LA TORINO DEI GIUSTI - UNICO FILM ITALIANO IN CONCORSO A TORINO, “LA LUNGA CORSA”, OPERA SECONDA DI ANDREA MAGNANI, È UNA SORTA DI FAVOLA DI PICCOLO REALISMO MINIMALE, UN TEMPO SI SAREBBE DETTO “ZAVATTINIANO”, INTERPRETATA DAL BUFFO, STRALUNATO ADRIANO TARDIOLO, PROTAGONISTA DI “LAZZARO FELICE” DI ALICE ROHRWACHER. IL FILM SI MUOVE IN UN MONDO ALLA KAURISMAKI, MA NON PER QUESTO NON HA LA SUA ORIGINALITÀ. E TUTTI GLI ATTORI MI SEMBRANO MOLTO BEN COSTRUITI - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

la lunga corsa 9 la lunga corsa 9

Torino Film Festival. Unico film italiano in concorso a Torino, “La lunga corsa”, opera seconda di Andrea Magnani, che già si era distinto con “Easy”, è una sorta di favola di piccolo realismo minimale, un tempo si sarebbe detto “zavattiniano”, interpretata dal buffo, stralunato Adriano Tardiolo, protagonista di “Lazzaro felice” di Alice Rohrwacher.

 

la lunga corsa 5 la lunga corsa 5

Riprende quasi dal film della Rohrwacher sia il protagonista che il candido personaggio, un Totò il buono di “Miracolo a Milano”, che diventa qui il buffo Giacinto, ragazzo nato in carcere, figlio di una detenuta, la Aylin Prandi di “Diaz”, cresciuto tra un secondino baffuto di buon cuore, Giovanni Calcagno, e una grossa ergastolana dell’Est, la strepitosa Nina Naboka.

 

la lunga corsa 7 la lunga corsa 7

Se Giacinto non ha un vero carattere, è un Harry Langdon gentile che viene menato dai compagni da scuola da piccolo, seguito a sbagliare le mosse che gli permetterebbero di crescere e non si impone mai, a parte quando corre, tutti gli altri personaggi che lo sfiorano, dalla madre all’ergastolana al secondino, alla buffa direttrice della prigione, Barbora Bobulova con un occhio solo, sembrano muoversi inutilmente come falena attorno al fuoco alla ricerca di qualcosa che non troveranno.

CLIP DA LA LUNGA CORSA, DI ANDREA MAGNANI

 

la lunga corsa 6 la lunga corsa 6

Da qui percepiamo il non muoversi di Giacinto come una nascosta saggezza che gli permetterà, in fondo, di correre più veloce di altri, proprio perché non coinvolto in alcun tipo di corsa che ti offre la vita. Quando la mamma se ne va dal carcere, abbandona il figlio a se stesso, ma Giacinto non vuole spostarsi dal carcere dove è nato e finisce quindi per fare il secondino con l’aiuto del suo baffuto superiore. Solo che il suo buon cuore lo porta a fare sciocchezze, che gli faranno perdere i gradi e la libertà.

 

la lunga corsa 1 la lunga corsa 1

Ma di quale libertà stiamo parlando. Per Giacinto non esiste un fuori o un dentro dal carcere, non c’è differenza tra carcerato e secondino. Film assolutamente grazioso, fuori dalle regole dei film in streaming, di quelli da grande festival e di quelli più commerciali, come il suo protagonista gioca sul suo non volersi troppo agitare inutilmente.

 

la lunga corsa 4 la lunga corsa 4

E’ vero che Adriano Tardiolo, che parla un divertente ternano, lo abbiamo già visto in “Lazzaro felice” e non è una novità, ma è comunque una scelta particolare. Come è vero che il film si muove in un mondo alla Kaurismaki, ma non per questo non ha la sua originalità. E tutti gli attori che si muovono attorno Giacinto/Tardiolo mi sembrano molto ben costruiti nelle loro ben riconosciute nevrosi. E la Bobulova, il prete di Gianluca Gobbi e l’ergastolana sovrappeso di Nina Naboka sono fantastici. In sala a primavera.

la lunga corsa 8 la lunga corsa 8 la lunga corsa 3 la lunga corsa 3 la lunga corsa 2 la lunga corsa 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAGO-RETROSCENA: COME BENIGNI E SERGIO MATTARELLA HANNO "CONCORDATO" L'INTERVENTO SULLA COSTITUZIONE DEL COMICO A SANREMO – QUANDO È STATO INVITATO DA AMADEUS, ROBERTACCIO HA CONTATTATO L’ENTOURAGE DEL QUIRINALE PER INFORMARE IL COLLE (I RAPPORTI PERSONALI TRA BENIGNI E MATTARELLA SONO OTTIMI) - A QUEL PUNTO FUORTES HA COLTO LA PALLA AL BALZO E HA INVITATO IL CAPO DELLO STATO – IL COMICO HA "INTERPRETATO" MOLTO BENE LE INQUIETUDINI QUIRINALIZIE SUL PRESIDENZIALISMO TANTO CARO ALLA MELONI - LA LEZIONE PER VESPA E LA CRISI DIPLOMATICA SFIORATA CON ZELENSKY  

politica

DAGONEWS! - GIORGIA MELONI DOMANI PARTIRÀ ALLA VOLTA DI BRUXELLES PER IL CONSIGLIO EUROPEO, A CUI PARTECIPERÀ ANCHE ZELENSKY - GIORGIA SI RITROVERA' IN POSIZIONE ISOLATA AL TAVOLO DELLE TRATTATIVE, DOVE A CAPOTAVOLA CI SONO MACRON E SCHOLZ, E HA CERCATO UNA SPONDA NEL PREMIER SPAGNOLO SANCHEZ CHE HA RISPOSTO CON FREDDEZZA: NON HA DIMENTICATO L’INTERVENTO DELLA PREMIER ALL’EVENTO ELETTORALE DELL’ULTRADESTRA DI VOX - DAI MIGRANTI ALL'HUB DEL GAS, PASSANDO PER IL FONDO SOVRANO, I TEMI CALDI SU CUI GIORGIA FINIRA' IMPANATA E FRITTA...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute