LO STREGA DEI FANTASMI - SEBASTIANO VASSALLI: PIUTTOSTO CHE L’AUTORE ANONIMO (CIOÉ, ELENA FERRANTE/ANITA RAJA) SPERIAMO CHE VINCA IL PEGGIORE: UN ESSERE UMANO

Ci aspettano giorni di scoperte e di salutari sorprese. Forse, arriveremo a rimpiangere gli «sporchi» Strega del passato. E ci augureremo che vinca qualcuno con un nome certo e una storia. Ci augureremo che vinca, come al solito, un essere umano. «Nessuno», diceva Mark Twain, «può essere qualcosa di peggio»...

Condividi questo articolo

ANITA RAJA ANITA RAJA

Sebastiano Vassalli per il “Corriere della Sera”

 

Il primo Strega «pulito» della storia. Sulla scena romana dello Strega è comparso, finalmente!, il Fantasma. Chi ha letto il suo libro mi dice che c’è di meglio sotto il sole, anche tra i concorrenti di quest’anno: ma vuoi mettere? Il brivido della novità, dell’innocenza, dell’assenza di giochi sporchi è cosa che vale, oltre che un premio letterario, qualsiasi riconoscimento.

 

Dopo decenni che venivano premiati per delega gli editori, avremo sul palco un editore, anche lui parzialmente anonimo: e/o. «Sono qui», dirà, «per conto e per delega dell’autore, il signor Fantasma»: e l’andazzo (vergognoso) si sarà rovesciato. Oppure, brivido nel brivido, il mistero si svelerà in mondovisione, tra rulli di tamburi e squilli di trombe.

 

ANITA RAJA ANITA RAJA

Una donnarella tremebonda ci svelerà le ragioni del suo riserbo; o un sollevatore di pesi ci spiegherà che sì, il Fantasma era lui e continuerà ad esserlo, ma d’ora in avanti con un altro nome.

 

O un’altra personcina qualsiasi, ammiccando nelle telecamere, confesserà di essersi fatta dei bei soldi con questa furbata e ci rivelerà in mondovisione il ruolo dell’editore. Ci aspettano giorni avventurosi, di scoperte e di salutari sorprese. Forse, arriveremo a rimpiangere gli «sporchi» Strega del passato.

 

premio Strega -982x540 premio Strega -982x540

E ci augureremo che vinca qualcuno, forse non avvolto in un alone di innocenza e di novità, ma con un nome certo e una storia su cui si reggono le storie che racconta. Ci augureremo che vinca, come al solito, un peggiore: un essere umano. («Nessuno», diceva Mark Twain, «può essere qualcosa di peggio»).

elena ferrante libri 4 elena ferrante libri 4 francesco piccolo beve lo strega francesco piccolo beve lo strega lavagna del premio strega lavagna del premio strega francesco piccolo vince il premio strega francesco piccolo vince il premio strega elena ferrante libri 5 elena ferrante libri 5

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute