C’E’ VANNACCI, LI MORTACCI! - CRUCIANI RACCONTA CHE AD ASSISTERE AL SUO SPETTACOLO TEATRALE DI TORINO, DOVE E’ STATO CONTESTATO DAI GRETINI DI “ULTIMA GENERAZIONE”, C’ERA ANCHE IL GENERALE - MENTRE GLI ECO-VANDALI INTERROMPEVANO LO SPETTACOLO, VANNACCI SI È ALZATO E LA FOLLA LO HA ACCLAMATO (C'E' SOLO UN GENERALE") – CRUCIANI: “È ARRIVATO PRIMA DEI CARABINIERI. I GRETINI? UNA PICCOLA SETTA DI ESTREMISTI PRIVILEGIATI PERCHÉ VIVONO IN OCCIDENTE..." - VIDEO STRACULT

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Hoara Borselli per “Il Giornale”

gretini interrompono giuseppe cruciani 4 gretini interrompono giuseppe cruciani 4

 

Giuseppe Cruciani, cosa è successo a Torino martedì? Stavi facendo il tuo spettacolo «Via Crux» e poi?

«Avevo iniziato da un paio di minuti quella parte dello spettacolo dedicata alle follie green. Da una zona centrale della platea si alzano due ragazze - più una reporter col telefonino con uno striscione in mano, e iniziano a gridare le solite frasi, che neppure si sentivano bene».

 

Cosa gridavano?

«Ma che ne so... ce l’avevano con gli idrocarburi...»

 

E poi?

roberto vannacci durante lo spettacolo di giuseppe cruciani - 3 roberto vannacci durante lo spettacolo di giuseppe cruciani - 3

«Si sono avvicinate, sono salite sul palco, hanno srotolato uno striscione. Poi hanno iniziato a parlare ma non si capiva nulla. Una di loro era Myriam Falco, un’attivista nota, che tra l’altro aveva una sua clip che fa parte del mio spettacolo. Non ho capito bene se protestasse anche contro se stessa...»

 

E tu?

«Io ho fatto notare che non si capiva niente di quello che dicevano e mi sono offerto di dirle io le cose che volevano dire, perché tanto le conosco, e siccome sono più bravo di loro le potevo dire meglio...» […]

 

gretini interrompono giuseppe cruciani 1 gretini interrompono giuseppe cruciani 1

Quanto è durata questa sceneggiata?

«Circa venti minuti. A un certo punto ho fatto chiamare i carabinieri, ma prima di loro è arrivato Roberto Vannacci che avevo invitato visto che anche lui si trovava a Torino».

 

E come è finita?

«Dopo un po’ sono uscite, nel tripudio generale»

 

Spiegami questa cosa. Loro gridano: c’è la censura, c'è la censura. Ma la censura la fanno loro. […] E’ così?

«Diciamo che non basta più parlare. Devono impedire di parlare a te. Alcune fasce estremiste sono coccolate dai meno estremisti».

 

gretini interrompono giuseppe cruciani 2 gretini interrompono giuseppe cruciani 2

Cioè?

«Beh la sinistra ufficiale, formalmente condanna, ma poi dice che però vanno tutelati questi che protestano perché hanno diritto a protestare. Vogliono tenerli buoni, vogliono i loro voti».

 

Ma secondo te cosa bisognerebbe fare? La protesta è legittima o no?

«Certo che è legittima. […] Gli si dà spazio in televisione, sui giornali, ci sono i social. Io dico: una volta gli ambientalisti non avevano mica tutte queste opportunità di esprimersi. E allora? Allora non gli basta più. Loro vogliono scioccare. Vogliono impedire. Impedire agli altri di dire le cose: a Molinari, a Parenzo, a Capezzone. Loro pensano che sia legittimo».

roberto vannacci durante lo spettacolo di giuseppe cruciani - 2 roberto vannacci durante lo spettacolo di giuseppe cruciani - 2

 

Tu cosa pensi di loro?

«Sono una piccola setta di estremisti privilegiati perché vivono in occidente.

Come i figli dei ricchi che nascono nella bambagia ma rifiutano di accettare quello che sono».

gretini interrompono giuseppe cruciani 3 gretini interrompono giuseppe cruciani 3 giuseppe cruciani giuseppe cruciani lo spettacolo teatrale di giuseppe cruciani 3 lo spettacolo teatrale di giuseppe cruciani 3 roberto vannacci durante lo spettacolo di giuseppe cruciani - 1 roberto vannacci durante lo spettacolo di giuseppe cruciani - 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA