NON C'E' MATRIMONIO CHE TENGA: SUL MATTONE NON SI SCHERZA – SULLE ATTIVITA’ IMMOBILIARI IN CUI TOTTI HA INVESTITO MOLTI DEI SUOI GUADAGNI DA CALCIATORE (POCO MENO DI 90 MILIONI DI EURO NETTI) LA FAMIGLIA BLASI NON TOCCA PALLA - DIETRO LA ROTTURA CON ILARY L’INSOFFERENZA CRESCENTE DEL "PUPONE" PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO FINITA NELLE MANI DELLE SORELLE DI ILARY (E DEI RISPETTIVI MARITI) MENTRE IL FIDATISSIMO FACTOTUM DI TOTTI, VITO SCALA, VENIVA MESSO AI MARGINI…

-

Condividi questo articolo


Alessandro Catapano Rosario Dimito per "il Messaggero"

 

TOTTI ILARY TOTTI ILARY

Buono, ma non fesso Francesco Totti. Indole che potrebbe tornargli utile in un'eventuale causa di separazione. Perché se è vero che nell'ultimo decennio ha progressivamente affidato la gestione della sua immagine alla moglie Ilary e alla cognata Silvia, accettando che i suoi storici collaboratori finissero ai margini, diversa - molto diversa - è stata la gestione delle attività immobiliari, in cui l'ex Capitano ha investito una parte cospicua dei suoi guadagni da calciatore, mal contati poco meno di novanta milioni di euro netti in venticinque anni di carriera.

 

ILARY MELORY ILARY MELORY

Della Numberten srl, fondata nel 2001 alla vigilia dello scudetto, la holding cui oggi fanno capo le sette società con cui opera nel mercato immobiliare, Totti detiene il 100% delle azioni, il fratello Riccardo è il presidente, la mamma Fiorella l'altro consigliere. L'azienda ha un patrimonio netto di 7 milioni di euro e macina utili per circa 4. Stesso discorso per la Vetulonia srl, l'altra società immobiliare di cui Totti è socio e amministratore unico.

 

TOTTI VITO SCALA TOTTI VITO SCALA

Su questo campo, la famiglia Blasi non tocca palla. O almeno, marito e moglie - che sono in regime di separazione dei beni - non hanno partecipazioni comuni. Come nella gestione dei giovani calciatori assistiti dal procuratore Totti, il mestiere che l'ex Capitano ha scelto dopo essersi allontanato dalla Roma (e che ora potrebbe subire qualche complicazione per via di un nuovo regolamento approvato dal Coni).

 

totti vito scala totti vito scala

Sono tre società (IT Scouting srl, CT10 srl, Coach Consulting srl) gestite con gli agenti sportivi Giovanni Maria Demontis e Pietro Chiodi. E' nella gestione della sua immagine e della sua storica scuola calcio che Totti - azionista allo 0,09% anche del Campus Bio-medico - ha ceduto progressivamente campo alla famiglia della moglie. Ilary (90%) e il suocero Roberto Blasi (10%) sono gli unici azionisti della Number five srl, la società che contratta tutti gli ingaggi extracalcistici dell'ex capitano (e non solo): comparsate in tv, spot pubblicitari, royalties su libri, film e serie televisive. Mentre nella società sportiva dilettantistica Sporting club Totti, che gestisce tutte le attività della Longarina, un tempo affidata al fratello Riccardo, oggi nelle mani del suocero, compaiono la moglie Ilary (90%), il cugino Angelo Marrozzini (5%) e il marito della cognata Ivan Peruch (5%).

 

totti scala totti scala

STORIA DI UNA CRISI Fa una certa impressione che una delle creature predilette dei Totti - la mitica scuola calcio, appunto - sia stata data completamente in appalto alla famiglia Blasi, e spiega - questa come altre scelte professionali degli ultimi anni - perché il rapporto tra marito e moglie si sia progressivamente deteriorato, fino a far emergere in superficie la crisi.

 

Al netto delle questioni più intime, e delle vicende personali in cui l'uno e l'altra possono essere incappati - ieri Totti era dato ancora a Milano per impegni personali (come ben documentato da Dagospia), ma qualcuno giurava di averlo avvistato nei pressi dell'abitazione di Noemi Bocchi -, alla base della crisi coniugale c'è anche, o forse innanzitutto, una gestione di sé che Totti ha prima avallato, poi tollerato, ma con un'insofferenza crescente.

 

TOTTI ILARY SILVIA MARITO TOTTI ILARY SILVIA MARITO

Nella parte finale della sua carriera, e particolarmente da quando si è ritirato, Totti ha accettato che l'organizzazione della sua vita professionale finisse progressivamente nelle mani della cognata Silvia e, più recentemente, dell'altra sorella di Ilary, Melory, che ha perso il suo impiego di ortottica. Le due cognate sono divenute via via più centrali nella gestione di Francesco, mentre i suoi storici collaboratori, a cominciare dal fidatissimo Vito Scala, si defilavano. Emblematica, in questo senso, fu l'organizzazione della festa dei suoi 40 anni, nel 2016, da cui rimasero fuori amici storici, per far posto al coté di volti più o meno noti con cui Totti si accompagna da qualche anno, sempre più annoiato.

totti ilary totti ilary

 

L'impressione è che Francesco e Ilary siano arrivati ad una resa dei conti anche su questo fronte, che l'uno voglia riacquistare i suoi spazi, magari anche tornando a lavorare nell'amata Roma, e l'altra voglia sentirsi libera di fare le sue scelte, senza compromessi. Un esito scontato, per chi li conosce bene, ma non per questo meno doloroso. Ci sono attività, case, soldi di mezzo, ma innanzitutto i ragazzi, e quelli vanno protetti da tutto questo.

ILARY TOTTI ILARY TOTTI ILARY E TOTTI ILARY E TOTTI TOTTI NOEMI 12 TOTTI NOEMI 12 noemi bocchi noemi bocchi TOTTI ILARY TOTTI ILARY

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

E TANTI SALUTI ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – LA PROCURA DI ROMA HA ACQUISITO I TABULATI TELEFONICI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA, DI “REPORT”, PER IDENTIFICARE LA FONTE DELLA NOTIZIA DELL’INCONTRO TRA RENZI E MARCO MANCINI, IL 23 DICEMBRE 2020 – LA QUESTIONE È QUANTOMENO DELICATA: POTREBBERO MONITORARE TUTTI I CONTATTI AVUTI DAI CRONISTI NEGLI ULTIMI MESI, ENTRANDO IN POSSESSO DI UN NUMERO NOTEVOLE DI POSSIBILI FONTI - L'INSEGNANTE CHE HA FILMATO L'INCONTRO NON HA LEGAMI CON I SERVIZI, COME IPOTIZZATO DA RENZI

business

UN WURSTELONE PER IL GOVERNO ITALIANO – LUFTHANSA VUOLE PRENDERSI “ITA” A PREZZO DI SALDO: LA COMPAGNIA TEDESCA OFFRE 250 MILIONI PER IL 51% DELL’EX ALITALIA. MENO DELLA METÀ DEL GENNAIO 2022, QUANDO SI PROPOSE INSIEME A MSC, E VENNE RIFIUTATA DAI TECNICI DEL MEF (GUIDATI DAL DG ALESSANDRO RIVERA) – ORA LA MAGGIORANZA STA LAVORANDO PER CONVINCERE APONTE A TORNARE IN PISTA: GLI AMBASCIATORI CHE DOVREBBERO CONVINCERE IL CAPO DI MSC SONO GIANNI LETTA E/O FABRIZIO PALENZONA. MA SARÀ DURA…

cronache

IL SOLITO DOPPIOPESISMO DELLA "GAUCHE CAVIAR": QUANDO ACCUSANO WEINSTEIN, LE VITTIME HANNO RAGIONE E LUI È UN PORCO, SE FINISCE DI MEZZO IL TUO FIDANZATO, È “LINCIAGGIO MEDIATICO” – QUELLA GRAN PARACULA DI VALERIA BRUNI TEDESCHI INVOCA LA PRESUNZIONE D’INNOCENZA PER SOFIANE BENNACER, IL SUO TOY BOY 25ENNE ACCUSATO DI STUPRO E VIOLENZA DA UN’INCHIESTA DI “LIBERATION”: “È CHIARO A TUTTI CHE NON È STATO ANCORA GIUDICATO, E QUESTA SCELTA EDITORIALE NON È ALTRO CHE UN PURO LINCIAGGIO MEDIATICO” – QUANDO VALERIA FECE PRESSIONE SUL COGNATO SARKOZY PER IMPEDIRE L’ESTRADIZIONE DELLA BRIGATISTA ROSSA MARINA PETRELLA (RIVENDICANDOLO COME "GESTO UMANITARIO")

sport

cafonal

CAFONALISSIMO SBANCATO! – ALLA GALLERIA DORIA PAMPHILJ SI SONO PRESENTATI I CARICHI DA NOVANTA PER LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO “BANCOR” (DALLO PSEUDONIMO USATO DA GUIDO CARLI PER I SUOI ARTICOLI SULL’’“ESPRESSO”) – IL RICONOSCIMENTO, ISTITUITO DALL'ASSOCIAZIONE GUIDO CARLI CON IL PATROCINIO DI BANCA IFIS, È ANDATO A SIR MERVYN KING, EX GOVERNATORE DI BANK OF ENGLAND – A MODERARE LUCIA ANNUNZIATA. SONO INTERVENUTI IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E IL PRESIDENTE DELLA CONSOB, PAOLO SAVONA. AVVISTATI ANCHE GLI EX MINISTRI DANIELE FRANCO, TIZIANO TREU E  L’INAFFONDABILE "LAMBERTOW" DINI…

viaggi

salute