 

Ha iniziato a recitare a 14 anni, ha tenuto testa ai più tosti registi del mondo, a partire da Stanley Kubrick. Non le è venuta voglia di mettersi al loro posto?

«Ho visto al lavoro i più grandi, conosciuto la loro ossessione, la loro energia, so cosa vuol dire essere un regista. Ho due figlie che sto crescendo, mio marito, la mia carriera da attrice e produttrice, e penso di non avere quella cosa lì.

nicole kidman il sacrificio del cervo sacro nicole kidman il sacrificio del cervo sacro

 

Non ho l'occhio, semplicemente non è la mia passione. Cerco di fare attenzione a come impiego il mio tempo, è davvero prezioso. Faccio al meglio la mia parte, recitare».

Nel 2002 ha fondato la sua casa di produzione, si aspettava che la tv avrebbe dato grandi soddisfazioni con serie come «Big Little Lies» o «The Undoing»? Ora avete in cantiere «Roar» e «Expats»...

 «Sinceramente no, è stata una sorpresa vedere quanto la tv sia diventata forte, come riesca a intercettare pubblico diverso in tutto il mondo. Quando si riesce a tenere il livello del cinema, è una grandissima opportunità per registi, attori e scrittori.

Nicole Kidman Nicole Kidman

 

E sono moto fiera che siamo riusciti a far lavorare le persone durante la pandemia, anche se è molto stressante. Abbiamo trovato modo di raccontare storie, contro ogni previsione. I film, gli show sono ripartiti, magari in maniere diverse, ma sono ancora lì. Lo trovo davvero molto toccante, perché le storie e l'arte, non verranno mai fermati. Sono felice di esserne parte».

 

Parla spesso di amicizia e sorellanza. Con Jane Campion siete legate da decenni.

«Mi pare da sempre. Lei conosce molte cose, è un'amica saggia. È molto curiosa, entrambe amiamo l'Italia, ci abbiamo passato tantissimo tempo, è così bello anche solo camminare a Roma.

nicole kidman tom cruise eyes wide shut nicole kidman tom cruise eyes wide shut

 

Condividiamo idee, arte, filosofia, mi ha fatto scoprire Elena Ferrante abbiamo un'amicizia davvero profonda, è la cosa che importa. Mi sento davvero di ringraziarla. Questa è la vera bellezza del nostro lavoro. Non è solo per un film, ma un viaggio insieme per tutta la vita». Ama l'Italia, dice. E il cinema? «Anche. Vorrei tantissimo lavorare con un vostro regista. Luca, Paolo (Guadagnino, Sorrentino, ndr ), io ci sono».

nicole kidman batman forever nicole kidman batman forever nicole kidman ph helmut newton vogue nicole kidman ph helmut newton vogue nicole kidman nicole kidman nicole kidman 3 nicole kidman 3 nicole kidman 1 nicole kidman 1 nicole kidman 2 nicole kidman 2 nicole kidman nicole kidman nicole kidman nicole kidman nicole kidman oggi nicole kidman oggi nicole kidman oggi se fosse una donna normale nicole kidman oggi se fosse una donna normale nicole kidman nicole kidman nicole kidman nel film il ca 5 nicole kidman nel film il ca 5 nicole kidman 1 nicole kidman 1 nicole kidman eyes wide shut nicole kidman eyes wide shut

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

SIAMO ALLE SOLITE: I TEDESCHI BLOCCANO L’INTESA SUI DAZI AL PETROLIO RUSSO! - IL GOVERNO DI BERLINO È SCETTICO (EUFEMISMO) RISPETTO ALLA PROPOSTA AMERICANA, PORTATA DAL SEGRETARIO AL TESORO USA, JANET YELLEN, AL G7 DEI MINISTRI DELLE FINENZE - È STATA LA STESSA YELLEN AD AMMETTERE: “NON È EMERSA UNA STRATEGIA CHIARA SUI DAZI” - LO STALLO CONTINUA ANCHE IN EUROPA, CON L’UNGHERIA CHE SI OPPONE AL SESTO ROUND DI SANZIONI CHE COLPIREBBERO IL GREGGIO (E SCHOLZ NON È COSÌ DISPIACIUTO)

cronache

sport

VINCERE AIUTA A VINCERE (E ANCHE AD ARRICCHIRSI) - NON SOLO LA GLORIA E IL PRIVILEGIO DI SFOTTERE I RIVALI PER ALMENO UN ANNO: CHI VINCE LO SCUDETTO INCASSA 25,6 MILIONI DI EURO (CONTRO I 18,7 DEL SECONDO), SENZA CONTARE I PREMI DEGLI SPONSOR, LA VENDITA DELLE MAGLIETTE, LA PRIMA FASCIA IN CHAMPIONS E NEL CASO DEL MILAN, LA PARTECIPAZIONE ALLA SUPERCOPPA - UN EVENTUALE VITTORIA DEI ROSSONERI AIUTEREBBE ANCHE AD AUMENTARE IL VALORE DEL MARCHIO E DELLA ROSA, UN TOCCASANA VISTO L'INTERESSE DI REDBIRD E INVESTCORP…

cafonal

viaggi

salute