MUGHINI: GHALI AVEVA IL DIRITTO DI ESPRIMERSI COSÌ COME HA FATTO SU GAZA. SEMMAI MI CHIEDO PERCHÉ SIA COSÌ DIFFUSA QUESTA SENSIBILITÀ CHE DIRÒ "PRO PALESTINESE" NEL SENSO CHE ANTEPONE LE SOFFERENZE DEI CIVILI PALESTINESI ALL'ORRORE PER I MASSACRI DEL 7 OTTOBRE. SONO I TIPINI DI HAMAS I PROPRIETARI DEI CORPI E DELLE VITE DEI PALESTINESI DI GAZA, A COMINCIARE DA QUELLE MIGLIAIA BAMBINI UCCISI PER DALLE BOMBE LANCIATE DAGLI AEREI ISRAELIANI. UNA TRAGEDIA BIBLICA, CARO GHALI. LO SA QUANTI SONO STATI I CIVILI ITALIANI UCCISI DALLE BOMBE ALLEATE CHE CI LIBERARONO DAI NAZIFASCISTI? 25MILA. NE TENGA CONTO NELLA SUA PROSSIMA CANZONE, ALLA QUALE AUGURO OGNI BENE…”-VIDEO

Condividi questo articolo


 

Giampiero Mughini per Dagospia

 

GIAMPIERO MUGHINI GIAMPIERO MUGHINI

Caro Dago, vedo che alcune personalità  del mondo ebraico/israeliano lamentano una frase contenuta nella canzone che il cantante Ghali ha esibito al recente Festival di Sanremo. Una frase che lascerebbe intendere che nel valutare la gran tragedia di Gaza lui è più sensibile alle ragioni dei palestinesi piuttosto che a quelle degli israeliani.

 

Se Ghali aveva il diritto di esprimersi così come ha fatto? A mio parere assolutamente sì, stava raccontando un suo giudizio, stava cantando una sua emozione. Volete che ci siano degli argomenti dove ha diritto di esistere una e una solo valutazione? Ai miei occhi questi argomenti non esistono, sempre e comunque hanno diritto di esistere valutazioni e sensibilità diverse.

 

Semmai mi chiedo perché sia così diffusa questa sensibilità che dirò "pro palestinese" nel senso che antepone le sofferenze dei civili palestinesi all'orrore per i massacri del 7 ottobre, a quei massacri di donne bambini anziani uccisi uno a uno al grido di “Allah è grande”, ivi compresi quei ragazzi e ragazze che erano andati nientemeno che a un raduno musicale, ciò che non è possibile non commuova il nostro Ghali.

ghali ghali

 

Senza quel massacro del 7 ottobre, non un civile palestinese sarebbe stato toccato con un mignolo dai soldati israeliani e benché l'organizzazione criminale detta Hamas lanci giorno dopo giorno decine di missili contro le abitazioni civili degli israeliani.

 

Hamas aveva preso il potere a Gaza dopo aver massacrato gli uomini fedeli alla linea politica di Yasser Arafat e del suo erede politico Abu Mazen. Per la cronaca avevano preso il cuoco di Abu Mazen, lo avevano legato mani e piedi, lo avevano portato su fino a un secondo o terzo piano e poi lo avevano scaraventato giù.

ghali 55 ghali 55

 

Sono questi tipini coi fiocchi i proprietari dei corpi e delle vite dei palestinesi di Gaza, a cominciare da quelle migliaia e migliaia di bambini uccisi per dalle bombe lanciate dagli aerei israeliani.

 

Una tragedia biblica, caro Ghali, lo riconosco. Lo sa quanti sono stati i civili italiani uccisi dalle bombe alleate che ci liberarono dai nazi-fascisti? 25mila. Ne tenga conto nella sua prossima canzone, alla quale auguro ogni bene.

 

MEME SULLO STOP AL GENOCIDIO DI GHALI A SANREMO MEME SULLO STOP AL GENOCIDIO DI GHALI A SANREMO

 

ghali 89 ghali 89 ghali ghali ghali 56 ghali 56

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…